Feature Parity

Oggi, nella migrazione da XEN a KVM/VFIO, sono riuscito a raggiungere una milestone eccezionale: feature parity tra i due sistemi, ma con estrema – molto estrema – semplificazione di architettura. Ho dovuto fare una quantità di esperimenti interessanti, tempo che non considero perso in quanto per me altamente educativo.

Ad esempio all’inizio ero indeciso su quale distro scegliere tra le tre papabili:

  • arch-Linux, scartata immediatamente quando ho scoperto di cosa si tratta il repository AUR: roba distribuita in codice sorgente e mantenuta a tempo perso; anche Crashplan è distribuito purtroppo così e non mi fido di affidare l’applicazione per il backup a gente che dedica spiragli di tempo come me.
  • Fedora: VFIO è nato e sviluppato in Red-Hat. Però santa pazienza, su Fedora bisogna combattere coi draghi solo per installare un server XRDP. Non sto scherzando. La tentazione è stata grande perché le istruzioni più complete su VFIO sono scritte con Fedora in mente.
  • Ubuntu. Familiarità uber all. Ma anche qui il dilemma: LTS o no? Alla fine ho scelto LTS ferma a due anni fa ben conscio che alcune feature interessanti saranno disponibili nella nuova LTS in dirittura di arrivo per Aprile.

Il risultato interessante è che il servizio rippatutto, non senza dolori, adesso gira su una Micro-VM con XP. Avessi più tempo lo riscriverei in Java, ma le funzionalità Text To Speech su Linux sono alquanto primitive (le voci ricordano il SAM dei tempi andati su un C64). Il software di backup e il pool ZFS girano finalmente direttamente sull’host. Nel frattempo ho dovuto imparare come configurare AppArmor e una quantità non irrilevante di cosette, come ad esempio il fatto che il file da configurare per AppArmor è /etc/apparmor.d/abstractions/libvirt-qemu (aggiungere il file di script e sed alla lista).

Risultato finale: anche se parziale, sono soddisfatto.

-quack

P.S. ho comprato un case nuovo, vista l’abbondanza di spazio verticale nella nuova ubicazione. Ho intenzione di installare un adattatore 4x3 e rendere i dischi dati facilmente raggiungibili scopo creazione di un futuro server ridondante per la pace dei sensi.

Pubblicato martedì 16 febbraio 2016 alle 3:36 AM - 7 commenti so far
Archiviato in: Virtualizzazione

 
1