Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Feb Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen
HTTPS is coming

Qualche giorno fa sono stato contattato telefonicamente dal mio hosting provider (GoDaddy). Di solito mi chiamano per contrattare il rinnovo multiplo dei servizi di cui usufruisco e spesso gli sconti son significativi. L’ultima volta non me la son sentita di rinnovare per due anni congelando di fatto lo status quo. Stavolta però, con l’arrivo imminente di HTTPS per tutti, di contrattare un po’ di voglia ce l’avevo. Perché GoDaddy offre ai propri clienti certificati per HTTPS, ma il prezzo, per tenere in vita questo blog, sarebbe troppo alto. L’operatore tra l’altro pareva fosse anche abbastanza contento di non poter offrire certificati di terze parti e questo mi ha scocciato non poco; infatti letsencrypt mi sembrava la scelta giusta.

Si aggiunga che, quando ho deciso di scrivere la piattaforma su cui fare girare questo blog, ho fatto una scelta in retrospettiva molto sbagliata: aggiungere l’estensione ASPX a tutte le URL di questo blog. Non l’avessi fatto avrei avuto la possibilità di migrare ad un hosted WordPress per una frazione di quanto stia spendendo adesso. Quest’opzione purtroppo non è disponibile e tenere in vita le vecchie URL richiederebbe hostare WordPress per conto mio. Una pessima idea per due motivi: mi forzerebbe a tenere aggiornato WordPress a causa dei numerosi bachi che si porta appresso di release in release e costerebbe alla fine quanto hostare Blogoo finendo per giunta per perdere il contenuto del forum.

Ho cominciato ad analizzare le alternative:

  • chiudere tutto (e ricominciare da zero?)
  • passare ad un host meno esoso tenendo in piedi l’ambaradan corrente
  • convertire Blogoo in ASP.Net Core/MySQL e usufruire di una VPS che mi permetterebbe altre robe carine
  • “congelare” le pagine attuali e hostarle su un servizio gratuito (github pages) o similare. Ricominciare altrove con un nuovo dominio

La lezione che ho imparato è che le tecnologie non durano per sempre e che il tempo investito in Blogoo, sebbene mi abbia dato la possibilità di imparare parecchie cosette utili, avrei dovuto dirottarlo altrove.

E mentre scrivo e rifletto, realizzo che forse HTTPS non è quella maledizione che mi è sembrata al primo colpo e probabilmente questo potrebbe essere l’ultimo post via Blogoo. So long and thanks for all the fish.

-quack

Pubblicato domenica 18 febbraio 2018 alle 7:19 AM - 13 commenti so far
Archiviato in: Blog-Tech

Post di servizio - Dicembre 2014

Chiedo venia per il post Out Of Band.

Mi piacerebbe sapere, tra i lettori che seguono via RSS feed, quale reader online/offline usate.

Grazie per la cortesia.

-quack

Pubblicato lunedì 1 dicembre 2014 alle 11:59 PM - 33 commenti so far
Archiviato in: Blog-Tech

Il forum

Finalmente ho messo su un mezzo forum che rimpiazza per sempre la pagina Off Topo. Non ho il tempo materiale per scrivere un plugin e allora ho recuperato qualcosa di già pronto. In futuro vorrei migrarne i contenuti o chissà… anche se penso che non ci sia niente di più permanente di una soluzione temporanea. Vabbù?

foro

Le regole del forum sono le stesse di tutti i commenti: cerchiamo di non offenderci a vicenda e per il resto tutto fa brodo.

Possibilmente non usate i messaggi privati. Li leggerò in barba alla legge sulla privacy del comune di Paperopoli (di cui sono sindaco, sapevate?) e li cancellerò in quanto mi sembrano inutili e ridondanti.

-quack

Pubblicato giovedì 29 aprile 2010 alle 8:55 PM - 47 commenti so far
Archiviato in: Blog-Tech

Comunicascion of service

Piccola comunicazione di servizio. È cambiato il link al feed RSS. Il nuovo feed RSS è qui.

Alcuni link utili per la migrazione:

Subscribe with BloglinesAdd to Googleaddtomyyahoo4rss-iconOffline/desktop reader

Scappo via da feedburner/google come avevo promesso qualche giorno fa. Il vecchio feed funzionerà ancora per un po’ con l’aggiunta di un promemoria più o meno evidente.

Vedasi quest’immagine:

feed

-quack

P.S. FeedBurner potrebbe metterci un po’ a propagare la ‘modifica’; il feed dei commenti sarà spostato la prossima settimana.

Pubblicato venerdì 12 febbraio 2010 alle 11:37 PM - 2 commenti so far
Archiviato in: Blog-Tech

Tor exit node lookup in ASP.Net

Potrebbe tornare utile a qualcun altro:

using System.Web;

using System.Net;

 

namespace TorHelper

{

    public class TorHelper

    {

        const string TOR_EXIT_IP = "127.0.0.2";

 

        private static string ResolveName(string name)

        {

            string ip = (string) HttpContext.Current.Cache[name];

            if (ip == null)

            {

                ip = ResolveDNS(name);

                HttpContext.Current.Cache[name] = ip;

            }

            return ip;

        }

 

        private static string ResolveDNS(string name)

        {

            try

            {

                IPHostEntry host = Dns.GetHostEntry(name);

                if (host.AddressList.Length == 0)

                {

                    // this should never happen

                    // but throwing an exception is expensive.

                    return null;

                }

                return host.AddressList[0].ToString();

            }

            catch(SocketException)

            {

                // this can happen when the DNS doesn't get resolve

                // and it actually happens for all IP addresses
                // that are
not part of the TOR exit list

                return String.Empty;

            }

        }

 

        public static bool IsTorExitNode(string ipAddress)

        {

 

            try

            {

                string torExitEntry = String.Format(

                   "{0}.{1}.{2}.ip-port.exitlist.torproject.org",

                    ReverseIPOctet(ipAddress),

                   "80",

                    // Domain name is the running

                    // ASP.Net webSite

                    ReverseIPOctet(ResolveName(DomainName)) );

 

                if (ResolveName(torExitEntry) == TOR_EXIT_IP)

                {

                    return true;

                }

            }

            catch (Exception e)

            {

                // log the error

            }

 

            return false;

        }

 

        private static string ReverseIPOctet(string ipAddress)

        {

            string[] octets = ipAddress.Split('.');

            return String.Format("{3}.{2}.{1}.{0}",

               octets[0],
               octets[1],
               octets[2],
               octets[3]);

        }

 

    }

}

Su questo blog i commenti lasciati via Tor finiscono in coda di moderazione insieme a quelli che partono da una subnet ban list. Ed ora il giochino si fa più interessante.

-quack

P.S. il pezzo di codice di cui sopra è rilasciato al pubblico dominio con la licenza SQLite:

May you do good and not evil
May you find forgiveness for yourself and forgive others
May you share freely, never taking more than you give.

Pubblicato giovedì 10 dicembre 2009 alle 8:46 PM - 18 commenti so far
Archiviato in: Blog-Tech, Codice