Software Problematico (4) - la serie continua

Tempo fa ho scritto un post chiedendomi a cosa servissero 70 megabytes per Adobe Reader. Premessa per quello che segue: non ho cambiato idea. Avevo "installato" in precedenza Foxit reader, solo 1.4 megabytes (sta su un floppy) e avevo usato discretamente parecchie funzioni anche con file problematici.

Oggi l'inconveniente: cerco di stampare un "francobollo elettronico" sul sito delle poste (quelle americane; in Italia il francobollo elettronico arriverà quando qui passerà in disuso sostituito da altra tecnologia). Tale sito delle poste ha avuto una piccola evoluzione (se così si può dire) su cui vale la pena aprire una parentesi:

[AproParentesi]

La prima implementazione era basata su applet Java: richiedeva l'installazione del SUN Java Runtime cherappresenta una delle fonti primarie di virus e worm da quando in Internet Explorer sono stati resi "sicuri" gli ActiveX. A causa di ciò, mi son beccato l'ultimo virus (in realtà ho tenuto sotto controllo tutta l'evoluzione dell'infezione) della mia carriera, visitando la homepage di repubblica per un baco identico a questo fresco fresco di 2 settimane fa (per la serie sbagliare è umano, ma perseverare è diabolico Devil). In quanto a download, il Java Runtime è un mostro di circa 100 megabytes di download che non è neanche installato di default negli ultimi PC.

Avendo probabilmente subito le proteste di qualche utente, l'azienda che ha scritto il portale delle poste ha deciso di cambiare l'implementazione. Non più un applet Java, ma un misto javascript+pdf che si contorce per bypassare il blocco dei popup e far apparire la pagina di stampa di Acrobat Reader. Il progresso è stato visibile (anche in termini di download richiesto: l'ultima versione di Adobe richiede solo 70 megabytes di download rispetto ai 100 del Java Runtime) ma non sufficiente: io non ho installato Adobe Reader ed è praticamente impossibile far funzionare il sito con Foxit. Decido di scaricare a malavoglia il reader (il sito richiede la versione 5 ed io quella scarico), ma la versione 5 semplicemente non funziona.

[ChiudoParentesi]

Decido quindi di scaricare la versione 6 (solo 29 megabytes) e qui ricevo altre due sorprese. Invece di un standalone EXE, devo scaricare Adobe Download Manager che a sua volta si connette online (per fortuna girava con le credenziali di amministratore e riesce quindi ad aprire una porta outbound - non senza casini - sul mio firewall impietoso) e scarica i rimanenti pezzi necessari all'installazione.

Alla fine del download, mi si presenta una finestra di dialogo stupida: vuoi installare l'applicazione? Dico di si e parte l'installazione vera e propria ma ATTENZIONE: non si trattava dell'installazione del reader, ma della Yahoo toolbar che se non avessi letto attentamente mi sarebbe stata installata contro la mia volontà. La finestra di dialogo non lasciava trasparire la possibilità di saltare tale step, mi son fidato quindi e ho cliccato Cancel. Solo allora è partita l'installazione del reader che ha richiesto il restart di Internet Explorer per poter poi finalmente funzionare.

E pensare che, essendo il francobollo elettronico un'immagine, basterebbe semplicemente generare una GIF (o PNG!) al volo sul server ed evitare che l'utonzo debba installare quintalate di crapware. Sono semplicemente schifato (e incazzato perché tutto questo ha rubato 30 preziosissimi minuti del mio tempo). Devil

Pubblicato sabato 25 febbraio 2006 alle 4:09 AM - 2 commenti so far
Archiviato in: Software, Security

Potere espressivo.
Parto da un esempio: in Inglese si dice solamente «the big white box». Dire «the white big box» è semplicemente sbagliato. Gli aggettivi hanno il loro ordine e quelli che definiscono "dimensione" vanno prima di quelli che definiscono il colore.
In Italiano si può dire «la scatola grande bianca» oppure «la scatola bianca grande». Le due frasi hanno però un significato leggermente diverso, che in Inglese va semplicemente perso.

Pubblicato venerdì 24 febbraio 2006 alle 2:15 AM - 3 commenti so far
Archiviato in: Pippe Mentali

Due super tool indispensabili

SupertoolsSe un tool lo usi più di dieci volte al giorno, nonostante non sia strettamente connesso con il tuo lavoro, rientra nella categoria dei "SuperTools".

Eccone due:

  1. Cropper. Prima per fare il cut & paste di una finestra di dialogo, facevo giri immensi passando da paint e con risultati non sempre gradevoli. Cropper permette di fare cut&paste di un'area di schermo a piacere, verso diversi formati (PNG, Jpg, clipboard) ed ha una marea di impostazioni. Da provare!
  2. ArsClip: per chi come me non possiede una tastiera italiana (quella americana va molto meglio per scrivere codice!) è una vera manna! Soprattutto per quanto riguarda la funzionalità dei permanent items che permette di associare una combinazione di tasti ad un testo predefinito (che io ho impostato guarda caso con le lettere accentate!); grazie a Marlenek per avermelo fatto scoprire! Wink

Quack!

Pubblicato giovedì 23 febbraio 2006 alle 3:10 PM - 1 commento so far
Archiviato in: Link

Dal nuovo vocabolario

Ipse dixit:

MP3: attrezzo per scaricare le canzoni da internet

Lascio tirare a indovinare a voi l'autore di questa nuova definizione

Pubblicato giovedì 23 febbraio 2006 alle 2:27 PM - 0 commenti so far
Archiviato in: Cazzate

Inviti per MSN Messenger 8 Beta

La faccio sporca: siccome è da un po' di giorni che compare questo infame messaggio sul mio messenger:

You have Beta Invitations

e quasi mi sento in colpa, se avete voglia di provare in anteprima questa fantastica (e devo dire anche molto molto stabile!) Beta, lasciatemi un commento e sarà fatto!

UPDATE:
1. questa é la versione ufficiale di MSN Messenger Beta 8. Non é un worm perché l'invito l'ho ricevuto da un collega di MSN (é sempre una beta peró).
2. Ho cancellato tutti i vecchi commenti per evitare spam inutile.

Pubblicato mercoledì 22 febbraio 2006 alle 7:00 PM - 8 commenti so far
Archiviato in: MSN Messenger, Microsoft