Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Archivio 2017:

Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Dentist experience

Con la migrazione ad iOS ho deciso di tentare un’operazione spericolata: scrivere un’app personale per iOS, ad uso ed esclusivo consumo personale. Su Android, praticamente una faccenda da cinque minuti, che diventano sei se nel frattempo si vuol bere un espresso. Su iOS invece come da titolo. Il processo:

  • scaricare la versione giusta di XCode. Perché se l’aggeggio è aggiornato all’ultima versione, lasciate ogni speranza o voi che tentate
  • installare certificati e contro-certificati. In uno slancio di generosità è possibile sviluppare su iOS senza dover pagare l’obolo richiesto, $99 l’anno. Ci sono limitazioni (ad esempio niente push notification) ma è l’account che fa per me. Non ho infatti nessuna intenzione di distribuire la mia app, è un esperimento personale
  • usare documentazione scaduta. Hanno rilasciato una nuova versione del linguaggio (Swift 3) che è incompatibile con il codice precedente che va riscritto. La documentazione però non è stata aggiornata altrettanto velocemente. Quel che è peggio, gli esempi in giro, tutti ormai inutili quando sono buoni così come sono
  • farsi torturare dai cambiamenti di iOS. In questa versione hanno deciso che quei pochi stronzi come me a cui piaceva raggruppare le notifiche per app, debbano andarselo a pigliare in saccoccia. Niente raggruppamento per app e modifiche sostanziali all’intera feature, che è la parte più rilevante della mia stupida, fottuttissima app

Ciliegina sulla torta: hanno ridotto la vita dei certificati per i free developer da 90 a 7 giorni. Cioè non solo l’applicazione, a differenza di Android, “scade” ma adesso per tenerla in vita dovrei compilarla ogni settimana. Uno penserebbe che, pagando l’obolo, potrebbe tenere in vita l’app in maniera perpetua, ma scaduta la licenza annuale punto e a capo: non solo, il certificato andrebbe rinnovato ogni 90 giorni… eccezion fatta per lo sviluppo enterprise ($$$$, improponibile).

L’unica vera alternativa è la pubblicazione nell’App Store con distribuzione dell’app a cani e porci.

A questo punto il Google Pixel comincia a sembrare davvero un ottimo investimento.

-quack

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (17):
1. Franco
martedì 18 ottobre 2016 alle 3:36 PM - safari 602.1 iPhone 10.0.2
   

Buongiorno! Si può bypassare tutta la procedura e caricare una app in formato .IPA con un software di Saurik, il papà di Cydia. Non ci vuole il Jailbreak. Qui http://www.cydiaimpactor.com scarichi la versione in base al sistema sul computer. Ti chiede la Apple ID da quello che ho capito per "firmare" la App che carichi, dovrebbe durare per sempre senza la scadenza dei 7 giorni. Se hai L'autenticazione a 2 fattori devi disabilitarla temporaneamente per caricare il software.

Nessun certificato, nessuna procedura difficile

   
2. Mah...
martedì 18 ottobre 2016 alle 3:59 PM - firefox 49.0 Windows 10
   

È una feature...

   
3. Paperino
martedì 18 ottobre 2016 alle 5:53 PM - chrome 54.0.2840.59 Linux
   

@Franco: quel tool permette il sideload. La scadenza dei 7 o 90 giorni rimane. Però un'idea me l'ha data: potrei creare una desktop app che firma l'app e fa l'upload su un server ogni giorno, da cui scaricarla quando smette di funzionare.

@Mah: mai avuto dubbi. Da quando si coprirono di ridicolo con l'iPhone 1.0 chiamando Safari l'iPhone SDK. Per lavorare in Apple devi avere due qualità: sadismo e stronzaggine.

   
4. Paperino
martedì 18 ottobre 2016 alle 6:13 PM - chrome 54.0.2840.59 Linux
   

Però un'idea me l'ha data: potrei creare una desktop app che firma l'app e fa l'upload su un server ogni giorno, da cui scaricarla quando smette di funzionare.

Facilissimo a dirsi... peggio di una colonscopia a farsi.

   
5. Mah...
mercoledì 19 ottobre 2016 alle 8:49 AM - firefox 49.0 Windows 10
   

Da quando si coprirono di ridicolo con l'iPhone 1.0 chiamando Safari l'iPhone SDK. Per lavorare in Apple devi avere due qualità: sadismo e stronzaggine

E degli utenti "acritici", per essere gentili.

   
6. Franco
mercoledì 19 ottobre 2016 alle 7:09 PM - safari 602.1 iPhone 10.0.2
   

@Paperino:

@Franco: quel tool permette il sideload. La scadenza dei 7 o 90 giorni rimane. Però un'idea me l'ha data: potrei creare una desktop app che firma l'app e fa l'upload su un server ogni giorno, da cui scaricarla quando smette di funzionare.

[inserisci qui la tua replica]

@Mah: mai avuto dubbi. Da quando si coprirono di ridicolo con l'iPhone 1.0 chiamando Safari l'iPhone SDK. Per lavorare in Apple devi avere due qualità: sadismo e stronzaggine.

[inserisci qui la tua replica]

Mi dicono dalla "regia" che con questo metodo non hai la limitazione dei 7 o 90 giorni! L'unica a questo punto é provare!

   
7. Paperino
mercoledì 19 ottobre 2016 alle 10:23 PM - chrome 53.0.2785.116 OS X 10.11.6
   

Avessi un iPhone di scorta - cough non aziendale cough cough - non ci perderei un secondo.

   
8. Paperino
mercoledì 19 ottobre 2016 alle 10:42 PM - chrome 53.0.2785.143 Windows 7
   

Ah beh...

http://www.downloadpangu.org/cydia-impactor.html

  • If your Apple ID is a regular one, you will need to reinstall the certificate every 7 days using Cydia Impactor

La regia non ha forse le idee ben chiare riguardo la criptografia. Però mi fa capire che forse con un developer account full (ovvero obolo da $99) dovrei essere apposto per un anno...

   
9. Franco
giovedì 20 ottobre 2016 alle 9:37 AM - safari 602.1 iPhone 10.0.2
   

@Paperino:

Avessi un iPhone di scorta - cough non aziendale cough cough - non ci perderei un secondo. <img src='http://aovestdipaperino.com/blog/smileys/smile.gif'/>

[inserisci qui la tua replica]

Te la testo io! La apro e la chiudo e non faccio nulla, vediamo se dura. Oppure buttane in piedi una facile , basta che sia!

   
10. Paperino
giovedì 20 ottobre 2016 alle 8:13 PM - chrome 54.0.2840.59 Linux
   

Te lo passo io nel weekend.

   
11. Paperino
venerdì 28 ottobre 2016 alle 1:46 AM - chrome 53.0.2785.116 OS X 10.11.6
   

Ci vuole un post dedicato al linguaggi Swift. Credo che chi l'abbia concepito abbia seri problemi mentali.

   
12. Adriano
venerdì 28 ottobre 2016 alle 2:07 PM - chrome 54.0.2840.71 OS X 10.11.6
   

Fallo fallo

   
13. floo
venerdì 28 ottobre 2016 alle 7:50 PM - chrome 54.0.2840.71 OS X 10.12.1
   

@Paperino:

Ci vuole un post dedicato al linguaggi Swift. Credo che chi l'abbia concepito abbia seri problemi mentali.

Ma no, è solo che devi avere "courage"

   
14. Paperino
lunedì 31 ottobre 2016 alle 6:16 PM - chrome 54.0.2840.71 Linux
   

Ho completato l'applicazione. Oh maronna che tristezza... (penso a chi lo fa per guadagnare da vivere...)

   
15. floo
lunedì 31 ottobre 2016 alle 9:29 PM - chrome 54.0.2840.71 OS X 10.12.1
   

Tanto se continuano ad alzare i prezzi dei Mac chi lo fa per guadagnare da vivere inizierà a pensare di farlo su Android Si dessero una calmata...

   
16. Floriano
martedì 1 novembre 2016 alle 11:51 PM - chrome 53.0.2785.124 Android 4.4.2
   

già ora inizia ad aver poco senso in Italia (non so nel resto del mondo) sviluppare app per ios, di sicuro come hobby non la farei mai, sono sicuro inoltre che la maggior parte degli iPhone sono già ora comprati a debito e quindi oltre alla minor diffusione c'è comunque un potere di spesa credo simile...

   
17. floo
mercoledì 2 novembre 2016 alle 8:33 PM - chrome 54.0.2840.71 OS X 10.12.1
   

Per le app non è tanto questione di potere di spesa, quanto di cultura. Se si riesce a trovare l'IPA, o l'APK, "a ufo" l'utente medio lo considera un trionfo. L'ha fatta al sistema, ottenendo ciò che voleva senza sganciare, anche se magari l'app o il gioco era in promozione a 99 centesimi. Gli frega poi niente che dall'altra parte c'è qualcuno che con quell'app magari garantisce il cibo in tavola alla famiglia.

(Chi è senza peccato scagli la prima pietra. In passato non mi facevo problemi ad agire "a ufo". Oggi ho tutto regolarmente acquistato o in abbonamento. )

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)