Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Archivio 2017:

Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen
Upgrading Cray-1

È passato un bel po’ di tempo dal momento in cui “ho chiuso i giochi” su Cray-1. Credo ferventemente nella legge 0 dell’informatica per cui “se qualcosa funziona non si tocca”.

Ma se qualcosa comincia a non funzionare… Ad esempio la strategia di backup si basa su CrashPlan che gira su Windows Home Server. I file però risiedono su un pool RAID-Z gestito da una macchina OpenIndiana para-virtualizzata a cui WHS vi ci accede usando una modalità poco ortodossa. Un paio di volte è già capitato che il mount delle share non è partito in tempo causando un backup parziale. In poche parole ci sono troppi ingranaggi in moto anche se tendenzialmente “tutto funziona”.

Poi mi è capitato di leggere che KVM nel frattempo è migliorato parecchio e il VGA passthrough pare superiore anche a quello di XEN.

E poi ho provato ZFSONLINUX, migrando un pool da Nexenta 3.0 (stessa versione usata per creare il mio pool) a Ubuntu senza tanto dolore; scoprendo che è possibile usare un server SAMBA decente e anche le ACL Posix con ZFS con semplicemente:

# zfs set acltype=posixacl <dataset>

E allora fatti due conti… un nuovo setup basato su Ubuntu eliminerebbe la necessità di una VM per Solaris. Eliminerebbe la necessità di far girare CrashPlan su Windows Home Server, che eliminerei completamente affidandone i due ultimi compiti rimasti ad altri PC già esistenti. Risulterebbe in una virtualizzazione di Windows 7 migliore. E possibilmente in una virtualizzazione di OSX, magari in dual boot con Windows ora possibile visto che il BIOS viene sparato sull’uscita della VGA anziché in maniera cieca.

La tentazione è forte.

-quack

Pubblicato mercoledì 25 marzo 2015 alle 6:19 PM - 2 commenti so far
Archiviato in: Virtualizzazione

 
1