Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Feb Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen
Work in progress

Breve descrizione sul quantitativo di manodopera necessario in U.S.A. per effettuare alcuni tipi di manutenzione stradale:

Registrazione di un bullone su un ponte
Un camionista per trasportare i coni necessari per proteggere 200 metri di corsia (100m per ogni direzione) più lo spazio davvero necessario (in genere 2m x 2m)
Due aiuto-camionisti per scaricare e piazzare i coni.
Un aiuto-aiuto-camionista per proteggere gli aiuto-camionisti dal traffico e far rallentare le auto in arrivo.
Un camionista per trasportare il tabellone elettrico da piazzare 500 metri prima dei lavori con una scritta “Lavori in corso”.
Un camionista per trasportare gli operai e gli attrezzi.
Un operaio (max. due) per registrare il bullone.

Manutenzione su un palo elettrico nei pressi di un incrocio
Più o meno come nel caso precedente, con l’aggiunta di 2 ausiliari traffico con palette STOP/SLOW per ogni ramo dell’incrocio, ovvero tipicamente 8.

Manutenzione di un semaforo
Come nel caso precedente ma con l’aggiunta di un poliziotto.

-quack

P.S. non sto scherzando/esagerando

Pubblicato mercoledì 13 gennaio 2010 alle 11:34 PM - 10 commenti so far
Archiviato in: Seattle e dintorni

Robocops

Se i poliziotti ammerigani sono tutti un po’ Robocop, quelli di Seattle e dintorni lo sono più di tutti gli altri. Ho già raccontato qualche storiella, ma quello che ho visto oggi ha dell’incredibile.

robocop

Antefatto: nella notte c’è stata una vera bufera di vento, non molto intensa ma forte abbastanza da mandare in tilt il semaforo a ridosso della parabolica (vedasi). Quando sono arrivato all’incrocio, a notare l’imprecare di una signora che non ha neanche minimamente pensato di rallentare come di default ad un semaforo spento, avevo pensato che il semaforo fosse rotto solo per la direttrice est-ovest. Oltrepassata la svolta a sinistra mi son reso conto che tutto l’incrocio era spento e avevo pensato di avvertire la polizia, vista l’abbondanza di str*nzi in giro come la signora appena citata. Ero abbastanza indeciso quando mi son accorto che c’era un robocop fermo ad un centinaio di metri dall’incrocio in servizio multa. L’ho accostato lentamente e gli ho notificato di persona la questione. Sono rimasto allucinato quando ha detto “sì, sono qui per questo”.

Ho mentalmente imprecato e abbandonato il luogo del delitto il più velocemente possibile ma senza attirare troppo ancora la sua attenzione.

E pensare che l’area di Bellevue-Redmond in qualche statistica non troppo datata era al terzo posto in tutti gli Stati Uniti per percentuale di furti d’auto.

-quack

Pubblicato martedì 13 ottobre 2009 alle 9:16 PM - 17 commenti so far
Archiviato in: Seattle e dintorni

Autunno

I colori autunnali da queste parti sono semplicemente spettacolari.

Questo è il mio primo esperimento di fotografia HDR:

autunno Ne seguiranno sicuramente altri…

-quack

Pubblicato lunedì 28 settembre 2009 alle 5:14 PM - 43 commenti so far
Archiviato in: Seattle e dintorni

Auto blu

In Italia auto blu è spesso sinonimo di spreco.

A Seattle e dintorni può essere sinonimo di occasione sprecata, qualora non la si decori con l’adesivo più appropriato:1241901395731 Ed in tema di adesivi uno un po’ simpatico e triste ma vero:

Bush Office -quack

Pubblicato giovedì 14 maggio 2009 alle 10:42 PM - 7 commenti so far
Archiviato in: Seattle e dintorni

MS Walk 2009

(MS non sta per Microsoft, ma per sclerosi multipla)

Ieri ci siam fatti 4 miglia totali andata-ritorno per supportare la ricerca contro la sclerosi multipla: partenza/arrivo Husky Stadium, giro di boa al Gas Works Park. Armato di “nuova” Nikon D80 comprata da pochi giorni al mercato dell’usato, ho scattato un bel po’ di foto: con la possibilità di fare fino a tre scatti al secondo supportati da una scheda SD da 8GB mi sono letteralmente lasciato andare. Qui sotto alcuni degli scatti più carini di questo giorno di primaVera a Seattle.

 DSC_4672 DSC_4674 DSC_4686 DSC_4693 DSC_4700 DSC_4725 DSC_4729 DSC_4737 DSC_4739 DSC_4768 DSC_4784 DSC_4806 DSC_4819 DSC_4828 DSC_4832 DSC_4833

Giornata spettacolarmente bella, dopo tanta, tanta, tanta neve. Troppa.

-q

Pubblicato lunedì 6 aprile 2009 alle 9:18 PM - 17 commenti so far
Archiviato in: Seattle e dintorni