Activity Tracking Follow-up

Sono passati quasi due anni e la mia fissa non è ancora passata.

Nel frattempo ho:

  • capito come funziona il protocollo delle notifiche del Fitbit Charge a livello bluetooth con tanto di PoC per Android, buttato giù in qualche ora (la versione per iOS richiederebbe giorni)
  • perso il mio Fitbit Charge HR, di cui ero molto soddisfatto, dopo una visita in spiaggia la scorsa estate
  • sostituito il suddetto con un VivoSmart HR, resistente a doccia, nuoto e svariate intemperie
  • sostituito l’app per Android che parlava con il mio fitbit con un’app per iOS che parla con il mio VivoSmart
  • completato un interessante progetto di interoperabilità (e mi fermo qui)

Ma la voglia di un dispositivo migliore resta. Il Charge 2, uscito da poco, sarebbe perfetto se:

  • fosse resistente all’acqua (lo è diventato persino l’iWatch!!), così da doverlo rimuovere dal polso solo per ricaricarlo
  • supportasse le notifiche di terze parti (lo fanno tutti i prodotti della concorrenza, comprese le cineserie da 10$ o più)
  • avesse una durata della batteria che fosse “5 giorni o più” e non “5 giorni sicuramente meno”

Se al primo aspetto si potrebbe ovviare con una soluzione ad-hoc seppur con un costo sostanziale (waterfi.com) e al secondo con un po’ di hacking (davvero non mi spaventa più niente), per il terzo non c’è proprio niente da fare. Resta il fatto che, visto che la concorrenza non sta a guardare, dovermi sbattere per risolvere problemi già risolti altrove sia un’idea molto in perdita, seppur consideri l’hacking una attività ricreazionale.

Non mi sorprende quindi che le aspettative finanziarie di FitBit siano state tremendamente disattese: tra saturazione del mercato, esaurimento dell’aspetto novità della questione e concorrenza agguerrita c’era per me ben poco da sorprendersi.

Intanto due prodotti interessanti sono all’orizzonte: il Pebble 2, smartwatch per gli acari duri e puri e il Withings Steel HR, 25 giorni con una singola carica ed un look davvero niente male.

Stay tuned.

-quack

Pubblicato giovedì 3 novembre 2016 alle 9:34 PM - 0 commenti so far
Archiviato in: Hardware

Dentist experience

Con la migrazione ad iOS ho deciso di tentare un’operazione spericolata: scrivere un’app personale per iOS, ad uso ed esclusivo consumo personale. Su Android, praticamente una faccenda da cinque minuti, che diventano sei se nel frattempo si vuol bere un espresso. Su iOS invece come da titolo. Il processo:

  • scaricare la versione giusta di XCode. Perché se l’aggeggio è aggiornato all’ultima versione, lasciate ogni speranza o voi che tentate
  • installare certificati e contro-certificati. In uno slancio di generosità è possibile sviluppare su iOS senza dover pagare l’obolo richiesto, $99 l’anno. Ci sono limitazioni (ad esempio niente push notification) ma è l’account che fa per me. Non ho infatti nessuna intenzione di distribuire la mia app, è un esperimento personale
  • usare documentazione scaduta. Hanno rilasciato una nuova versione del linguaggio (Swift 3) che è incompatibile con il codice precedente che va riscritto. La documentazione però non è stata aggiornata altrettanto velocemente. Quel che è peggio, gli esempi in giro, tutti ormai inutili quando sono buoni così come sono
  • farsi torturare dai cambiamenti di iOS. In questa versione hanno deciso che quei pochi stronzi come me a cui piaceva raggruppare le notifiche per app, debbano andarselo a pigliare in saccoccia. Niente raggruppamento per app e modifiche sostanziali all’intera feature, che è la parte più rilevante della mia stupida, fottuttissima app

Ciliegina sulla torta: hanno ridotto la vita dei certificati per i free developer da 90 a 7 giorni. Cioè non solo l’applicazione, a differenza di Android, “scade” ma adesso per tenerla in vita dovrei compilarla ogni settimana. Uno penserebbe che, pagando l’obolo, potrebbe tenere in vita l’app in maniera perpetua, ma scaduta la licenza annuale punto e a capo: non solo, il certificato andrebbe rinnovato ogni 90 giorni… eccezion fatta per lo sviluppo enterprise ($$$$, improponibile).

L’unica vera alternativa è la pubblicazione nell’App Store con distribuzione dell’app a cani e porci.

A questo punto il Google Pixel comincia a sembrare davvero un ottimo investimento.

-quack

Pubblicato lunedì 17 ottobre 2016 alle 8:51 PM - 17 commenti so far
Archiviato in: Apple

NAS Chronicles

Sono un po’ di giorni che il mio Cray-1 riporta errori sul Pool. Quando vado poi a controllare a mano uno degli HD non è online e comincia il panico. In un’occasione mi è bastato riavviare.

Ieri dopo alcuni minuti interminabili di resilvering il Pool era di nuovo online. Ma per quanto? In attesa di stabilire un piano di attacco ho preferito spegnere tutto.

Forse a causa delle temperature, forse semplicemente usura di uno di 4HD Hitachi comprati a Maggio 2011, è cominciata l’operazione salvataggio. Ho comprato 4 dischi da 4TB, stavolta modelli WD RED; per NAS. Probabile sia un marchingegno del marketing, ma almeno hanno una garanzia di 3 anni.

Ho comprato i dischi da Newegg che, per via dall’esenzione dalle tasse, è risultata essere più conveniente di Amazon. E cercando nello storico ho scoperto di aver pagato un prezzo per TB identico, anche se la qualità - si suppone - sia leggermente migliore.

Il piano:

  1. creare uno snapshot per ogni file system
  2. collegare i 4 nuovi HD in parallelo e lanciare un massiccio copy from to.
  3. staccare i vecchi
  4. rinominare il pool
  5. incrociare le dita

Una volta che tutto è a regime e funziona come prima, si può passare alla fase 2: NAS di backup. A questo punto è diventato una necessità per tutto quello che non è gia backuppato online.

-quack

Pubblicato venerdì 26 agosto 2016 alle 12:13 AM - 1 commento so far
Archiviato in: Hardware

iPhone 6s: il buono, il brutto e il cattivo.

Sono un paio di settimane che il mio iPhone 6S è diventato “il” cellulare che mi porto appresso e volevo fare un paio di considerazioni soprattutto quando confrontato con il mio cellulare precedente.

Stiamo parlando di due telefoni appartenenti a fasce diverse visto che, sconto aziendale incluso, un Nexus 5X oggi costa meno della metà dell’iPhone 6S.

Cominciamo allora con…

…il buono
Le prestazioni sono da favola. Apple usa alcuni trucchetti tipo tenere in cache l’ultima schermata dell’applicazione per dare l’impressione che il dispositivo sia più responsive. Nonostante la quantità di RAM sia la stessa quando lancio Facebook non mi tocca mai aspettare meno di qualche secondo, nella maggior parte dei casi si tratta di decimi. Sinceramente non so se la qualità della RAM e del processore possa avere un tale impatto, resta il fatto che i display hanno risoluzioni diverse e questo potrebbe incidere. Sarei stato felice se il Nexus 5X avesse avuto la stessa risoluzione se le prestazioni fossero state paragonabili, ma così non è.
Per riflesso questo si traduce anche in una foto-camera eccellente. Per il tipo di foto che faccio il burst mode funzionante (no, Camera X non ne ha uno) è altrettanto importante. Sono pure parecchio sorpreso che il buon vecchio HTC OneX ne avesse uno eccellente già anni fa mentre nel 2016 si è ancora legati troppo alla CPU. Devo dire però che in alcuni casi la fotocamera del Nexus 5X, tipo in condizioni di luce fioca, si comporta molto meglio. Mi sarei aspettato l’eccellenza ma è chiaro che la concorrenza sia parecchio agguerrita.
Ho osservato sprazzi di usabilità superiore, tipo quando si cambia una SIM e il sistema chiede di riconfigurare automaticamente il tutto: splendido.
Lo schermo è ottimo, mi piace molto la tonalità dei colori.
Il lettore di impronte funziona esattamente come dovrebbe ma essendo standard da un bel po’ ha un supporto migliore da parte delle applicazioni: tipo potrei loggarmi in banca semplicemente cliccando sul pulsante.
Infine tra le cose buone ho potuto osservare un’ottima durata della batteria: col mio Nexus 5X ci finivo spesso la sera sotto il 15%, per ora invece con l’iPhone mi ritrovo quasi sempre oltre il 50%.

Il brutto
L’ecosistema è piuttosto odioso e questo mi costringe ad utilizzare app di terzi: outlook per gli indirizzi hotmail e Gmail per quelli Google. Stessa cosa per il calendario e il player (l’app musicale di Apple non l’ho praticamente mai aperta). Considero l’ecosistema dei servizi Google parecchio superiore.
Siri: una piccola delusione che fa capire quanto l’AI di Google sia diversi ordini di grandezza migliore della concorrenza. Usare Bing per le ricerche poi è di una tristezza incredibile.
Sistema piuttosto ingessato: così ingessato che certe cose, tipo installare una tastiera, richiedono arzi-gogoli incredibili. La fatica poi per installare due suonerie personalizzate è a livello marziale. Mi dispiace davvero per chi non ha avuto modo di conoscere la libertà che offre Android.
Il launcher modello 3.1 (vs. quello win95 di Android dove il desktop non è il repositorio delle app ma un modo per accedere a quelle più interessanti) è molto primitivo. Se un app non interessa e non è disinstallabile bisogna relegarla in un folder che però non può contenere più di 9 app altrimenti le icone in miniatura non sono visibili. Scelta davvero del piffero che mi ha portato ad avere un folder propriamente chiamato “Apple Crap”.
Lo standard cavettistico proprietario che impone di avere il cavetto benedetto da Apple: tristezza infinita.

Il cattivo
Non ho trovato praticamente niente di cattivo anche se quasi tutto ciò che è brutto è quasi a livello di cattivo.

Spero che il prossimo Nexus, possibilmente basato sul nuovo Snapdragon, valga la pena di farmi tornare indietro. Usare le Google Apps su iOS fa sentire un po’ pesci fuor d’acqua.

-quack

Pubblicato mercoledì 25 maggio 2016 alle 3:27 AM - 40 commenti so far
Archiviato in: Cazzate, Cellulopoli

Switching to iPhone

In realtà non è un vero e proprio switching, un collega lascia il team e un po' di roba per iOS finisce nel “mio piatto”[1].

Così oggi il boss chiede in giro quanti di noi abbiano un iPhone ; risposta: un solo collega. Ed io pigliando la palla al balzo: ma si può avere qualche device in prestito? E lui: ne dovresti comprare uno, non vedo problemi a giustificarne l'uso proprio in vista di questo cambio.

È da un po’ che vorrei provare iPhone come dispositivo primario per un po' di mesi. Questo Nexus 5X mi ha un tanticchio deluso, il più sfigato in assoluto tra i Nexus visto - secondo me - l'allineamento completamente sbagliato dei pianeti confrontato con il predecessore:

  • si è scelto di elevare la risoluzione
  • si è scelto di usare un processore che si è rivelato sfigatissimo
  • si è aggiunto qualche baco software a peggiorare la situazione in maniera drammatica

Per i bachi, pare che tutto si sia risolto e l’imbattersi giornaliero faccia parte della vita di un tecnofilo: per lo meno ho linea diretta con qualche collega a cui fare una buona strigliata di capo. Per il resto invece non mi resta che aspettare.

E in attesa del prossimo Nexus, che si preannuncia spettacolare se le voci che si rincorrono sono fondate sull’hardware HTC, proverò ad usare l'iPhone come dispositivo primario. L'unico rimpianto l'app che mi son scritto per Android che non sarà possibile riscrivere per iOS senza dover imparare un sacco di cose da zero. Una in particolare: come scaricare i package dall'app store e fare reverse engineering di protocolli come mi è capitato di fare su Android in pochi minuti.

Devo solo decidere il modello: 5SE o 6S? Avrei pensato che le caratteristiche del Nexus 5X, a cui mi sono felicemente abituato, fossero più simili a quelle del 5SE che del 6S, ma ho dovuto ricredermi.

Consigli?

-quack

P.S. trattasi di dispositivo aziendale e spesato dall’azienda, quindi scelta totalmente priva di considerazioni sul budget.

[1] gergo informatico: il piatto è metaforicamente il posto in cui finisce la roba da “processare”. Non sempre è gustosa.

Pubblicato mercoledì 4 maggio 2016 alle 7:02 PM - 71 commenti so far
Archiviato in: Apple, Cellulopoli