Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Giu Mag Feb Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen
Shipped via USCS

USCS = United States Camel Service.

In parole povere - alla stregua di "the check is in the mail" - quando un pacco viene 'spedito' ma senza un tracking number di sorta.

Premessa: negli US e' molto facile comprare per posta in quanto durante la mia modesta permanenza di 8 anni, non si e' mai perso un pacco anche qualora la merce preziosa fosse stata depositata davanti alla porta. Semmai, se qualcuno per risparmiare qualche fiorino dovesse scegliere la tariffa media mail (l'equivalente delle nostre 'stampe') tocca semplicemente aspettare qualche giorno in piu' (dai 5 ai 10).

 

Devo ammettere che acquistare per posta ha i suoi pro e i suoi contro:

  • non si pagano le tasse (circa 10%) ma si pagano le spese di spedizione (su grossi acquisti il risparmio, unito al prezzo mediamente piu' basso, puo' essere davvero consistente)
  • non si gode dell'instant gratification, ovvero di quella bella esperienza di andare a casa con l'acquisto sotto il braccio tipico ad esempio degli acquisti da Fry's
  • restituire merce difettosa puo' drasticamente ridurre tutti i vantaggi a zero e farla diventare un'esperienza ESTREMAMENTE negativa: non buono per acquisti di processore, motherboards, etc.

Giorni fa, visto che il mio cellulare stava morendo, ho trovato irresistibile l'offerta aziendale di Cingular per noi dipendenti di zio Bill. Circa 150$ + IVA per un Cingular (motorola?) 3125 (anteprima qui). Il tutto per un contratto di due anni appena ma con costi fissi minimi (i ricaricabili qui sono semplicemente un furto nonostante non ci siano costi di ricarica). Allettato dalla possibilita' di ammortizzare il costo del telefono in meno di un anno, ho aderito all'offerta in buona compagnia. Da notare che il piano aziendale non era pubblicizzato abbastanza, ma disponibile solo su richiesta (bisognava andare a parlare con 'Armando' gia' consci di cosa voler comprare): i piani pubblicizzati erano quelli "privati con sconto" che partivano dal triplo del mio ma con una miriade di minuti inclusi (che io no ho MAI usato). Firmato il contratto in cui la Cingular detiene il diritto di cancellare il mio contratto a sua discrezione ma io no (dovrei pagare una penale di 200$ che copre lo sconto sul cellulare) ho chiesto ad Armando quando avrei potuto ritirare il prezioso gadget, visto che ormai partecipo ad un meeting si/un meeting no (bella scusa, eh? Big Smile). Armando mi ha detto di passare il giorno dopo dal suo stand per ritirarlo (al che mi son detto: WOW). Ma il giorno dopo Armando mi ha riferito di non passare piu' dal suo stand, ma che il telefonino e la SIM sarebbero stati spediti in pochi giorni direttamente a casa. Poco male: ero in ferie e mi sarei scocciato un po' a dover passare in ufficio. E li mi e' venuto un timore bestiale: vuoi vedere che si tratta di una spedizione via cammello?

Ho chiamato la settimana scorsa per chiedere possibilmente un tracking number. Mi hanno detto che purtroppo la neve... sai com'e'.... ecc. E che il tracking number non esiste. E che se non fosse arrivato entro domani (6 Dicembre) avrei potuto richiamare (dopo che ci ho messo 4 telefonate per riparlare con Armando) e chiedere lumi.

Il caso e' chiuso, si tratta quindi di USCS. Spero che arrivi entro domani perche' sono ormai sprovvisto (il mio vecchio cellulare me ne combina di tutti i colori, ma questo merita un post a parte).

Auguratemi buona fortuna e datemi qualche consiglio per mantenere la pressione bassa.

-quack

Pubblicato martedì 5 dicembre 2006 alle 6:51 PM - 0 commenti so far
Archiviato in: Cazzate

Nevica

O perlomeno: nevicava. Ora c'e' il sole. Freddo.

Pubblicato martedì 28 novembre 2006 alle 9:20 PM - 6 commenti so far
Archiviato in: Cazzate

Il caso dei trasferimenti lenti di messenger

E' da un po' che sono molto scocciato dall'infame messaggio "If you are experiencing a slow transfer rate, click here to find out why". Ieri, armato di santa pazienza e di nuovo router di zecca (un'altra storia da raccontare), ho cercato di capire PERCHE'!

Alcuni indizi:

  1. non dipende dalla versione di messenger (succede sia con la 8.1 Beta che con la 8.0)
  2. non dipende dal router (ne ho provati 4); o per lo meno: non dipende interamente dal router
  3. non dipende dall'ISP: connesso direttamente al modem tutto sembra funzionare alla perfezione
  4. non dipende dall'OS (in senso stretto): si verifica - in alcuni casi - anche su windows XP SP2
  5. non dipende dai vari firewall: si verifica anche quando i firewall sono completamente disattivati
  6. non dipende dal settaggio dell'UPnP del router: il problema si verifica anche quando l'UPnP e' attivato

Quando pensavo ormai di essere sfigato e basta, ho installato messenger sul mio mediacenter (XP SP2) e tutto funzionava alla perfezione... Ma allora cos'e'?

Un passo indietro.

Fino alla versione 5.x di messenger era necessario aprire a mano alcune porte sul firewall del router (6891-6900). Questo pero' semplicemente non funziona se dietro il firewall ci gira piu' di un client messenger. Infatti tale numero di porte e' limitato (10 in tutto) e finirebbe - in casi quasi estremi - per esaurisi facilmente. Dalle versioni successive il meccanismo e' cambiato e richiede un router in grado di supportare UPnP. L'idea non e' malvagia in quanto l'UPnP e' uno standard ormai quasi onnipresente su router di ogni marca e modello. L'UPnP espone un'interfaccia comune che rende facile per le applicazioni aprire una porta sul firewall al volo: per gli smanettoni qui c'e' il codice di esempio ed un tool pratico per verificare il funzionamento dell'UPnP del router con tanto di sorgente.

Quando tutto funziona correttamente durante l'inizio di una sessione di file transfer il messenger si fa una chiacchierata col router via UPnP e apre una porta (immagino a caso) da usare per il trasferimento. Se tale dialogo per qualche ragione non va a buon fine, messenger dirotta il trasferimento del file via server (di cui ignoro le modalita') ma che risulta estremamente lento e fa apparire l'odioso messaggio in cima alla finestra.

La domanda allora diventa: cos'e' che fa fallire questo dialogo? L'atroce scoperta avvenuta passata mezzanotte e' che il dialogo non "funziona" (solo per il file transfer; per l'audio funziona benissimo) se messenger gira con un token restricted (ovvero come utente normale e non amministratore). Questo purtroppo e' quello che accade di default in Vista (e per estensione sul portatile della formichina su cui gira XP SP2 in LUA mode): in realta' - baco a parte - questo e' un grosso vantaggio che vale da solo l'upgrade a Vista; mi riferisco al fatto che anche loggandosi come amministratori le applicazioni vengono lanciate con un token restricted. Un quick test lanciando messenger come "amministratore" ha confermato la mia ipotesi.

E cosi' il caso e' chiuso ed il baco e' aperto. Chi doveva essere notificato dell'obbrobrio e' gia' all'opera e immagino che, prima che Vista raggiunga i milioni di utenti, il baco sara' bel e sistemato.

Un ringraziamento a chi ha avuto la pazienza di mandarmi file a quasi ogni ora del giorno: aldino, vitonze, windrago e il contributore mascarato.

-quack

Pubblicato lunedì 27 novembre 2006 alle 8:27 PM - 6 commenti so far
Archiviato in: MSN Messenger, Codice

Chiuso per ferie - Thanksgiving 2006

Pubblicato mercoledì 22 novembre 2006 alle 8:12 PM - 0 commenti so far
Archiviato in: Cazzate

Panna cotta di paperino

  1. Ingredienti 4 persone 6 persone 8 persone
    Latte intero 145 ml/g 230 ml/g 290 ml/g
    Gelatina 10 g 15 g 20 g
    Panna 590 g/ml 885 g/ml 1200 g/ml
    Zucchero 50 g 75 g 100 g
    Vaniglia 1 baccello 1 baccello 2 baccelli

 

 

Era da tempo che volevo pubblicare una nuova ricetta. 

Preparazione:

Mettere il latte in un tegame e miscelarlo con la gelatina. Lasciare riposare per 5 minuti per far ammorbidire la gelatina. Mettere la panna e lo zucchero in un tegame separato. Grattare i semi di vaniglia nella panna e lasciare anche il baccello intero. Sbattere leggermente fino ad avere un miscuglio omogeneo.

Lasciare i 2 tegami a riscaldare a calore medio basso (il latte per 5 minuti e la panna per 8 minuti) ma senza far bollire (possibilmente far riscaldare il latte con 3 minuti di ritardo per avere la temperatura giusta contemporaneamente).

Combinare i contenuti dei due liquidi in uno o piu’ stampi e lasciare raffreddare in frigo per 3-4 ore.

Gustare.

Pubblicato domenica 19 novembre 2006 alle 9:40 PM - 1 commento so far
Archiviato in: Ricette