Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Archivio 2016:

Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen
Esercizio grammaticale

Per il dileggio del lettore interessato dall’affascinante mondo del parsing (sì, ne sto scrivendo un altro in virtù della già citata maledizione).

Data la seguente grammatica ( S il simbolo di partenza, in maiuscolo i terminali, in minuscolo le regole di produzione), convertirla in forma LL(1):

S –> q
q –> ( q ) | r
r –> A u | ( t )
u –> B | ( t )
t –> u | t t

-quack

Pubblicato mercoledì 9 marzo 2011 alle 11:15 PM - 4 commenti so far
Archiviato in: Codice, Cazzate

Open Source Economy

In questi giorni infuria una polemica interessante: Banshee è un player musicale che permette di comprare canzoni in MP3 dallo store di Amazon. Grazie al sistema dei referral, ovvero la gente compra una canzone via Banshee e a Banshee/Gnome/chi per lui viene corrisposta una percentuale della transazione, è possibile far cassa anche con un prodotto distribuito gratuitamente (non è una novità) e open-source/GPL. Quelli di Ubuntu, che non fanno che prendere codice in giro, compilarlo, impacchettarlo e tante altre belle cose, hanno pensato che – rispettando tutti i vincoli legali che accompagnano la licenza – di cambiare il codice di Banshee quanto basta per dirottare gli introiti verso Canonical che tra l’altro incassa percentuali anche tramite il music store UbuntuOne. Per Banshee/Gnome viene riconosciuto un gettone pari al 25%.

nickelanddime[1]

(fonte)

Andando al sodo: tutto questo è perfettamente lecito anche se non molto eticamente corretto. La domanda da un milione di dollari è: tutto ciò è anche ampiamente prevedibile, perché tanto “clamore”? Ci si aspettava davvero qualcosa di diverso? Un’azienda che mercanteggia in Open Source è tenuta a rispettare standard etici più elevati della concorrenza?

La mia curiosità è sincera, spero che si intavoli una serena discussione senza derive trollesche.

-quack

Pubblicato mercoledì 2 marzo 2011 alle 7:13 PM - 28 commenti so far
Archiviato in: Linux

 
1