Paperino e lo spam

Prima o poi doveva capitare che qualche deficiente sarebbe passato a rovinare la festa.

In attesa di implementare questa modifica - e magari fare qualche altro aggiornamento - tutti i commenti saranno moderati.

Tempo un giorno ed aggiusto tutto.

-quack

Pubblicato martedì 23 gennaio 2007 alle 4:02 AM - 0 commenti so far
Archiviato in: Blog-Tech

Ubuntu e la formichina

Avevo un vecchio laptop e tempo fa come esperimento mentale vi ci installai Ubuntu (la leggenda vuole che Windows succhi un sacco di risorse, mentre Linux gira anche sui PC del nonno). Pochi giorni fa la formichina ha avuto bisogno di questo laptop extra su cui farci girare - possibilmente - windows e office. Visto che Linux c'era gia' le ho proposto di tenerlo in prova per qualche giorno/settimana dopo averla provvista di una paginetta con tutte le istruzioni essenziali per usarlo (dove trovare questo, dove trovare quello). Questa la cronologia degli eventi:

Giorno 1: il portatiletto viene usato pure in rete connesso ad un router DLINK che fa da DHCP. Ubuntu sembra stare al DHCP-gioco, si prende un indirizzo IP e funziona. Wow, plug&play. Firefox e' meglio di IE, si ricorda pure alcune cose (commento della formichina).

Giorno 2: il portatiletto viene riportato a casa e connesso con nostro router via powerline adapter di cui sopra. La rete di casa e' WPA e in Ubuntu-WiFi l'opzione non sembra neanche essere presente. Tra spendere 2 giorni a cercare la documentazione, installare quanto dovuto, ecc. e prendere in prestito uno degli adatattatori Netgear (il buon NAS puo' attendere), preferisco prendere in prestito: sono pragmatico, non un teorico fissato. Il DHCP-gioco funziona ancora, internet e' ancora li'. All'improvviso il laptop si spegne: faccio notare alla formichina che stava andando di batteria. Commento della formichina: ma prima di spegnersi poteva avvisare, windows lo fa quando la batteria e' scarica (oltre all'incazzatura per aver perso qualche minuto di lavoro)! Eppoi la mia casella di posta sembra buffa su Firefox (la casella di posta gira su un Exchange Web Mail server).

Giorno 3: il portatile viene riconnesso al router DLINK. Il DHCP non funziona. Qualsiasi tentativo di assistenza remota telefonica fallisce (tentato il riavvio, shutdown, possibile). Dov'e' IPCONFIG? Ubuntu non e' Windows; la formichina lascia perdere.

Giorno 4: la formichina ha bisogno di stampare alcuni documenti creati con OpenOffice. Le spiego che deve convertirli in Word (dubito che OfficeDepot abbia OpenOffice installato o per lo meno non voglio correre rischi) e la istruisco su come fare. Nonostante tutti i tentativi di esportare, PIPPO.DOC sul desktop non esiste (e OpenOffice sembra volersi incazzare). Idea geniale: siccome non so una cippa di OpenOffice, lo potrei installare sul mio (l'assistenza remota non e' un'opzione: la rete non funziona e l'unico Gateway per l'internet e' un portatile Windows). Installo OO 2.1 su Windows e mi faccio mandare i file .ODT che posso convertire in PDF (grazie a PDFCreator); nel frattempo scopro che OO supporta nativamente il PDF e spiego alla formichina come convertire tutti i suoi documenti in PDF. Convertiti i documenti in PDF arriva il momento di metterli sulla chiavetta USB: i file sembrano copiati con successo, ma la chiavetta - controllata su un altro PC - sembra vuota. Mmm: sara' per caso un problema di umount? Le suggerisco di aspettare 10 secondi dopo la copia prima di togliere la chiavetta e questo risolve il problema; nel 2007, Unix funziona (quasi) ancora come 30 anni fa.

Giorno 5: commento della formichina: Ubuntu e' bello e gratis, ma per favore mi installi Windows che ci devo lavorare? Smile

Giorno 6: format, install, install, update, install. Ehi questo giocattolino funziona anche in WiFi/WPA! Non male!

 -quack

Technorati tags: ,

Pubblicato lunedì 22 gennaio 2007 alle 9:33 PM - 73 commenti so far
Archiviato in: Cazzate, Linux

Essere un po' piu' attori

Se tutti quanti fossimo un po' piu' attori, tutti quanti saremmo in grado con piu' facilita' di immedersimarci nei casi degli altri; diverremmo tutti piu' tolleranti e meno rompiballe; penso che insomma ci sarebbe da riflettere; penso che molti politici dovrebbero diventare piu' attori.

Sergio Rubini, Porta a Porta, 18 Gennaio 2007

E come non dargli torto!

Un grande!

Per la legge del contrappasso nella stessa puntata Rocco Buttiglione dixit:

La famiglia esiste in funzione dei figli; la famiglia esiste per proteggere il bambino; niente bambino niente matrimonio; il matrimonio ha questa funzione sociale fondamentale

E ho detto tutto.

-quack

Pubblicato venerdì 19 gennaio 2007 alle 5:15 PM - 0 commenti so far
Archiviato in: Cazzate

Un anno di cazzate

Pensavo di aver mancato il primo compleanno del blog ed invece era solo un caso di cattiva memoria (per fortuna la mia memoria e' a correzione di errori Smile) e tra il dire e il fare c'e' di mezzo "e il".

E quale cazzata e' migliore di una cazzata autocelebrativa? Evviva e auguri.

-superquack! 

Technorati tags:

Pubblicato giovedì 18 gennaio 2007 alle 5:00 PM - 2 commenti so far
Archiviato in: Cazzate

Blu-ray vs HD-DVD

Questi giorni la battaglia per il dominio dei nuovi dispositivi di entartainment si fa sempre piu' serrata e simile a quella tra VHS e Betamax. Da una parte Sony con il suo Blu-Ray - integrato nativamente nelle playstation di terza generazione - si dichiara gia' vittoriosa; dall'altra l'HD-DVD ha assestato un paio di colpi niente male. Dal corriere:

L'industria dell'hard riunita a Las Vegas per l'AVN, la più importante fiera mondiale dell'intrattenimento per adulti avrebbe scelto quale dei due nuovi formati ad alta definizione supportare con i propri contenuti. Sarebbe l'HD-DVD supportato dalla giapponese Toshiba, a cui si contrappone il Blu-Ray della Sony.

Io tifo (anche se per ora non compro!) per l'HD-DVD. Siamo nel 2007 e tuttora la gente quando compra un DVD player deve andare a casa e cercare sui motori di ricerca "il codicillo" per sbloccarne i region settings. Questo nonostante il mercato dei contenuti e' diventato globale e i film escono su DVD ormai in contemporanea nei vari continenti; un cattivo esempio viene da alcuni produttori locali (tra cui alcuni italiani) i quali decidono di bloccare il contenuto su una specifica region "tanto per" (a che serve bloccare i film di Toto' sulla region 2?). Quello del porno e' un ennesima dimostrazione eclatante di quale sarebbe il mercato dei contenuti se finisse in certe mani: oggi niente porno, domani i film solo di alcune case, dopodomani censura totale. O a meno che non paghi qualcosa che non e' chiaro che sia gia' tuo (o sempre se tali 'diritti' sono in vendita). Da Ars Technica:

Like all lies, there comes a point when the gig is up; the ruse is busted. For the movie studios, it's the moment they have to admit that it's not the piracy that worries them, but business models which don't squeeze every last cent out of customers.

Sony, no grazie.

Technorati tags: , ,

Pubblicato mercoledì 17 gennaio 2007 alle 11:34 PM - 0 commenti so far
Archiviato in: DRM