Cappelli bianchi, neri e zone grigie

Domani comincia il Black Hat 2008 a Las Vegas.
La conferenza più “piccante” dell’anno è stata rovinata qualche giorno fa grazie a qualche spiffero malefico.

whitehat

Due notizie interessanti degne di nota:

  • Microsoft annuncerà il lancio del Microsoft Active Protections Program, un programma di condivisione responsabile delle vulnerabilità patchate il patch Tuesday.
  • Apple fa annullare due conferenze sulla sicurezza dei prodotti Apple. Una di queste sarebbe stata presentata da un ricercatore di terze parti e riguarda alcune vulnerabilità di FileVault (e questa sarebbe stata da leccarsi i baffi); l’altra sarebbe stata presentata dal security engineering group di Apple stessa: pare che non abbiano chiesto il permesso a quelli del marketing. Apple: tanto marketing, poca sicurezza

La sicurezza è dominio di tutti osserva qualcuno; peccato per la bella occasione persa aggiungo. Intanto la polizia di frontiera ammerigana (e non solo) sequestra e perquisisce laptop senza neanche avere bisogno di sospetti, Google afferma candidamente che la privacy non esiste (da apprezzare l’onestà; è per questo che ho svuotato il mio google-notebook online ) mentre Apple finalmente fixa parzialmente il baco del DNS e non perde neanche un minuto a bloccare la simpatica applicazione NetShare per ben due volte e senza spiegazioni; intanto qualche predicatore anti-DRM è in vacanza e da certi pulpiti non parte neanche mezza parola sulla questione.

Mala tempora currunt.

-bah

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (1):
1. dovella
martedì 5 agosto 2008 alle 9:35 PM - unknown unknown unknown
   

Pingback

http://dovellas.spaces.live.com/blog/cns!B957C4A398135A12!2382.entry

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)