Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Archivio 2017:

Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Fingerprints

Sono da sempre stato un big fan di lettori di impronte digitali e ne ho provato in tutte le salse. Devo dire che mi fa piacere che Apple abbia a suo modo messo la tecnologia sotto i riflettori ma sono un po’ deluso dal fatto che l’implementazione scelta sia completamente “noiosa”. Insomma niente di nuovo rispetto a quello che si faceva già da tempo su Windows a parte il fatto di averla integrata nei loro telefoni. Ad esempio: nessuna possibilità di usare le impronte come uno di più multi-factor authentication mechanism che so abbinando PIN + Impronte su uno o più livelli (ti logghi con l’impronta e allora hai accesso ad alcune cose, per avere accesso ad altre cose devi inserire anche il PIN, ecc.).

Poi c’è la finta questione hacker, su cui ovviamente si è spostata l’attenzione dei media. Insomma è possibile copiare un’impronta ma questo si sapeva già da tantissimo tempo. Semmai l’unica cosa deplorevole è che AuthenTec vendeva la sua tecnologia  vantandone fantasiose proprietà “anti-spoofing”, però non dovrebbe essere scandaloso visto che ora il tutto è di proprietà di quelli che “il loro Mac non piglia virus”. Per maggiori dettagli consiglio l’articolo di Ed Bott.

Dal punto di vista implementativo, a voler credere a quello che dicono in Apple e in questo particolare contesto ho pochi dubbi sul fatto che stiano dicendo “il giusto”, le cose son state fatte in maniera corretta. Non viene memorizzata l’immagine dell’impronta ma la sua “trasformata” (hash), l’hash è sigillato dentro un processore cattivo e amen. In pratica l’NSA non può provare che l’impronta sia la stessa senza avere il telefono a disposizione e quindi da questo punto di vista, backdoor a parte, il tutto sembra inattacabile.

API: pare che abbiano deciso di non esporre il sensore all’uso di applicazioni. Sarebbe bastato che lo storage fosse “silosizzato ermeticamente” per ogni app e si sarebbero potute sviluppare applicazioni interessanti. Ad esempio un password manager bluetooth basato su cellulare: io ho infatti abbandonato l’idea del lettore di impronte in quanto una gestione centralizzata delle password richiede un lettore per ogni pc che si usa, cosa estremamente non pratica. Però se il password manager fosse sul cellulare con il lettore di impronte e facesse le sue cosine con il bluetooth o via USB…

…non mi resta che sognare e sperare che in Google copino qualcosa e lo migliorino.

-quack

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (2):
1. bondocks
giovedì 26 settembre 2013 alle 10:17 PM - chrome 29.0.1547.72 Android 4.1.2
   

E magari poi invece ci pensa Microsoft

   
2. Paperino
venerdì 27 settembre 2013 alle 8:27 PM - chrome 29.0.1547.76 Windows 8
   

Sì, magari quando le necessità sono già scomparse...

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)