Paraxenotopia Americana

Tradotto maccheronicamente (Google Translate) dall’inglese per “posti strani”, laddove la geografia politica è governata da coordinate creando risultati interessanti.

Colorado e Wyoming: due stati dai confini perfettamente rettangolari, almeno nelle intenzioni (nella pratica ci sono stati in passato diversi errori e dovute correzioni). Più informazioni qui.

Four Corners: l’unico quadri-punto americano, uno dei pochi al mondo. Ovvero l’unico punto del territorio degli Stati Uniti in cui si toccano quattro stati: Arizona, Colorado, Nuovo Messico e Utah. Reso famoso in un episodio di Breaking Bad.

Haskell Free Library: una biblioteca a confine tra Canada e Stati Uniti, così a limite che il confine è segnato con una striscia nera sul pavimento di una delle stanze della biblioteca.

Point Roberts: exclave degli Stati Uniti in territorio Canadese.

Indiana: lo stato diviso in diversi fusi orari. A peggiorare le cose, la suddivisione stessa è andata mutando nel tempo.

-quack

Pubblicato martedì 20 maggio 2014 alle 2:48 AM - 2 commenti so far
Archiviato in: Cazzate, Seattle e dintorni

Herpes

Finalmente si può comprare una XBox senza Herpes (riferimento alla vignetta spettacolare).

Ovviamente, come è successo persino quando Microsoft ha dichiarato che rimuoveva il DRM restrittivo dalla nuova, qualcuno ci spiega che in realtà accontentando i clienti MS non stia facendo loro un favore perché l’abbiamo già sentito in passato: un certo tipo di DRM è il futuro, il nuovo start screen è il futuro, un bundle che viene mandato giù per la gola è il futuro, ecc. ecc. ecc.

Il ragionamento (sbagliato) è questo: siccome i developer Xbox One sanno che Kinect è ubiqua, ci saranno più giochi che la supporteranno e meglio.

Come se “l’adattabilità” di un gioco alla Kinect fosse un dettaglio estremamente secondario.

Poi ci sono altri aspetti che rendono la faccenda molto triste, come ad esempio il fatto che per l’ennesima volta MS ha bisogno del feedback dei suoi clienti per capire che sta facendo una cazzata. Fossi membro della board sarei molto preoccupato di questo aspetto ovvero del fatto che una azienda è così scollegata dalle esigenze dei propri clienti da richiedere continue e costose correzioni di rotta.

Spero che il nuovo CEO metta la nave in rotta. Trattandosi di un Titanic un certo tipo di latenza è persino prevista. Però mi sembra che i tempi siano maturi per notare le prime correzioni importanti.

-quack

Pubblicato mercoledì 14 maggio 2014 alle 7:20 PM - 15 commenti so far
Archiviato in: Microsoft, Cazzate, Vignette

Sneakernet

Piccolo aggiornamento: sono nella fase finale di messa a punto del Cray-1 e stasera ho fatto la migrazione dell’OS dal disco meccanico (che poi ho scoperto essere un povero 5400rpm) al disco solido. Immaginavo che usare CloneZilla sarebbe stato più semplice che usare un prodotto per Windows che gira su Windows in quanto CloneZilla lavora offline, ma mi son sbagliato di grosso. Per fortuna avevo una licenza gratuita dell’ottimo prodotto della Paragon Software ed è passata la paura. Effettivamente l’hard disk era il collo di bottiglia, il sistema adesso si avvia in meno di un minuto, misurato al momento in cui la sintesi vocale annuncia che “il servizio rippatutto” è stato avviato con successo. Col disco meccanico i minuti richiesti erano quasi sei, ma il resource monitor non mostrava molto accanimento verso il disco e per questo ero un po’ scettico.

Adesso che le prestazioni sono decenti, che il guest agent di xenserver sembra non avere più bisogno di un GB di RAM per girare e che lo scanner è tornato allegramente a poter essere condiviso, è arrivato il momento di riprendere a pensare ad un piano di backup offline (ho i file importantissimi riversati anche nel cloud, ma ciò non basta secondo la famosa regola del 1-2-3).

È da parecchio che rimugino su un sistema basato appunto su Sneakernet, ovvero tenera aggiornate due repliche di dati usando un supporto fisico come mezzo su cui far viaggiare i dati. Credo che abbia cominciato a pensare a qualcosa del genere mentre ascoltavo una collaboratrice dello scomparso Jim Gray, ed ho pensato ad una ricetta basata su ingredienti a mia disposizione:

  1. la possibilità di ottenere l’elenco dei file modificati, aggiunti, cancellati o rinominati a partire da uno snapshot disponibile con qualche incantesimo da riga di comando con solaris
  2. una volta ottenuta la lista, processare i file e metterli su una chiavetta che poi a destinazione verranno sincronizzati con la seconda replica
  3. un servizio Windows (perché nonostante tutto sono ancora estremamente più produttivo con C# che con qualsiasi altro mezzo) che automatizzi quanto più possibile la sequenza di operazioni: tipo inserisci la chiavetta, si smazza il delta e quando ha finito la sintesi vocale annuncia che la copia è pronta

Vista la mia attuale familiarità con Java, ho pensato ad un demone Solaris che si mette in ascolto e che, ricevuta la parola d’ordine, mette a disposizione il delta su una share e poi tutto il resto comodamente gestito da Windows.

Avrei pensato che la parte più difficile sarebbe stata conciliare il nuovo delta con un delta pre-esistente, ma a quanto pare scrivere un demone in Java sembra sulla carta molto più semplice di quanto sia in realtà. Tra l’altro mi dovrei fidare di un OpenJDK qualora volessi usare una versione più recente di quanto preinstallato già su OpenIndiana.

Ergo, il viaggio che mi aspetta sembra essere molto lungo… caro diario…

-quack

Pubblicato sabato 10 maggio 2014 alle 6:58 AM - 0 commenti so far
Archiviato in: Cazzate, Backup

XenRecipes #5 - OpenIndiana PV su XCP 1.6

Sono riuscito finalmente a trovare una versione di pygrub/pvgrub che supporti il boot da ZFS. Ovviamente come spesso accade con progetti distribuiti solo come codice sorgente, ho dovuto smadonnare un bel po’ prima di ottenere dei binari funzionanti. Poi giacche’ c’ero, ci ho aggiunto un tocco personale rimuovendo un po’ di messaggi diagnostici sparati alla console.

PvGrub consente di risolvere il problema dell’uovo o della gallina dovuto al fatto che bisogna far partire un kernel da un file-system che solo il kernel può “interpretare”. PvGrub emula un mini-OS che fa il boot e lancia una versione di Grub in grado di interpretare i file-system tra i più disparati.

Ricetta:

  1. scaricare l’ISO di OpenIndiana in /var/opt/xen/iso (creare il folder se già non esiste).
    cd /var/opt/xen/iso && wget [openindiana.iso url]
  2. copiare alcuni il kernel ed il boot_archive in /guests (creare il folder in caso)
    mkdir /iso
    mount -o loop /var/opt/xen/iso/openindiana.iso /iso
    cp /iso/platform/i86xpv/kernel/amd64/unix /guests/unix
    cp /iso/platform/i86pc/amd64/boot_archive /guests/boot_archive
    umount /iso
  3. scaricare mini-os.quiet.gz in /guests
    cd /guests && wget [url pvgrub]
  4. creare la macchina virtuale via XenCenter e assegnare l’ISO ma non avviarla
  5. switchare la macchina virtuale in modalità PV con avvio da CD
    export UUID=[uuid della VM]
    xe vm-param-set uuid=$UUID PV-kernel=/guests/unix
    xe vm-param-set uuid=$UUID PV-ramdisk=/guests/boot_archive
    xe vm-param-set uuid=$UUID PV-args=
    '/platform/i86xpv/kernel/amd64/unix -B console=ttya'
    xe vm-param-set uuid=$UUID HVM-boot-policy=
    xe vm-param-set uuid=$UUID PV-bootloader=
  6. installare Solaris e fare shutdown
  7. switchare il loader a pv-grub
    xe vm-param-set uuid=$UUID PV-kernel=/guests/mini-os.gz
    xe vm-param-set uuid=$UUID PV-ramdisk=
    xe vm-param-set uuid=$UUID PV-args='(hd0,0,a)/boot/grub/menu.lst'
  8. riavviare Solaris, creare gli utenti, le share, ridurre il timeout in grub, ecc.

Questo tipo di setup non richiede ulteriore manutenzione, ovvero non bisogna copiare o forzare l’update del boot_archive o altro.

PV-grub e’ scaricabile qui oppure qui in versione “quiet”.

-quack

Pubblicato mercoledì 7 maggio 2014 alle 11:55 PM - 0 commenti so far
Archiviato in: Virtualizzazione

Crayless

Ho ammazzato il mio Cray-1, omicidio involontario.

Tutto è cominciato con la violazione innocente e non voluta della legge fondamentale dell’Universo applicata all’informatica: se qualcosa funziona non toccarla, incarnatasi nella versione “tieni Windows Update attivo su Windows Home Server”. In realtà nei casi più comuni è cosa buona e giusta, ma essendo il server completamente rivolto verso l’interno della rete e protetto molto aggressivamente da firewall su firewall, avrei dovuto pensarci prima. Soprattutto perché questo Windows Home Server aveva in carico pochissimi compiti:

  • backup client per CrashPlan, responsabile di mandare nel cloud foto e documenti
  • servizio rippatutto, un piccolo server in grado di leggere una memory card formato Nikon e di smistare foto e thumbnail in share organizzate per mese e anno. Qualcosa che avevo fatto in casa e di cui ero molto orgoglioso
  • server per MyMovies
  • server per condividere la stampante (con funzionalità di scanner con un altro artificio personale ad hoc) in rete
  • server per backup dei PC, in realtà in pensione in attesa di tempi migliori da dedicare al backup dei PC di casa; cosa che sta avendo meno peso grazie ai vari dropbox e OneDrive

Tutto sommato un carico perfetto per una macchina virtuale in condivisione su Cray-1.

Tale server però aveva già mostrato segni di vetustà in quanto in alcune occasioni lo shutdown terminava o in un BSOD o non terminava affatto (neppure dopo 24 ore, test personale effettuato) e richiedendo quindi un hard reset. Non so se la colpa va attribuita a Crashplan (avido di RAM e CPU) o ai driver paravirtualizzati o altro, fatto sta che aveva cominciato a risentirne di ciò il servizio rippatutto, comodo in quanto basato su set-and-forget, richiedendo sessioni sempre più frequenti di baby-sitting. L’idea era di scrivere una app che mi facesse risparmiare tempo (vedasi) ma l’app pronta e funzionale dava segni di matto a causa di qualche impiccio non imputabile al codice stesso.

Poi durante le vacanze di Natale lo scanner ha smesso di funzionare e la causa imputabile a problemi software. Anche in questo caso il tempo investito nell’automation è stato abbondantemente ripagato, ma evidentemente qualche aggiornamento di Windows ha creato problemi ai driver dello scanner.

Se un server incaricato di quattro servizi smette di offrirne due e dà segni scleramento significa che è tempo di cominciare a preparare rimedi: messaggio subliminale accolto e recepito.

Con insolito ottimismo ho pensato: compro un disco a stato solido per installarci il sistema, ci aggiungo un pizzico di RAM (ho comprato un banchetto da 8GB da distribuire fra tutte le VM del Cray), ci aggiungo il vecchio disco meccanico da usare per il supporto del backup dei PC e vivo felice. Mi sfuggiva un particolare che avevo inconsciamente rimosso da tempo: ci avevo già provato ma Xen faceva casino con i dischi e non ho investigato oltre. Ma il prurito cominciava a diventare malanno e ho dovuto “mordere il proiettile” come dicono da queste parti.

Orbene: non so se per colpa di XenCenter o quant’altro, ma aggiungere un disco al sistema si è rivelato impossibile con la configurazione corrente. Pare che alcuni file di configurazione vengano completamente ignorati e sinceramente di capire più a fondo qual è il problema, dopo aver navigato per due giorni in cerca di soluzione, non è qualcosa che mi attira. Avrei risparmiato tempo e salute a corto termine se avessi comprato un disco SSD da un TB o giù di lì (ormai intorno ai 400$), ma a medio e lungo termine sentivo che la battaglia sarebbe stata solo rimandata.

Ho pensato di fare l’upgrade di XCP da sempre in versione 1.5 beta (legge fondamentale di cui sopra) e passare ad una più stabile, tipo la versione 1.6; che l’upgrade in place mi avrebbe preservato le VM e i miei sbattimenti si sarebbero ridotti al limite, ma l’informatica è una brutta bestia piena di promesse non mantenute o persino mantenibili. Mi son ritrovato che le VM erano tutte lì ma andavano tutte riconfigurate ex-novo, inclusa (e non me lo sarei mai aspettato!) una VM completamente virtuale su cui ci girava un XP di annata. Durante l’upgrade l’installer mi aveva persino tranquillizzato promettendo un backup della configurazione corrente in una partizione secondaria, ma i genii che hanno scritto l’installer non hanno messo l’opzione di restore nel CD di installazione. Con l’intenzione di rimandare l’upgrade a tempi più maturi, ho provato a fare un restore binario usando dd ma ho ottenuto un drive che non è più bootabile e, canaglia io, un po’ me l’aspettavo.

Morale della favola il Cray-1 così come era nato e stato concepito due anni fa è spento. Per emergenza ho collegato la stampate al mio router su cui gira tomato e sono rimasto felicemente sorpreso dal fatto che la condivisione della stampante, una delle poche cose che ancora funzionava e servizio da garantire al 99.99999% pena visita alla doghouse, è andata in buon porto senza tanti sbattimenti. Curioso ho provato a vedere se fosse possibile condividere anche lo scanner e mi sembra di aver ottenuto buone speranze: mi rincuora sapere che posso delegare alcuni dei servizi assegnati ad una macchina Windows a server che posso personalmente garantire maggiore stabilità (leggasi l’aggiornamento del firmware di un ruoter avrà cadenze di un paio di ordini di grandezza inferiori a quelli di qualsiasi macchina Windows di Paperopoli).

Sto pensando alle alternative adesso che, dopo due anni, posso permettermi il “lusso” di riconcepire il Cray: credo che testerò l’ultima versione del server VMWare che mi sembra meno pignolo di Xen nel supportare quello che supporta, ma penso che alla fine finirò per scegliere XenServer 6.2, tra tutti i mali quello che penso di conoscere meglio. Penso che sostituirò WHS con WSE (Windows Server Essentials, offre tutte le feature di WHS e di più) in quanto più nuovo anche se dover avere a che fare con Metro in una macchina virtuale o via RDC proprio non mi entusiasma. Il mio ottimismo informatico mi porta a credere che in due anni le cose saranno migliorate di parecchio. Il mio pessimismo cosmico mi dice che devo prepararmi ad un paio di notti insonni e avere un solido piano di rivitalizzazione degli Zombie. Alè.

-quack

UPDATE 1: la prima VM è resuscitata dal regno dei non-vivi, non dopo aver ceduto con l’onore delle armi: BSOD da boot a causa dei vecchi driver Xen. Note to self:

1) l’editor per unix nano non funziona bene e introduce dei line break casuali sulle linee editate
2) nell’esempio dei miei post precedenti non sono indicate (ovviamente) tutte le periferiche. Un buon lavoro però nonetheless.

UPDATE 2: altra buona notizia è che l’upgrade a XenServer 6.2 ha sistemato il baco che ha dato origine a tutto questo incasinamento. La prossima mossa è resuscitare la macchina virtuale Solaris, decisamente il passo più complicato di tutta la procedura.

UPDATE 3: dal supporto di XenServer 6.2:

Does XenServer support Solaris x86 as a guest operating system?

No. The experimental support for Solaris x86 has been removed from XenServer v6.2.0.

In parole povere adesso se l’hypervisor si accorge che stai facendo il boot di Solaris, ferma immediatamente la VM. Piano di backup: installazione di XCP 1.6 (basato su XenServer 6.1) e dita incrociate. Life sucks

Pubblicato mercoledì 30 aprile 2014 alle 7:20 PM - 11 commenti so far
Archiviato in: Cazzate, Virtualizzazione