2016, fuga da

È arrivato il nuovo anno e approfittando delle vacanze natalizie ho messo a punto il mio piano di fuga. Della fuga da Windows ne ho già parlato, ma in questi giorni sto fuggendo da Solaris. Non è bello sapere di avere un sistema che gira su software in fin di vita. Il mio fedele Solaris para-virtualizzato, in esecuzione su XCP 1.5 BETA, non è più supportato nelle versioni successive. Ho guardato nel frattempo verso KVM che mi sembra molto più stabile con l'idea di avere un host che faccia anche da server SMB e risparmiare una macchina virtualizzata coi suoi costi. Armato di un nuovo HD di provenienza saldi da Black Friday ho fatto il backup del Pool. La mossa successiva è stata quella di installare il Pool su una VM Ubuntu con supporto ZFS ora che pare sia abbastanza stabile: ovviamente non tutto è filato liscio, la tabella delle partizioni di 3 HD su 4 era corrotta: strano che Solaris riuscisse a far partire il Pool in queste condizioni, ma armato di backup ho provato parted. Ho rifatto la tavola delle partizioni da zero e recuperato la partizione, un HD alla volta, e provato che i dati fossero ancora lì. Sistemato l'ultimo HD il Pool è stato importato con successo su Ubuntu. Purtroppo per chissà quale baco misterioso il Pool non è più importabile su Solaris, ma a questo punto poco importa.
Il passo successivo è stato quello di configurare SMB coi suoi permessi, piccoli grattacapi, ma dal punto di vista del Server Windows su cui gira CrashPlan tutto sembra uguale e la cosa è molto, estremamente incoraggiante (il backup di 1.8TB di dati spalmati su 125.701 file è appena completato con successo).
Prossimo passo è quello di spostare CrashPlan da Windows ad Ubuntu, ma sembrerebbe un gioco da ragazzi ampiamente documentato. Se tutto dovesse andare liscio il passaggio a KVM da Xen dovrebbe essere praticamente indolore. Reinstallerei la Workstation di Windows 7 da zero su KVM, visto che l'HD su cui gira al momento è quasi privo di spazio, ma terrò da parte i tre vecchi HD che non si sa mai.
Sorprese positive: SMB è stato più facile da configurare di Solaris una volta letta la paginetta di documentazione appropriata. E siccome Solaris usava CIFS la banda è pressoché raddoppiata: non che sia una cosa importantissima, ma come piccolo bonus extra non ci si può lamentare.
Il passo finale è quello di fare qualche test e decidere il sistema operativo host: sono indeciso tra Ubuntu per la velocità di messa in piedi e ArchLinux per il footprint incredibilmente limitato. Ma questa è una decisione che posso prendere con calma. L'importante è essere uscito da quel brutto vicolo cieco di un ammasso di sistemi arrivati a fine corsia (XCP, Windows Home Server, Solaris). Per i prossimi 4-5 anni dovrei essere a posto.

-quack

Pubblicato giovedì 7 gennaio 2016 alle 12:29 AM - 3 commenti so far
Archiviato in: Virtualizzazione

 
1