Ubuntu e la formichina

Avevo un vecchio laptop e tempo fa come esperimento mentale vi ci installai Ubuntu (la leggenda vuole che Windows succhi un sacco di risorse, mentre Linux gira anche sui PC del nonno). Pochi giorni fa la formichina ha avuto bisogno di questo laptop extra su cui farci girare - possibilmente - windows e office. Visto che Linux c'era gia' le ho proposto di tenerlo in prova per qualche giorno/settimana dopo averla provvista di una paginetta con tutte le istruzioni essenziali per usarlo (dove trovare questo, dove trovare quello). Questa la cronologia degli eventi:

Giorno 1: il portatiletto viene usato pure in rete connesso ad un router DLINK che fa da DHCP. Ubuntu sembra stare al DHCP-gioco, si prende un indirizzo IP e funziona. Wow, plug&play. Firefox e' meglio di IE, si ricorda pure alcune cose (commento della formichina).

Giorno 2: il portatiletto viene riportato a casa e connesso con nostro router via powerline adapter di cui sopra. La rete di casa e' WPA e in Ubuntu-WiFi l'opzione non sembra neanche essere presente. Tra spendere 2 giorni a cercare la documentazione, installare quanto dovuto, ecc. e prendere in prestito uno degli adatattatori Netgear (il buon NAS puo' attendere), preferisco prendere in prestito: sono pragmatico, non un teorico fissato. Il DHCP-gioco funziona ancora, internet e' ancora li'. All'improvviso il laptop si spegne: faccio notare alla formichina che stava andando di batteria. Commento della formichina: ma prima di spegnersi poteva avvisare, windows lo fa quando la batteria e' scarica (oltre all'incazzatura per aver perso qualche minuto di lavoro)! Eppoi la mia casella di posta sembra buffa su Firefox (la casella di posta gira su un Exchange Web Mail server).

Giorno 3: il portatile viene riconnesso al router DLINK. Il DHCP non funziona. Qualsiasi tentativo di assistenza remota telefonica fallisce (tentato il riavvio, shutdown, possibile). Dov'e' IPCONFIG? Ubuntu non e' Windows; la formichina lascia perdere.

Giorno 4: la formichina ha bisogno di stampare alcuni documenti creati con OpenOffice. Le spiego che deve convertirli in Word (dubito che OfficeDepot abbia OpenOffice installato o per lo meno non voglio correre rischi) e la istruisco su come fare. Nonostante tutti i tentativi di esportare, PIPPO.DOC sul desktop non esiste (e OpenOffice sembra volersi incazzare). Idea geniale: siccome non so una cippa di OpenOffice, lo potrei installare sul mio (l'assistenza remota non e' un'opzione: la rete non funziona e l'unico Gateway per l'internet e' un portatile Windows). Installo OO 2.1 su Windows e mi faccio mandare i file .ODT che posso convertire in PDF (grazie a PDFCreator); nel frattempo scopro che OO supporta nativamente il PDF e spiego alla formichina come convertire tutti i suoi documenti in PDF. Convertiti i documenti in PDF arriva il momento di metterli sulla chiavetta USB: i file sembrano copiati con successo, ma la chiavetta - controllata su un altro PC - sembra vuota. Mmm: sara' per caso un problema di umount? Le suggerisco di aspettare 10 secondi dopo la copia prima di togliere la chiavetta e questo risolve il problema; nel 2007, Unix funziona (quasi) ancora come 30 anni fa.

Giorno 5: commento della formichina: Ubuntu e' bello e gratis, ma per favore mi installi Windows che ci devo lavorare? Smile

Giorno 6: format, install, install, update, install. Ehi questo giocattolino funziona anche in WiFi/WPA! Non male!

 -quack

Technorati tags: ,

Pubblicato lunedì 22 gennaio 2007 alle 9:33 PM - 73 commenti so far
Archiviato in: Cazzate, Linux

Bloggando on linux
Ebbene si, dopo un bagno di sangue (non sono poi tanto idiota...) sono riuscito ad installare la scheda wireless su Ubuntu seguendo i consigli di chapeaurouge pubblicati in questo post. Una volta "sbloccata l'installazione" sono riuscito a:
  1. installare un codec MP3 (un'operazione che non definiresi semplice); incredibile che manchi il codec MP3 sull'installazione di default
  2. riuscito a scaricare un codec per vedere i dvd (giro intricato che richiede l'editing di alcuni file di sistema)
  3. scaricare BloGTK (con cui sto editando questo post, in quanto non sono riuscito ancora a trovare un editor WYSIWYG; che tra l'altro non scarica neanche le categorie... porca pupazza)

Nel frattempo ho scoperto

  1. l'hibernation ha smesso di funzionare diventando semplicemente un "lock"
  2. al ritorno dal lock la rete wireless smette di funzionare
  3. la navigazione in rete non e' integrata come avviene nel mondo windows

Unica cosa carina e' la grafica e il desktop manager davvero slicky: ne cercando uno simile per windows che mostri l'anteprima delle finestre; so che ce ne sono in quanto ne ho usati in passato.

Per il resto, rimango convinto che il tutto sia "anni luce" lontano da essere user friendly.

Di piu' in seguito (voglio scoprire anche come accentare le lettere su questo OS)

-quack! 

Pubblicato lunedì 4 settembre 2006 alle 4:20 AM - 0 commenti so far
Archiviato in: Cazzate, Software, Linux

Aiuto, Ubuntu!!!

Oggi, nel tempo libero del lungo weekend, ho provato a giocare con Ubuntu Linux ed un vecchio portatile (su cui fino a qualche giorno fa Windows XP professional ci girava egregiamente!). Il pallino mi era venuto quando ho intravisto nell'angolo delle riviste di un B&N una rivista che prometteva VISTA gratuitamente: il teorema è che su Linux tutto quello che è stato da anni promesso in Windows Vista, c'è già.

Armato di pazienza ho comprato due riviste (la suddetta aveva Suse 10.x in allegato mentre nello stesso numero - e su vari blog - leggevo molto bene di Ubuntu), ho preso il portatile vecchio e ho cominciato ad installare.

La fase iniziale dell'installazione sembrava promettere bene (con una mappa del mondo da cui scegliere la città: peccato ci sia Vancouver ma non Seattle) fino a quando sono arrivato al primo ostacolo, il partition manager che mi ha fatto capire che il diavolo fa le pentole ma non i coperchi. Ho provato a essere coraggioso e cercare di scegliere io le partizioni e dopo un po' di battaglia ho deciso di lasciare all'installazione la libertà di partizionare come vuole (alla faccia di linux is free, vabbè). Dapprima sembrava che - una volta che mi fossi adeguato - tutto fosse ok: la barra di progresso che scorre, il sibilo del lettore DVD, ecc.

Prima sorpresa negativa: al riavvio niente interfaccia grafica, in quanto il sistema aveva deciso di usare uno spazio su disco danneggiato (e te lo avevo detto io di lasciarmi partizionare il disco da me!!).

Armato di santa pazienza ho reinstallato, stavolta creando una partizione "proibita" (tale da coprire la parte danneggiata) e tutto il resto unpartitioned: ovvio che non ho neanche provato ad andare oltre ed ho lasciato fare tutto all'installazione. L'installazione è andata a buon fine (evviva!) con tanto di interfaccia grafica abbastanza carina!! Faccio un giro per il menù avvio, e...

Seconda sorpresa negativa: per ogni bisogno ci sono almeno 3 o 4 programmi installati. Vuoi masterizzare? Puoi usare XXX, YYY o ZZZ. Vuoi un word processor: ce ne sono ben tre!! Ecc. Questo mi fa capire che il povero utonzo non ha a che fare con concetti come il notepad, ma con i notepad!! Ovviamente, come si legge dalla rivista, ciascuno di questi programmi ha un set di features molto diverso tra loro e lungi da essere completo: insomma se devi fare qualcosa di abbastanza complesso, mi aspetto che devi usare almeno due o tre programmi sperando che l'unione delle features sia completa. Decido di provare il registratore di suoni e...

Terza sorpresa negativa: non registra una cippa lippa. Decido di provare a configurare il microfono e tutti i cacchi e i macchi del caso. Tutto sembra funzionare perfettamente (l'effetto Larsen quasi mi perfora definitivamente l'udito) ma il registratore non registra una cippa lippa (l'audio sembra andare). Provo un mediaplayer qualsiasi per vedere un DVD ma neanche questo funziona... Decido allora di andare in rete (munito di vecchia cara NetGear W511) ma anche li...

Quarta (ed ultima) sorpresa negativa: nonostante siano passati 11 anni dall'introduzione del plug&play con windows 95, la scheda sembra non funzionare per niente. Questo nonostante il network manager dice che la scheda sia attivata (mi prendi per i fondelli? Le lucine sono spente...). Prendo il mio nuovo dell fiammante e cerco un po' in giro e finisco qui. Che figo, dico... e pensare che ero scettico. Mi armo di chiavetta USB e scarico il necessario (tre versioni di driver: 1.6, 2.9 e 3.0). La progress bar si muove, tutto sembra andare... ma niente, le lucine sono ancora spente, la rete wireless non va...

 

Mi soffermo su un passaggio della documentazione che trovo a dir poco illuminante:

Alternatively, open a Terminal and try the commands ifconfig and iwconfig. Your wireless card should hopefully appear with an interface name of wlan0. If it doesn't appear here, then the driver is not working properly.

Di wlan0 non c'è nessuna traccia. Il driver "is not working properly". E mo? Leggendo oltre si parla di scaricare i sorgenti (da qualche altro PC magari... ma se questo fosse l'unico?!?) e di compilare (uddio, io lo faccio di lavoro... ma sto installando un OS o cosa?).

Penso a Vista, che verrà rilasciato con una quantità di drivers sterminata (magari incluso quello della w511!). Penso al fatto che il registratore di suoni che funziona dai tempi immemori di Wfw 3.11 e tutto quello che io do per scontato sul mio laptop... compreso una connessione wireless da cui sto scrivendo questo medesimo post (ho appena installato ieri la RC1 di Vista... che figata...)

-quack

Pubblicato domenica 3 settembre 2006 alle 1:14 AM - 0 commenti so far
Archiviato in: Cazzate, Software, Linux

Che combino?

Pubblicato venerdì 1 settembre 2006 alle 5:23 PM - 0 commenti so far
Archiviato in: Cazzate, Linux