Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Archivio 2017:

Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen
Nexus 5X: il buono, il brutto, il cattivo

È da un po’, diversi giorni, che uso il Nexus 5X con l’account aziendale. A causa di questo mi è stato detto che, vista la quantità di dogfood che devo necessariamente sorbirmi, non posso fare osservazioni accurate sulle prestazioni in generali o sulla durata della batteria a causa del fatto che il dogfood tende ad essere poco attento a questi due fattori importanti. Ciononostante le mie impressioni sono prettamente positive. E allora senza colpo ferire passiamo al…

BUONO

Lettore di impronte: l’account aziendale, in quasi tutte le versioni, richiede misure di sicurezza aggiuntive come ad esempio l’obbligo di avere il dispositivo criptato o impostare un PIN. Da questo punto di vista il lettore di impronte del 5X con la sua posizione strategica è una vera e propria manna che mi consente di sbloccare il dispositivo con il semplice gesto di sollevarlo dal tavolo (o estrarlo dalla tasca).

Hardware in generale: semplicemente eccezionale, a me lo stile Nexus piace parecchio e lo si dovrebbe capire dal fatto che questo è il mio quinto Nexus. Lo schermo è un tocchettino più grande e dà la possibilità di spremere più icone nell’home screen.

Camera: sulla qualità generale della camera tanto di cappello. 12MP sul retro, 5MP sul fronte, performance ottime anche in condizioni di luce meno che soddisfacenti. Non che sia un patito delle foto fate col cellulare, ma la qualità c’è.

Tempi di ricarica: USB-C in quick-charge mode significa 1% al minuto circa. Da scarico ci metto al massimo novanta minuti per ricaricarlo al 100%. Ottimo.

Supporto a Google-Fi: questo per me è un grande vantaggio. Sono di principio contrario ai piani a pacchetto (paghi tot al mese per X minuti o Y GB; se sfori c’è la penale, se non sfori ci perdi) e Google-Fi va nella direzione giusta, ma ci vuole un dispositivo che supporti lo switching tra rete cellulare e Wi-Fi in maniera seamless. Nexus 6 e Nexus 5X lo supportano. Son passato proprio ieri a Google-Fi e staremo a vedere.

BRUTTO

USB-C: la porta USB-C supporta solo USB2 dal punto di vista del trasferimento dati; mi importa poco, perché è da parecchio che non trasferisco via USB ma è una gran rottura di scatole per via del dover cambiare cavetti e adattatori, almeno fino a quando lo standard non diventa più ubiquo.

Led Notifiche: di default è disabilitato, questo mi lascia presagire che in futuro possa essere rimosso. Io lo trovo molto comodo, se così fosse sarebbe un vero peccato.

CATTIVO

Rimozione di alcune feature: è stata rimossa la stabilizzazione ottica (credo, mi pare che il Nexus 5 ce l’avesse) e la ricarica wireless, anche quella molto comoda; la seconda non è una grossa perdita visto che la velocità di ricarica sarebbe estremamente bassa e la batteria comunque, anche in condizioni svantaggiose, sembra riuscire a tenere testa al carico di lavoro giornaliero.

Bottomline: come in passato, nel passaggio da Nexus 4 a Nexus 5 (ouch, scopro di non averne mai parlato!), ho sofferto un po’ con l’upgrade; ho l’impressione però che i pro supereranno presto con la forza dell’abitudine i pochi contro e di tornare al Nexus 5 mi sembrerà presto impensabile come tornare oggi indietro al Nexus 4.

-quack

Pubblicato mercoledì 11 novembre 2015 alle 6:11 AM - 0 commenti so far
Archiviato in: Google, Cellulopoli

Amazzonia

In una gara tra chi ha l’idea più cazzona del secolo, Amazon ha deciso di rilanciare con una mossa geniale:

Non è più possibile comprare sui loro negozi dispositivi che non supportano il servizio di streaming di Amazon Prime (Apple TV, Google Nexus Player, ChromeCast, ecc.)

Uno di passaggio legge la notizia e pensa: è giusto, tu non supporti i miei servizi, io non vendo i tuoi prodotti.

A parte il fatto che non vendere i prodotti danneggia i suoi stessi clienti, uno penserebbe che se questi giocattoli non supportano i servizi streaming di Amazon, la colpa è di Google o Apple.

Però nel caso di Google, ignoro il lato Apple della questione, non c’è davvero nessun impedimento nel supportare l’app di Amazon su Google Play Store. Insomma se l’app di Amazon non c’è è per una scelta di Amazon. Infatti se si smanetta un po’, la si può installare di “contrabbando” sul Google Nexus Player.

Un’idea altrettanto cazzona è quella di avere un servizio come quello di “Amazon Prime Now” solamente su cellulari e neanche per tutti i modelli. Se si vuole usufruire di Amazon Prime Now su iPad o via browser o sul nuovo Nexus 5X, non è possibile. Nisba.

Amazon è balzata di recente agli onori della cronaca per via di un articolo molto controverso apparso sul New York Times. In realtà moltissimi ex-Amazon che conosco hanno detto che si rispecchiano completamente nell’articolo citato. Infine un mio amico, che mi ha detto di aver fatto colloqui per una posizione di manager, mi ha raccontato che l’applicazione della curva di Bell in Amazon è persino più hard-core di quanto succedeva ai tempi di Ballmer in Microsoft. Coincidenze?

-quack

Pubblicato lunedì 2 novembre 2015 alle 8:33 PM - 4 commenti so far
Archiviato in: Cazzate

 
1