Heat wave

Pochi giorni fa c’è stata un’ondata di caldo da queste parti; pare sia un appuntamento annuale e che durante gli anni prossimi l’appuntamento sarà ancora più puntuale. Niente di che rispetto al gran Paese ma abbastanza da portare il mio mediacenter allo spegnimento da accaloramento. Ho sostituito dapprima la ventola della CPU con un modello più efficiente e allo stesso tempo altrettanto silenzioso ma il problema non è scomparso. Ho notato invece che le temperature del chipset raffreddato passivamente erano a fondo scala: ho aggiunto una ventolina di scorta sul radiatore e pare aver risolto il problema alla radice; la questione si è spostata sul come raffreddare il chipset in maniera permanente. Ad ulteriore conferma delle mie deduzioni questo interessante thread da cui riporto:

The Asus chipset heatsink design assumes that there is airflow coming from a fan on the CPU. Most motherboards are designed this way.

Qualcuno ha notato che il design è imageaddirittura basato sulle ventole standard Intel e qualsiasi variazione nuoce all’effettivo raffreddamento del chipset. Ho quindi pensato a qualcosa del genere ma non sono riuscito a trovare niente di preconfezionato in formato mezza-altezza low-profile.

Per fortuna sono riuscito a trovare qualche artigiano su ebay che ha realizzato giusto quel che mi serviva. Due ventole silenziose incastrate su una scheda vuota di supporto.

Il sistema sembra reggere benissimo, termometro alla mano. Io purtroppo il calore lo sto reggendo molto meno.

-q

Pubblicato giovedì 22 luglio 2010 alle 12:28 AM - 15 commenti so far
Archiviato in: Hardware

Ricapitulescion

Oggi in HTC mi hanno confermato che la sostituzione del telefonino era coperta completamente da garanzia. È andata più o meno così: li ho chiamati, mi hanno mandato un cellulare in sostituzione e un’etichetta per spedire il mio, mi hanno chiesto il numero di carta di credito per evitare che facessi il furbo e dopo di ché tutto ha cominciato a filare liscio. Mi hanno ribadito che si trattava di un problema software, ecc. anche se sono in verità molto scettico: ho cominciato a smanettare con gli upgrade solo quando ho scoperto che il bluetooth non funzionava o perlomeno questo dice la mia fragile memoria. Tutto è bene quel che finisce bene.

La nuova autoradio è squisita: costa meno della precedente (90$ vs. 120$), offre una marea di feature in più (CD, USB e radio vs. SD/radio); è molto più stabile (il Clarion attivava il bluetooth in maniera casuale e aveva l’antipatico difetto di non memorizzare il punto esatto in cui la canzone viene interrotta durante lo spegnimento) e dà in generale la sensazione di un molto più.

Subito dopo l’arrivo del nuovo terminale ho installato la versione nuova di Android, la 2.2 aka FroYo. Tale versione cura alcuni problemi di usabilità (mi lamentavo che le funzionalità telefoniche erano un po’ troppo fuori mano per uno smartphone); migliora ampiamente le performance generali senza tante supercazzole, ovvero con una reimplementazione del JITter. Aggiunge funzionalità molto utili: il tethering ufficiale sia via USB che Wi-Fi e finalmente in un cellulare moderno la possibilità di cambiare al volo il correttore ortografico durante la digitazione di un SMS o di una email. Per me ora il Nexus One è il cellulare perfetto, l’unica pecca il modo un po’ contorto di poter grabbare uno screenshot. Sono felice di aver scongiurato l’ipotesi iPhone 4G in maniera definitiva e di finire per fare la figura del pirla. Pirla non perché chi compra prodotti Apple lo sia, ma perché essere impotente di fronte a tutto il mare di hazzate made in Cupertino negli ultimi giorni davvero mi avrebbe fatto sentire tale. Anche se devo ammettere che Steve Jobs in versione Jedi è davvero simpatico.

-quack

Pubblicato sabato 17 luglio 2010 alle 11:32 PM - 82 commenti so far
Archiviato in: Cazzate

Unified Messaging pseudo transcription

Unified Messaging è una feature di Exchange che collega centralino –> Exchange –> telefono. Questo significa che se ricevo un messaggio in segreteria sul numero telefonico dell’ufficio il server me lo manda come attachment audio in una mail contenente la trascrizione dello stesso messaggio. In alcuni casi la trascrizione è più che sufficiente per capire di cosa si tratta. Può capitare però che qualcuno mi lasci un messaggio in Italiano:

quelli hanno chiamato di nuovo. Il numero è uno-ottocento-quattrotresettenovetrenovedue. Ciao

L’effetto esilarante è notevole ma anche impressionantemente supercazzoloso:

put in a gym opening over number and I will kitchen just wanted to say statement and we do it Charles.

-quack

Pubblicato sabato 10 luglio 2010 alle 1:32 AM - 4 commenti so far
Archiviato in: Cazzate

Gallina Technique

Si ottiene quando si applica la tecnica del pomodoro con un timer a forma di gallina.

Gallina Technique

Non me ne voglia il paesa’ Francesco Cirillo.

-quack

Pubblicato venerdì 9 luglio 2010 alle 7:07 PM - 7 commenti so far
Archiviato in: Cazzate

Oggetto Misterioso - Luglio 2010

Non si vince niente….

OggettoMisterioso

-quack

Soluzione:

image

Ho cablato casa con il CAT6, grazie all’aiuto di un turista per caso. La presa in questione a quattro uscite è ubicata nell’angolo cottura. Due cavi vanno verso la parete da cui arriva il “bocchettone” internet, uno verso una scrivania e l’altro verso una cameretta. Non è stato semplice ma alla fine ce l’abbiam fatta: la parte più difficile si è rivelata il dover far scendere i cavi dal controsoffitto verso le varie locazioni; quella più semplice è stata l’installazione delle prese vere e proprie. Psicologicamente mi ero preparato ad un ordine opposto di difficoltà.

Pubblicato martedì 6 luglio 2010 alle 7:33 PM - 21 commenti so far
Archiviato in: Cazzate

 
1