Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Archivio 2017:

Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen
Dentist experience

Con la migrazione ad iOS ho deciso di tentare un’operazione spericolata: scrivere un’app personale per iOS, ad uso ed esclusivo consumo personale. Su Android, praticamente una faccenda da cinque minuti, che diventano sei se nel frattempo si vuol bere un espresso. Su iOS invece come da titolo. Il processo:

  • scaricare la versione giusta di XCode. Perché se l’aggeggio è aggiornato all’ultima versione, lasciate ogni speranza o voi che tentate
  • installare certificati e contro-certificati. In uno slancio di generosità è possibile sviluppare su iOS senza dover pagare l’obolo richiesto, $99 l’anno. Ci sono limitazioni (ad esempio niente push notification) ma è l’account che fa per me. Non ho infatti nessuna intenzione di distribuire la mia app, è un esperimento personale
  • usare documentazione scaduta. Hanno rilasciato una nuova versione del linguaggio (Swift 3) che è incompatibile con il codice precedente che va riscritto. La documentazione però non è stata aggiornata altrettanto velocemente. Quel che è peggio, gli esempi in giro, tutti ormai inutili quando sono buoni così come sono
  • farsi torturare dai cambiamenti di iOS. In questa versione hanno deciso che quei pochi stronzi come me a cui piaceva raggruppare le notifiche per app, debbano andarselo a pigliare in saccoccia. Niente raggruppamento per app e modifiche sostanziali all’intera feature, che è la parte più rilevante della mia stupida, fottuttissima app

Ciliegina sulla torta: hanno ridotto la vita dei certificati per i free developer da 90 a 7 giorni. Cioè non solo l’applicazione, a differenza di Android, “scade” ma adesso per tenerla in vita dovrei compilarla ogni settimana. Uno penserebbe che, pagando l’obolo, potrebbe tenere in vita l’app in maniera perpetua, ma scaduta la licenza annuale punto e a capo: non solo, il certificato andrebbe rinnovato ogni 90 giorni… eccezion fatta per lo sviluppo enterprise ($$$$, improponibile).

L’unica vera alternativa è la pubblicazione nell’App Store con distribuzione dell’app a cani e porci.

A questo punto il Google Pixel comincia a sembrare davvero un ottimo investimento.

-quack

Pubblicato lunedì 17 ottobre 2016 alle 8:51 PM - 17 commenti so far
Archiviato in: Apple

 
1