Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Feb Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen
Formichina++

Da un po' di giorni la formichina è diventata:

IMAGE_015

(targa della porta del suo ufficio)

Wow & congrats! Big Smile

-proud-quack!

Pubblicato martedì 5 giugno 2007 alle 10:00 PM - 10 commenti so far
Archiviato in: Aneddoti

Supertools: drive snapshot e WinPE

Qualche volta, come durante questo weekend, ho avuto bisogno di fare qualche esperimento di tipo distruttivo sulla partizione principale di un Hard Disk: in queste occasioni si desidererebbe tanto avere a che fare con una Virtual Machine (VM) dove basta copiare un file .VHD per avere il backup perfetto. In mancanza di ciò, viene in aiuto un tool chiamato drive snapshot.

Drive snapshot per Windows permette di fare backup di intere partizioni o addirittura dischi fisici (più partizioni con lo schema di partizione attachato) in un unico target file; per partizioni FAT e NTFS è anche in grado di determinare - e opzionalmente scartare dal backup - lo spazio di disco non usato. A differenza di alcuni software similari, drive snapshot è in grado di fare il backup in maniera live usando qualche trucco veramente geniale. A parte questo il tool ha una certa affidabilità di base essendo uno dei pochi ad essere in grado di funzionare perfettamente anche in una VM.

Drive snapshot è shareware e si può usare gratuitamente per un numero di giorni imprecisato (ma sono di solito abbastanza per scopi di weekend-experiment). Nel mio test è stato in grado di fare il backup su drive esterno USB2 di 16GB di "dati" in 20 minuti (altrettanti per il restore). Questo weekend inoltre ho testato per la prima volta nella mia vita su un drive vero anche le capacità di fare il restore dell'immagine creata.

Il restore si può fare in diverse maniere: usando un disco di boot DOS incluso e scaricabile dal sito stesso in grado di supportare diversi configurazioni, inclusi server di rete. Io invece ho usato un'altra alternativa, che è quella di usare drive snapshot via WinPE: giunto alla versione 2.0 si può scaricare via BDD (fonte; BDD sta per Business Desktop Deployment che è scaricabile a questo indirizzo) .

WinPE - sorprendentemente poco conosciuto - è l'equivalente di Windows Vista "Live" bootabile da CD pensato per scopi diagnostici e di recovery, nel caso qualche driver abbia crisi di identità. Di WinPE oltre ad avere una immagine .ISO archiviata da qualche parte da buon paranoico ho almeno un paio di CD per ogni "location": un paio a casa, un paio in ufficio, ecc. Anche perché, una volta prestati, hanno la facile tendenza a scomparire. Smile

Happy backup!

-quack

Technorati tags: ,

Pubblicato lunedì 4 giugno 2007 alle 4:15 PM - 0 commenti so far
Archiviato in: Cazzate

Pappagalli informatici

Un tizio entra in un negozio di animali per comprare un pappagallo.pappagallo Il negoziante avverte che ne ha solo tre e molto costosi. Il primo costa 10 mila euro ed è in grado di usare un computer, il secondo costa 20 mila euro e oltre ad usare il PC è in grado di programmare. Il terzo costa 100 mila euro. Il tizio incuriosito chiede: "E questo cos'ha di speciale ?". E il negoziante: "Non so, ma gli altri due lo chiamano professore!"

Cito da una canzone degli 883, chiamata il pappagallo:

Il pappagallo parla anche di ciò che non sa
ti guarda dallo schermo e una lezione ti dà
il pappagallo sa che cosa è giusto per te
lui sa di non sbagliare è troppo pieno di sé

[...]
Pappagallo noi non crediamo più
al tuo stupido parlarti addosso

A breve una raccolta di perle informatiche pappagallesche. Dedicato al "professore" Big Smile

-quack

P.S. a proposito di volatili: abbiamo comprato i biglietti per le vacanze estive 2007. Seattle (31 Luglio) ->Londra->Roma->Bari->Milano->Londra->Seattle (7 Settembre). Mancano appena 2 mesi, ma già si sente il profumo di Vacanza con la V maiuscola. E il 17 Agosto tappa a Tolve (PZ) per il concerto de "Le Vibrazioni".

Pubblicato domenica 3 giugno 2007 alle 4:24 PM - 3 commenti so far
Archiviato in: Cazzate

benkovamerica

Nella mia vita in USA sono sempre stato trattato molto bene dalla mia banca che è una Credit Union (simile ad una Cassa di Risparmio). Per motivi lunghi da spiegare ho dovuto aprire un minuscolo conto corrente presso benkovamerica.

Benkovamerica è una banca sui generis: anche benkovamericase in questo paese non ci sono orari "comandati", la stragrande maggioranza delle banche nei giorni lavorativi apre al pubblico tra le 8AM e le 9AM.

Non benkovamerica: benkovamerica è l'ultima banca ad aprire (alle 10AM) ma tra le prime a chiudere (5AM). Questo sia chiaro nei giorni feriali: durante il weekend l'intervallo è di solo 4 ore. Insomma un giorno sono con un po' di fortuna riuscito ad aprirvici un piccolo conto: roba da non più di qualche centinaio di $$$. Il conto era identico al famigerato "conto zero" di BNL: (quasi)zero spese, zero interessi. Come diceva un mio parente è il quasi che ti frega: fare un deposito tramite cassiere ad esempio costa 3$ (che per fortuna qui in USA con la scusa di "non lo sapevo" sono quasi sempre riuscito a farmi rimborsare). Ma non è questo il punto: ad un certo punto ho smesso di usare il conto lasciandovici 9.68$; ripeto in lettere: nove dollari e sessantotto centesimi. Di "conto zero" però ben presto il conto benkovamerica ha seguito la stessa sorte: lo scorso dicembre è diventato "conto zeropiù"; zero interessi, ma un costo _mensile_ di ben 5.95$. Questo è avvenuto tramite lettera "normale" miscelata alla solita pubblicità di mutui da usuraio. Risultato: in due mesi il conto è andato in rosso ed al terzo mese, quando avevo accumulato un debito verso la banca per la fantastica cifra di 8.15$, sono cominciate le minacce: ovviamente me ne sono accorto solo la scorsa settimana, stavolta grazie ad una lettera "diversa". Per fortuna chiudere il conto (forse) non mi è costato niente.

Non che la "mia" Credit Union non abbia mai fatto scherzi; proprio pochi giorni fa hanno cambiato l'interfaccia di login in una nuova che non permette l'incollamento della password; cosa buffa questo rende vano l'uso di password manager ma per fortuna hanno lasciato la vecchia interfaccia disponibile (a che serva la nuova ancora non capisco).

E per fortuna le password saranno presto roba vecchia.

-quack

Technorati tags:

Pubblicato sabato 2 giugno 2007 alle 4:23 PM - 2 commenti so far
Archiviato in: Cazzate, Aneddoti

Windows Live Writer Beta 2

È finalmente uscita la beta 2 di questo tool per me sempre più indispensabile: come facciano i vari utenti non Windows a bloggare senza WLW rimane un mistero Stick out tongue. Del rilascio me ne aveva accennato ieri Luca ma solo leggendo il blog di Scott ho potuto rendermi conto dei notevoli miglioramenti.

Le novità più impressionanti sono:

  • una interfaccia grafica ridisegnata e più funzionale (oltre che più carina)
  • un po' di opzioni utili come il reminder per i tag e le categorie
  • uno spell checker fatto come si deve (inline); a tal proposito vorrei segnalare che il formato dei dizionari è quello Sentry
  • un glossario di link con la possibilità di aggiungere automaticamente voci al glossario nel momento in cui si crea un hyperlink
  • il supporto per le pagine oltre che per i post e nativo per le tabelle
  • una migliore integrazione con le piattaforme blog che permette di aggregare in questo tool altre funzioni. Ne parla meglio Scott in questo post.

Allego un po' di screenshot:

 WLWB2_0WLWB2_1

WLWB2_2  

Un piccolo hack interessante per Windows Live Writer: dicevo sopra che i dizionari usati per lo spell check sono quelli di Sentry. Altre applicazioni (ad esempio Macromedia Freehand) includono tali dizionari anche in versione localizzata in italiano. A questo punto è teoricamente possibile rinominare opportunamente i due file:

ssceit2.clx in ssceam2.clx
ssceit.tlx in ssceam.tlx

sostituendo quelli presenti in <\Program Files\Windows Live Writer\Dictionaries> per avere la correzione ortografica in italiano, in attesa di una versione ufficiale localizzata nella lingua di Dante (e cioè il volgare Smile) di WLW. Una manna per i fissati come me Surprise

Super-enjoy!

-quack

Technorati tags:

Pubblicato venerdì 1 giugno 2007 alle 6:22 PM - 13 commenti so far
Archiviato in: Link