Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Archivio 2017:

Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen
Cambio blog (spero per l'ultima volta!!)

Quando qualche mese fa ho deciso di scrivere un blog, mi son subito preoccupato di cercare l'applicazione che funzionasse meglio per le mie esigenze. Avevo pochi requirements in testa e pensavo che - essendo un blog in fin dei conti un DB con 2 tabelle - avrei trovato subito l'implementazione migliore. Listo qui i requirements e ditemi se hanno poco senso:

  1. Che avesse un editor HTML wysiAwayg (=what you see is ALMOST what you get) integrato (tipo wordpress)
  2. Che fosse gratuito da hostare su un mio dominio
  3. Che supportasse il posting in più categorie (perché al mondo siamo liberi)
  4. Che fosse facile da personalizzare... mi piace l'impostazione a tre colonne, la possibilità di usare uno dei tanti skin di panna-smontata, ecc.
  5. Che fosse self-contained. Nessun DB remoto con cui sfrantecarsi l'anima per poter facilmente migrare su un host diverso
  6. Che girasse secondo i requirement di un WebHost umano (con un occhio alla security)
  7. Che fosse scritto in .Net, magari 2.0 e che fosse facile scriverne plugins.

Dopo un paio di piccoli tentativi (tra cui wordpress che mi dava pochissime libertà in quanto a skinning) mi son procurato un host ed ho installato dblog. Scritto interamente (ehm quasi) in ASP puro usava un DB access per la persistenza dei post/commenti. DBlog centrava 5 requirements su 7... mancava il posting multiplo (di cui mi son affrettato a scrivere un "addon") e l'implementazione in .Net: me ne son accorto subito in quanto il mio "addon" ha richesto decine e decine di righe di codice (~100 se ben ricordo)... ma fa niente, tutto filava liscio fin quando...

Il mio host ha deciso di spostare il mio blog su un server 64 bit puro; siccome il mio host è gratuito e a caval donato non si guarda in bocca (non si può pagare un fitto per hostare delle cazzate secondo la mia filosofia) ho accettato mio malgrado la sfida che presentava subito un problema: il DB access che sui 64 bit non è più supportato. Ho provato a riscrivere l'accesso ai dati, ma DBLOG usava alcune caratteristiche specifiche di Access (tipo il paging) ed il codice SQL era sparpagliato un po' ovunque.... Tempo di guardarsi in giro fare due conti (ne scrivo uno io o ne cerco uno che funziona?) e provare prima dasBlog e poi Thinkjot.

dasBlog ha tuttora (nella versione 1.8) problemi a girare su host medium trust. Nonostante qualcuno facesse notare che questo behavior si può considerare un baco a tutti gli effetti, qualche simpatico developer ha pensato di chiudere il baco come "postponed" secondo la logica "sul mio host funziona, chissenefrega il resto del mondo può aspettare". Qualcun altro allora - armato di santa pazienza - ha cominciato a tagliuzzare e modificare a martellate dasBlog per farlo girare su medium trust togliendo via via "features inutili" (hey, l'implementazione della MetaBlog API non era così inutile!!): risultato thinkjot; ha funzionato, l'ho provato ed è cominciata la mia prima migrazione dei dati (posts e commenti) conclusasi abbastanza felicemente (qualche commento ha perso il nome dell'autore, ma fa niente) con del codice scritto a manina dal sottoscritto.

Sarei stato superfelice se non fosse per il fatto che, poiché i posts sono memorizzati su file XML, il tutto è di una lentezza esasperante... mentre qualcosa ancora non funziona.

Tempo di guardarsi in giro fare due conti (ne scrivo uno io o ne cerco uno che funziona? Eterno dilemma) e scopro CommunityServer. È fantastico: il blog é fatto molto bene e ci sono siti e siti che ospitano add-ons, consigli, ecc. ecc. L'unico neo é che richiede un SQL server... la prossima migrazione potrebbe essere piú dolorosa, ma a quanto pare qualcuno ha avuto problemi in passato ed è nata l'idea di un formato blog indipendent... ma su questo ci torno in un prossimo post.

Auguratemi buona fortuna!

To be continued...

Pubblicato mercoledì 9 agosto 2006 alle 12:22 AM - 0 commenti so far
Archiviato in: Pippe Mentali, Blog-Tech, Codice, Cazzate

VirtualPC mania

Tempo fa microsoft ha rilasciato VirtualPC come free software (nel senso di aggratis). Questo ha causato un fiorire di idee e di posts molto interessanti. Uno fra i tanti è questo.

A me intanto è venuta un'idea alquanto interessante. Il problema fondamentale di un'immagine virtualPC è che molto antipatica da sincronizzare... sarebbe molto comodo infatti poter avere *UNA* unica immagine sempre aggiornata da poter utilizzare in ufficio, a casa o in generale su piú hosts. Ho pensato a lungo a varie alternative:

  • Immagine su chiavetta USB da copiare di volta in volta su HD (cioé utilizzare la chiave USB come supporto per la sincronizzazione). Il problema è che a me non piace sincronizzare files a mano (essendo timido e pigro). Inoltre i file di immagine di solito non sono molto piccoli e quindi - oltre ad occupare permantemente uno spazio grande della chiavetta - richiederebbero operazioni di copia abbastanza lunghe nel tempo; sicuramente una soluzione non ideale
  • Immagine su chiavetta USB da utilizzare "direttamente". Questo non è ottimale sia per motivi di performance, sia perché le chiavette USB sono molto "delicate" rispetto ad un HD in quanto supportano solo un numero limitato di cicli di scrittura; soluzione da scartare sicuramente
  • Immagine su HD sincronizzata tramite FolderShare. Purtroppo il fatto che l'immagine sia molto grande (e quindi richieda una sincronizzazione di 650 MB e piú) non la rende praticabile.

Oggi ho peró avuto un'idea. Con virtual PC è possibile creare HD virtuali differenziali (rispetto ad un HD virtuale "base"). Il tutto si traduce nel:

  • Creare un HD di base ad installazione finita il piu' completo possibile; una volta completato si puo' comprimere in RAR (o equivalente) e tenere su chiavetta USB.
  • Creare un HD differenziale sincronizzato tramite FolderShare per tenere la macchina virtuale aggiornata

La cosa più incredibile è che tutto rimane fattibile tramite SW gratuito.

-quack

Pubblicato martedì 1 agosto 2006 alle 5:55 AM - 0 commenti so far
Archiviato in: Link, Software