Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen
Cingular sucks!

A quanto pare il cammello non e' neanche partito; Armando e' uno stronzo e pure malaticcio e Cingular e' una compagnia alquanto singolare. Ormai non si contano neanche i miei tentativi per raggiungere un rappresentante Singolare. Mi sono accorto che mi stavano prendendo per culo, la quinta volta che mi hanno detto ci lasci un numero di telefono che noi la richiamiamo (mmm, da qualche parte avete ben 4 copie di quel numero).

Tra l'altro lo scarso rispetto che hanno per i clienti pervade anche dal nuovo sistema di segreteria: se chiami per ascoltare un messaggio devi ogni volta sorbirti un training di qualche minuto (ovviamente a proprie spese).

Ora l'unica cosa che vorrei fare e' cancellare l'ordine: ho purtroppo firmato un contratto con tanto di numero di carta di credito e SSN e la cosa mi preoccupa. Oggi, all'ultimo disperato tentativo per parlare con qualcuno che sapesse del mio contratto, mi hanno detto che Armando mi chiamera' entro stasera (ovvio!). Quello che mi dispiace e' che tra le opzioni non ci sia un tasto fanc**o. Maledetti.

Se passate di qui, non comprate assolutamente da tal signori: non vendono cellulari, ma prese.

-quack

Pubblicato sabato 9 dicembre 2006 alle 3:56 AM - 2 commenti so far
Archiviato in: Cazzate

I am feeling lucky today

Comprato il NAS (finalmente), comprato l'hardiscazzo per il NAS (400GB di pura follia) ho cominciato a fare le cose seriamente. Siccome volevo che anche la formichina avesse il suo spazio (due in realta') ho voluto configurare il NAS in modo tale che non potesse accidentalmente cancellare l'archivio storico (fotografie in alta risoluzione, file vecchi, ecc.). Piu' facile a dirsi che a farsi.

Dramma numero uno: questo NAS, simpatico e pimpante, ha deciso che le password SAMBA non possono contenere caratteri speciali ad esclusione di trattino e underscore. Facilmente bypassabile, basta cambiare le nostre password, ma che smaronamento!!

Dramma numero due: su Vista l'accesso alla share non appare essere trasparente (a differenza di XP) anzi abbastanza opaco visto che anche digitando le password a mano l'accesso era garantito una volta si e dieci no. Qual'e' la prima operazione che sul sito di supporto suggeriscono? Upgrade del firmware. Devo ammettere che ho avuto piu' culo di Luca (che s'e' disintegrato il router della stessa marca in un upgrade): l'upgrade e' riuscito ma la situazione putroppo e' peggiorata. Le password sono state ora limitate a 8 caratteri (sai che bello, non solo va cambiata ma pure accorciata... vallo a spiegare alla formichina che teorizza l'acquisto di nuova elettronica come portatrice di inutili malditesta). Tentativo di parlare col supporto tecnico che - dopo 35 minuti di attesa - mi collega con un operatore dall'accento decisamente indiano. Decido di riattaccare e sfidare la fortuna di nuovo e faccio un downgrade (molto piu' rischioso ma ormai il tutto mi fa un baffo): funziona e comincio a sentirmi decisamente fortunato. Le password ora non hanno piu' limiti (se ci sono non mi interessa, mi basta che non debba accorciare le mie), ma l'autenticazione ancora non va su Vista. Che faccio: visto che mi sento troppo fortunato, apro google digito 'VISTA' e 'NAS' e clicco il fatidico  . E c'avevo ragione.

Un altro caso chiuso. Non mi resta che reinstallare OneCare sul laptop (ho provato di tutto, si vede?) e risincronizzare di nuovo le password. Per una volta augurarmi buona fortuna non serve: oggi vado a parlare col capo, chissa' riesca anche a spuntare un buon aumento Big Smile

-quack

Pubblicato giovedì 7 dicembre 2006 alle 6:36 PM - 1 commento so far
Archiviato in: Windows, Cazzate

Lo chiamavano smart-phone

...ma quando la batteria era quasi scarica emetteva un cicalino ultrasonico fastidioso ogni 5 minuti; per diverse ore (ma non eri scarico??) anche nel cuore della notte (ma non eri smart??) e a volte anche durante una conversazione (se cicali non capisco un ca**o e visto che la batteria e' scarica potrei perdere preziosi informazioni, STR***O!!!).

Lo chiamavano smart-phone, ma quando c'era un meeting cominciava - giustamente - ad avvisarti 15 minuti prima. Ogni 30 secondi un cicalino ancor piu' fastidioso. Con volume crescente. Grazie, ora tutto il corridoio lo sa che ho un meeting giornaliero alle 11 e 30 per andare a pranzo (eh si se non ti scheduli il pranzo, finiscono per incastrarti in qualche meeting in cui chi organizza s'e' magari portato il pranzo da casa).

Lo chiamavano smart-phone, ma quando l'avviavi ci metteva piu' di un minuto per partire; guai se lo stavi accendendo per un'emergenza.

Dedicato al mio MPX-200, finche e' durato.

Pubblicato giovedì 7 dicembre 2006 alle 4:01 AM - 0 commenti so far
Archiviato in: Cazzate

Shipped via USCS

USCS = United States Camel Service.

In parole povere - alla stregua di "the check is in the mail" - quando un pacco viene 'spedito' ma senza un tracking number di sorta.

Premessa: negli US e' molto facile comprare per posta in quanto durante la mia modesta permanenza di 8 anni, non si e' mai perso un pacco anche qualora la merce preziosa fosse stata depositata davanti alla porta. Semmai, se qualcuno per risparmiare qualche fiorino dovesse scegliere la tariffa media mail (l'equivalente delle nostre 'stampe') tocca semplicemente aspettare qualche giorno in piu' (dai 5 ai 10).

 

Devo ammettere che acquistare per posta ha i suoi pro e i suoi contro:

  • non si pagano le tasse (circa 10%) ma si pagano le spese di spedizione (su grossi acquisti il risparmio, unito al prezzo mediamente piu' basso, puo' essere davvero consistente)
  • non si gode dell'instant gratification, ovvero di quella bella esperienza di andare a casa con l'acquisto sotto il braccio tipico ad esempio degli acquisti da Fry's
  • restituire merce difettosa puo' drasticamente ridurre tutti i vantaggi a zero e farla diventare un'esperienza ESTREMAMENTE negativa: non buono per acquisti di processore, motherboards, etc.

Giorni fa, visto che il mio cellulare stava morendo, ho trovato irresistibile l'offerta aziendale di Cingular per noi dipendenti di zio Bill. Circa 150$ + IVA per un Cingular (motorola?) 3125 (anteprima qui). Il tutto per un contratto di due anni appena ma con costi fissi minimi (i ricaricabili qui sono semplicemente un furto nonostante non ci siano costi di ricarica). Allettato dalla possibilita' di ammortizzare il costo del telefono in meno di un anno, ho aderito all'offerta in buona compagnia. Da notare che il piano aziendale non era pubblicizzato abbastanza, ma disponibile solo su richiesta (bisognava andare a parlare con 'Armando' gia' consci di cosa voler comprare): i piani pubblicizzati erano quelli "privati con sconto" che partivano dal triplo del mio ma con una miriade di minuti inclusi (che io no ho MAI usato). Firmato il contratto in cui la Cingular detiene il diritto di cancellare il mio contratto a sua discrezione ma io no (dovrei pagare una penale di 200$ che copre lo sconto sul cellulare) ho chiesto ad Armando quando avrei potuto ritirare il prezioso gadget, visto che ormai partecipo ad un meeting si/un meeting no (bella scusa, eh? Big Smile). Armando mi ha detto di passare il giorno dopo dal suo stand per ritirarlo (al che mi son detto: WOW). Ma il giorno dopo Armando mi ha riferito di non passare piu' dal suo stand, ma che il telefonino e la SIM sarebbero stati spediti in pochi giorni direttamente a casa. Poco male: ero in ferie e mi sarei scocciato un po' a dover passare in ufficio. E li mi e' venuto un timore bestiale: vuoi vedere che si tratta di una spedizione via cammello?

Ho chiamato la settimana scorsa per chiedere possibilmente un tracking number. Mi hanno detto che purtroppo la neve... sai com'e'.... ecc. E che il tracking number non esiste. E che se non fosse arrivato entro domani (6 Dicembre) avrei potuto richiamare (dopo che ci ho messo 4 telefonate per riparlare con Armando) e chiedere lumi.

Il caso e' chiuso, si tratta quindi di USCS. Spero che arrivi entro domani perche' sono ormai sprovvisto (il mio vecchio cellulare me ne combina di tutti i colori, ma questo merita un post a parte).

Auguratemi buona fortuna e datemi qualche consiglio per mantenere la pressione bassa.

-quack

Pubblicato martedì 5 dicembre 2006 alle 6:51 PM - 0 commenti so far
Archiviato in: Cazzate