Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen
Nomi

Shakespeare nel suo capolavoro Giulietta e Romeo si chiedeva che cosa ci fosse in un nome:

"What's in a name? That which we call a rose
By any other name would smell as sweet."

Me lo son chiesto anche io quando ho dovuto battezzare i miei PC. Un nome non è solo un nome ma anche un alias per un indirizzo IP. All’inizio avevo cominciato ad usare il nome mnemonico del processore prefissato dal mio email alias, come da convenzione necessaria in ufficio. Purtroppo tale ‘convenzione’ a casa è diventata presto problematica ed è cominciata l’era dei nomignoli miscelata con nomi generici ma mnemonici:

paperino – il laptop storico
paperinik – il nuovo laptop; non ho riutilizzato il nome di sopra per non incasinare i backup sul server
formichina – il laptop della formichina
server – il Windows Home Server
workstation – il QuadCore per “lavorare comodo”
mediacenter – il PC da salotto nonché client FaucetPVR

Infine, per un periodo seppur breve di tempo, aveva fatto la sua comparsa paperoga, il MacBook Pro lato OSX.

-quack

Technorati Tags:

Pubblicato giovedì 6 novembre 2008 alle 9:13 PM - 13 commenti so far
Archiviato in: Cazzate

10 volte tanto

In un post precedente avevo menzionato che Apple ha il fegato di vendere certi upgrade anche a 10x il prezzo di mercato. Esageravo? No

Stavolta il raffronto è con la RAM DDR2 667:

AppleRam

4 GB di Apple-RAM costano 300$ (considerando che 225$ corrispondono al prezzo di un upgrade di 3GB). fonte

4 GB di PC-RAM da Fry’s costano 30$

FrysRAM (fonte)

In pratica i banchi di RAM DDR2 vengono venduti allo stesso prezzo di quelli DDR3. Politica bislacca quella di tenere prezzi “artificialmente” alti che nella maggior parte dei casi avvantaggia gli early adopters (tranne casi clamorosi).

Questo rende felicissime le persone come me che sono in attesa di sbarazzarsi di HW made in Cupertino (sono in procinto di vendere una time-capsule acquistata a Luglio). Comprare un prodotto Apple è come comprare una barca!

Pubblicato mercoledì 5 novembre 2008 alle 6:21 PM - 38 commenti so far
Archiviato in: Apple

Io Fumo Windows

Almeno stando a Stallman.

Stallman (fonte)

A giudicare da cosa si fumi in altri ambienti per sparare cazzate madornali come quest’altra:

For those that decry the constant prediction of the “year of the Linux desktop” I am happy to say that next year Linux may actually ship on more desktops than Windows or the Mac. That is right, I said next year. What is driving this? Two words: fast boot.

devo dire che poteva andarmi molto peggio.

Fumate Windows. Nuoce molto meno alla salute.

Technorati Tags: ,,

P.S. ho ricambiato di nuovo l’editor dei commenti. Dovrebbe essere moooolto meglio. Grazie per la pazienza.

Pubblicato mercoledì 5 novembre 2008 alle 12:37 AM - 72 commenti so far
Archiviato in: Cazzate

Laptops are weird
Laptops

Essere fotografati da una vignetta di XKCD è divertente. Ma anche triste

E a proposito di vignette sono notevoli anche le ultime di Joy of Tech, tutte incentrate intorno a SteveJ & Apple:

Notes on the new Apple Notebooks
Firewire and MacBooks
G1 vs. IPhone
Where your Apple Tax goes

Tutte prontamente archiviate nella pagina delle mie preferite di tutti i tempi.

-quack

Technorati Tags:

Pubblicato martedì 4 novembre 2008 alle 3:27 AM - 7 commenti so far
Archiviato in: Vignette

Heisenbug

Mi sono imbattuto nella definizione geniale (anche se leggermente scorretta) di questo tipo di baco. Geniale in quanto è bastato il nome per capire esattamente di cosa si trattasse: ovvero di bachi che cambiano il loro comportamento se osservati attraverso il microscopio di un debugger (di solito hanno a che vedere con l’inizializzazione delle variabili). Wikipedia fa le pulci a questa definizione osservando che tale tipo di effetto è conosciuto come l’observer effect, ma è spesso confuso appunto con il principio di indeterminazione di Heisenberg.

Ravanando in giro si può scoprire l’esistenza di altre tipologie di bachi legate ad effetti ben noti nel mondo della fisica:

  • il Bohr bug, che si manifesta puntuale come una cambiale
  • il Mandelbug, le cui cause sono così oscure che causano comportamenti caotici e non deterministici
  • il Schroedinbug, che rimane dormiente fino a quando non si manifesta per un motivo insolito e non smette più di manifestarsi

-Enjoy!

Pubblicato domenica 2 novembre 2008 alle 9:42 PM - 2 commenti so far
Archiviato in: Codice, Cazzate