Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Feb Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Domenica: la radio alla radio...

È domenica qui a Redmond (in Italia è già lunedì! E pensare che un mio zio al mondo diviso in fusi orari non ci crede). Ho fatto alcune piccole modifichine al codice di DBLOG su cui gira questo mio blog di cazzate: ho scoperto, dopo 7 anni di codice C#, che scrivere in vecchio VBScript mi sembra un po' scrivere in ASSEMBLER. Dove sono le System.Collections.Hashtable? Ouch! Dolore! Anche le idee più semplici diventano papiri di codice interminabile! Ma la cosa più micidiale di VBScript é la mancanza di controlli che per me sembrano ormai banali! Avevo rinominato una funzione ma dimenticato di cambiare il nome della variabile che contiene il risultato... VBScript se ne "disinteressava" completamente ed io ho perso un bel po' del mio tempo così... Smile Ora per posso finalmente cross-postare (questo post finirà in ALMENO un paio di categorie Devil!).
Ma cos'é la RADIO alla RADIO? Beh, una delle cose di cui da immigrato sentivo la mancanza era di una buona dose di radio italiana (poco importa se le canzoni sono in inglese; trovo che la RADIO americana in media é di una qualità a dir poco penosa!). Allora, armatomi di media center (windows of course!) ho installato un plugin chiamato "WebMedia" per ascoltare le mie stazioni radio preferite (105, RadioItalia, RadioNorba) anche qui a casa. Il passo successivo é stato comprare un piccolo trasmettitore FM (pensato per IPod, grazie Jobs!) e diffondere onde italiane in tutta la casa (e oltre: irradio per un isolato intero Devil!). E così, mentre digito questa ennesima cazzata online, la radio - con il fascino della sua bassa fedeltà - mi tiene silenziosamente compagnia (oltre a tenermi aggiornato sulla musica Italiana in generale).

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (2):
1. Windrago
martedì 31 gennaio 2006 alle 4:29 AM - unknown unknown unknown
   

condivido la sofferenza per le pene della radio. E' tutto il sistema dei media in America che avrebbe bisogno di una revisione di qualita'! La parte + super cool del tuo post e' il ringraziamento a quella sagoma Pix-Disneyiana ^_^

   
2. Paperino
martedì 31 gennaio 2006 alle 4:32 AM - unknown unknown unknown
   

In realta` se non lo si fosse ancora capito, Jobs mi sta molto antipatico. Big Smile Pero` devo ammettere che con l'iPod (successo dovuto piu` alla moda che ad altro) ha contribuito a smuovere un po' le acque.

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)