Pebbling

Non è un segreto che FitBit si sia data allo shopping motivata dalla paura di scomparire a mezzo di iWatch & Android Wear. Vector prima, Pebble dopo. Per mia umilissima opinione, stando a leggere le recenti defaillance, FitBit sta imboccando la strada sbagliata: il bello di questi dispositivi focalizzati sul fitness è che hanno bisogno di poca cura. Così mentre la concorrenza rilascia dispositivi resistenti all’acqua e con durata di batteria praticamente eterna (vedasi) FitBit continua – parrebbe – a focalizzarsi su un prodotto che, se rilasciato con GPS, molto probabilmente andrà a competere con i dispositivi caricami-ogni-sera della concorrenza. Ovviamente trattasi di speculazioni personali e mi farebbe piacere, tra qualche mese, scoprire di essermi sbagliato nel momento in cui FitBit rilascerà il dispositivo “perfetto”.

Nel frattempo…

Il mercato dei Pebble watch è praticamente crollato. Un Pebble Classic ricondizionato si trova per 25-30$ al supermercato più grande del mondo. Un Pebble 2 HR per circa 70$. Questi giocattoli hanno un vero e proprio SDK con tanto di market e, per quelli dotati di accelerometro, API adatte alla misurazione dei passi. App che fanno da pedometro ce ne sono già un tanto al Kg su github, compresa una che fa l’upload dei dati su un server a piacere. Mi sono detto perché no e ho pensato ad un piano in tre fasi per sostituire il demone che sincronizza i dati via polling tra Servizio A e Servizio B con una WebApp che lo faccia on demand.PebbleTime

  1. Fase 1: scrittura di un client abbastanza robusto e di un server basato su SqlCE con pochissime pretese; il vantaggio è di avere la possibilità di scaricare il file DB in locale e poter semplificare l’eventuale debugging. In questa fase ci sarà una WebAPI a fornire le statistiche giornaliere
  2. Fase 2 (opzionale): modificare il demone in modo da leggere i dati dalla mia WebAPP e testare la sincronizzazione
  3. Fase 3: effettuare la sincronizzazione direttamente sul server appena subito dopo l’upload dei dati

Al momento ho quasi terminato la fase 1, il client dovrebbe essere pronto e abbastanza robusto e resiliente ai problemi occasionali dovuti alla connessione. Il server, ad occhio e croce, dovrebbe trattarsi di quattro o cinque SQL statement, quindi roba fattibile tra un caffé e un cornetto.

Intanto ho osservato che il numero di passi conteggiati sul Pebble parrebbe essere addirittura più accurato di quelli del dispositivo corrente.

Now, let the fun (hacking) begin. 

-quack

P.S. alla fin dei conti si tratta, comunque, di un dispositivo FitBit.

Pubblicato mercoledì 26 aprile 2017 alle 7:13 PM - 0 commenti so far
Archiviato in: Hardware

I miei guai con Windows 10

Come da tradizione iniziata ormai un decennio fa dal nonno, la lista dei miei personalissimi “guai” con Windows 10, nonostante l’ultimo aggiornamento. Post in continua evoluzione.

  1. SMB/NetBios: non c’è verso di forzare Windows 10 a parlare SMB/NetBios sulla porta 139 (anziché la 445 di default), il che significa un po’ di casini con l’implementazione Linux di SMB. Si risolve disabilitando SMB2/SMB3 su Windows 10 oppure forzando sul server un protocollo antico (pericoloso?)
  2. ho eseguito l’aggiornamento al Creators Update a mano, lanciando l’eseguibile scaricabile dal sito di Microsoft. Persi un po’ di setting come lo sfondo del desktop, alcune impostazioni di rete, browser preferito, ecc. Si può fare l’upgrade passo passo da Windows 3.1 a Windows 7 senza perdere molte impostazioni, ma da Windows 10.1 a Windows 10.2 sembrerebbe una tragedia.

to be continued.

Pubblicato domenica 16 aprile 2017 alle 7:24 PM - 7 commenti so far
Archiviato in: Windows

Scacciapensieri

Operazione nostalgia: negli anni ‘80, l’intrattenimento ludico portatile era affidato agli scacciapensieri, video-giochi con schermo LCD con funzionalità di orologio e sveglia, Alcuni modelli erano alquanto introvabili in Italia e un mio amico aveva stabilito un piccolissimo canale di importazione parallelo dalla Svizzera per i parenti più stretti.

Il suo preferito personale era il mitico Donkey Kong II a doppio schermo, originale Nintendo e quindi con giocabilità e dettagli incredibili:

Donkey Kong II

Alcuni produttori terzi si erano spinti anche oltre il doppio schermo, come nel caso di Diamond Hunt:

Diamond Hunt

Erano però gli anni a ridosso della vittoria ai mondiali dell’82 e non potevano mancare schacciapensieri dedicati allo sport nazionale, come Gakken Soccer, distribuito in Italia da Duracell e reperibile anche in un paese di 40mila anime.

Gakken-SoccerLCDDiff

Il gioco è abbastanza semplice, si vince segnando 100 goal e non prendendone 3 altrimenti è gameover (gara di ritorno di un’andata piuttosto bizzarra). L’AI è piuttosto inesistente ma per quei tempi un vero e proprio miracolo e seppur in assenza di guardalinee l’implementazione del fuori-gioco è estremante accurata. Si segna facendo correre la palla lateralmente tramite passaggio, perché il portiere è perfettamente allineato con il giocatore che porta palla ed evitando il fuorigioco. La modalità più difficile è resa tale rendendo il comportamento del compagno di squadra senza possesso palla aleatorio e imprevedibile.

Oggigiorno disponibile agli stessi prezzi originali aggiustati di inflazione, sul distributore ufficiale di nostalgia: ebay.

-quack

Pubblicato giovedì 13 aprile 2017 alle 8:26 PM - 0 commenti so far
Archiviato in: Cazzate

Nirvana 2017

NIRVANA

7 Aprile 2017, raggiunto il Nirvana della virtualizzazione spinta. Avessi immaginato gli incredibili benefici di passare da BIOS a UEFI, l’avrei fatto il prima possibile: il supporto in KVM/libvirt/QEMU/virt-manager è novità recente, ma non ha mai ispirato tanta fiducia.

Ebbene sì, il Cray-1 è rinato al punto che ho messo da parte l’idea di ricostruire il PC con ferraglia più recente, solo magari per avere accesso ad una porta PCI-e x16 in più. Grazie a UEFI sono riuscito a recuperare l’utilizzo della scheda grafica integrata nello Xeon, che in modalità BIOS grazie ai bachi di Intel era inaccessibile. Mi è anche venuto il pallino di provare a vedere lo stato delle cose dal punto di vista vhackintosh: il proliferare di guide su come fare a creare una macchina virtuale KVM con tanto di hardware assegnato mi ha fatto ben sperare. Il fiorire di booloader basati non più su BIOS ma su EFI è incredibilmente incoraggiante. C’è persino qualcuno che sta implementando il parsing di HFS+ in TianoCore, il firmware UEFI open source utilizzato per far girare questo tipo di macchine virtuali.

Qualche piccolo ostacolo: l’ultimo aggiornamento di MacOS è incompatibile con l’implementazione corrente del pezzo di software virtuale che emula il chippettino proprietario di Apple, ma c’è già una patch che coinvolge un singolo file in tutto QEMU. Come si fa a non provare?

Armato di tantissima pazienza ho persino imparato un paio di cose su Ubuntu/Linux: ad esempio una volta configurato il file del repository è possibile scaricare il sorgente di qualsiasi app di sistema con un paio di comandi. Ricompilare, una volta ravanata la configurazione dei flag di compilazione, è stato un gioco da ragazzi. E se poi si volesse prevenire l’aggiornamento dell’app patchata ad hoc, c’è sempre il pinning.

La grana successiva: Apple non riconosce i controller USB dei chipset intel onnipresenti. È bastato comprare un controller PCI-e dedicato con supporto OSX nativo basato sui chip Fresco Logic per risolverla. L’ultimo corpo estraneo nella configurazione della macchina virtuale è rimasto il boot-loader. Se si volesse fare a meno di virt-manager/libvirt e accontentarsi di lanciare la macchina virtuale da riga di comando, la soluzione persino c’è. Last but not least, le versioni di Kernel successive alla 4.7 (e per fortuna per Ubuntu 16.04 LTS è disponibile la 4.8), rendono inutili un altro piccolo pezzo di configurazione da fare a mano. Insomma in tre parole: si può fare. Fine dell’esperimento.

Cos’è quindi il Nirvana? Sapere che il Cray-1 a livello SW non è più un accrocchio di patch e ricami per supportare questo e quell’altro (Solaris, il passthrough della scheda grafica con supporto al boot, ZFS, SMB, ecc. ecc.), ma qualcosa che funziona sempre più completamente out-of-the-box, oggi giorno una rarità. Peccato solo aver dovuto abbandonare Windows 7: i suoi ultimi bit sono stati sparsi al vento un paio di ore fa.

-quack

P.S. KVM/libvirt/qemu è una figata.

Pubblicato sabato 8 aprile 2017 alle 6:44 AM - 8 commenti so far
Archiviato in: Software, Virtualizzazione

 
1