Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Lug Giu Mag Feb Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Sindrome di Attenzione Deficitaria Attivata dall’Età

Si chiama SADAE (Sindrome di Attenzione Deficitaria Attivata dall’Età)

Si manifesta così:

Decido di lavare la macchina.

Mentre mi avvio al garage vedo che c’è posta sul mobiletto dell’entrata.

Decido di controllare prima la posta.

Lascio le chiavi della macchina sul mobiletto per buttare le buste vuote e la pubblicità nella spazzatura e mi rendo conto che il secchio è strapieno.

Visto che fra la posta ho trovato una fattura decido di approfittare del fatto che esco a buttare la spazzatura per andare fino in banca (che sta dietro l’angolo) per pagare la fattura con un assegno.

Prendo dalla tasca il porta assegni e vedo che non ho assegni.

Vado su in camera a prendere l’altro libretto, e sul comodino trovo una lattina di coca cola che stavo bevendo poco prima e che avevo dimenticata lì.

La sposto per cercare il libretto degli assegni e sento che è calda…allora decido di portarla in frigo.

Mentre esco dalla camera vedo sul comò i fiori che ho regalato alla formichina, li devo mettere in acqua prima che appassiscano.

Poso la coca cola sul comò e lì trovo gli occhiali da vista che è tutta la mattina che cerco.

Mentre vado in cucina a cercare un vaso e portare gli occhiali sulla scrivania, con la coda dell’occhio vedo un telecomando.

Qualcuno deve averlo dimenticato lì (ricordo che ieri sera siamo diventati pazzi cercandolo), decido di portarlo in sala (al posto suo!!).

Appoggio gli occhiali sul frigo, non trovo nulla per i fiori, prendo un bicchiere alto e lo riempio di acqua…(intanto li metto qui dentro….)

Torno in camera con il bicchiere in mano, poso il telecomando sul comò e metto i fiori nel recipiente, che non è adatto naturalmente.. e mi cade un bel pò di acqua…(mannaggia!)

Riprendo il telecomando in mano e vado in cucina a prendere uno straccio.

Lascio il telecomando sul tavolo della cucina ed esco… cerco di ricordarmi che dovevo fare con lo straccio che ho in mano…

Conclusione:

Sono trascorse due ore e:

- non ho lavato la macchina
- non ho pagato la fattura
- il secchio della spazzatura è ancora pieno
- c’è una lattina di coca cola calda sul comò
- non ho messo i fiori in un vaso decente
- nel porta assegni non c’è un assegno
- non trovo più il telecomando della televisione né i miei occhiali
- c’è una macchiaccia sul parquet in camera da letto
- e non ho idea di dove siano le chiavi della macchina!!

Mi fermo a pensare:

Come può essere? Non ho fatto nulla tutta la mattina, ma non ho avuto un momento di respiro…mah!!

(origine ignota, spudoratamente copiata e incollata dal Web)

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (2):
1. Igor
venerdì 30 gennaio 2009 alle 4:37 PM - unknown unknown unknown
   

Ehm...chissa' perche'...mi ci ritrovo perfettamente...

al punto che mia moglie dice: "Lascia stare, fa' quello che devi ed al resto penso io".

:)))

   
2. Phenix
venerdì 30 gennaio 2009 alle 7:19 PM - unknown unknown unknown
   

E' troppo bello questo raccontino!

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)