Bad Microsoft

Questa lettura su “Microsoft, Moonlight e open source” mi ha fatto venire in mente la “corporate idiocy” ed un bel articolo di Ed Bott chiamato “Good Microsoft, Bad Microsoft”.

Bad Microsoft è un CEO affetto da Berlusconite e che ogni volta che parla in pubblico fa calare il valore delle azioni, sia quando fa il bullo (l’IPhone venderà 100 mila unità al massimo) sia quando fa il mea culpa (con WM abbiamo sgarrato).

Bad Microsoft è il genio dietro l’annuncio e l’accordo con Intel per una versione ufficiale di Silverlight su Linux che sembra una coltellata alle spalle al progetto Moonlight, pochi giorni dopo aver nominato De Icaza come membro della CodePlex.org board.

Bad Microsoft è un team come Windows Media Center che sforna un prodotto incredibile ma suo malgrato arriva tardi a certe conclusioni e che è incapace di sfornare feature presenti in Tivo dalla notte dei tempi della 1.0: nonostante abbia visto design document su come implementarle sin dal 2003!!

Bad Microsoft è tirare fuori Zune HD e non aver ancora capito il mercato; e non aver ancora intentato causa ad Apple giusto per rompere i maroni come invece fa la concorrenza.

Bad Microsoft è quella parte dell’azienda che con una copertura di stampa negativissima è capace di oscurare il lavoro della rimanente parte, 99 volte più grande del “lato oscuro”.

E ora, allegriahhh.

Pubblicato martedì 29 settembre 2009 alle 9:36 PM - 169 commenti so far
Archiviato in: Microsoft

Autunno

I colori autunnali da queste parti sono semplicemente spettacolari.

Questo è il mio primo esperimento di fotografia HDR:

autunno Ne seguiranno sicuramente altri…

-quack

Pubblicato lunedì 28 settembre 2009 alle 5:14 PM - 40 commenti so far
Archiviato in: Seattle e dintorni

Supertabaccai

Se ci fosse un sistema operativo mobile ufficiale per l’associazione tabaccai informatici sarebbe Google Android. Perché.

Il fatto che Android sia stato rilasciato con codice sorgente ha creato una vera pletora di build non ufficiali disponibili all’utente più smaliziato: solo oggi ne sono state rilasciate ben tre diverse, mica pizza e fichi eh? Cosa che mi ha fatto venire in mente un altro progetto pieno di fork e deviazioni e che ovviamente è alla base stessa di Android.

Nel mio caso tutto è cominciato il weekend scorso come un progetto AM. Ho seguito le istruzioni for dummies su Gizmodo che spiegano come sostituire il bootloader con uno più hack friendly e mi son precipitato ad installare la distro più chiacchierata del momento, ovvero la CaioOriginalMod. Sui forum si parla benissimo anche delle build cosiddette “sperimentali” ma per cautela sono partito con una build stabile (ovviamente dopo tutti i backup e i contro-backup dell’occasione). Risultato: reboot spontanei ogni tot ore, il problema del bluetooth che è peggiorato e l’applicazione Music che parte di sua propria volontà tra un reboot e l’altro facendomi prendere un colpo ogni volta che succede. Della fomentata “reattività” nemmeno l’ombra: lentino era, lentino è rimasto dopo l’installazione delle 3 applicazioni “fondamentali”. Ho cominciato a leggere di un’alchimia chiamata APP2SD che libera RAM (o Flash, non si capisce bene) e sembra di aumentare l’ulteriore reattività: si tratta di creare una partizione Ext3 o similare ma per fortuna c’è una applicazione che fa tutto da sola, chiamata appunto APP2SD 2. Tabaccai Installazione, lancio, spartizionamento, messaggio di errore “SD non riconosciuta” da parte del sistema e l’applicazione che dice “Ooops, qualcosa è andato storto, visita la homepage di questa app per trouble-shooting”, linkando una pagina su un forum generico come “homepage”. Svaffanc*lamenti vari per aver lasciato il backup della SD in ufficio, installo una applicazione per PC chiamata TestDisk (evidentemente scritta da un non-tabaccaio) che recupera tutti i file. Formatto la SD e riprovo la ripartizione con APP2SD 2: stesso identico problema, sfanc*lo un po’ di meno e ci rinuncio. Decido di passare ad una build della concorrenza che mi rendeva curioso ma non sembro in grado di copiarla da PC a telefonino in quanto la SD si “smonta” automaticamente dopo qualche secondo. Sul laptop intanto tutto sembra funzionare alla perfezione, per cui installo la nuova super build TizioTalDeiTaliSuperMegaMod con 12 mila feature in più ma all’accensione mi sembra identica a quella di CaioOriginalMod. Nelle prossime ore potrò scoprire se è un po’ più stabile ma il mio scetticismo ha radici solide.

Per fortuna il progetto iHack si è concluso magnificamente. Rimane ancora da capire se c’è qualche possibilità per WHS: ho scritto al team e mi aspetto una risposta nei prossimi giorni, nel frattempo proverò la via della “copia della partizione di sistema” e speriam che va (*); per farlo sono in attesa di un masterizzatore DVD esterno che riutilizzerò comunque per il netbook in futuro.

-quack

(*) resto scettico: non sono mai riuscito a copiare una partizione di sistema Windows dai tempi di Win9x senza dover intervenire successivamente per renderla bootabile.

Pubblicato sabato 26 settembre 2009 alle 8:15 PM - 15 commenti so far
Archiviato in:

Shark attack

La notizia dell’avvistamento di un felino non proprio ‘domestico’ nei pressi del campus, e la conseguente mail di avviso da parte della security interna, è finita persino sulle pagine di Punto Informatico. L’autore ci scherza su, ma in realtà non è raro avvistare felini selvatici da queste parti. Qualche buon tempone interno invece, e ce ne son tanti, ha colto la palla al balzo:

Security Alert

Possible shark sighting – employees should exercise caution

Investigators with Microsoft Global Security have investigated the reported sighting of a great white shark in the fountain of Studios West. An inspection of the area did not provide any evidence that a shark had been there, such as shattered wooden boats, gnawed limbs or menacing double bass notes, but we are taking this report seriously nevertheless.

Microsoft Security will conduct frequent patrols of all fountains, and will work with the State Department of Fish & Wildlife and other experts to assess the situation and provide further updates if appropriate.  In the meantime, please avoid chumming the fountains.  Receptionists in all Microsoft facilities will be distributing shark repellant on request.

If you see anything suspicious, please contact the Global Security Operations Center (GSOC) at 425-XXX-YYYY.

For any threat to personal safety Dial 911 (or local emergency provider) and immediately contact on-site Security.

-quack

Pubblicato venerdì 25 settembre 2009 alle 7:08 PM - 6 commenti so far
Archiviato in: Microsoft, Cazzate

Graceful Degradation

Qualche giorno fa, a causa di problemi sul server di hosting, lo sfortunato avventore s’è beccato qualche schermata di errore del tipo:

YSODconosciuta anche con il nome di ASP.Net YSOD (Yellow Screen of Death). In un paio di occasioni questo è capitato per una mancata risposta del backend SQL, magari beccato durante un riavvio di manutenzione, altre volte per problemi un po’ più seri come la carenza di spazio libero quando in realtà avevo teoricamente a disposizione più di 99GB rimanenti.

La YSOD è praticamente una schermata di debug utile per lo sviluppatore: nel caso in questione però saranno ormai diversi mesi che non vedo uno YSOD causato da problemi di codice, quindi ho deciso di disabilitarne l’uso in favore di una schermata più simpatica. Per imparare qualcosa ho cercato di fare le cose per bene, perché quando mi prende va a finire che anche per le puttanate son capace di spendere ore ed ore. Il risultato lo si può ammirare in questa pagina:

Gracefully degradeLa cosa più antipatica da realizzare è stato il centraggio della box in primo piano, cosa rivelatasi impossibile tramite CSS e basta. Un po’ di JavaScript + JQuery e la paura e passata; col senno di poi però arrivare a scrivere codice JS per una pagina statica di errore mi sembra pura follia…

-quack

Pubblicato giovedì 24 settembre 2009 alle 12:17 AM - 39 commenti so far
Archiviato in: Blog-Tech