Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Feb Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Inglisc uan-oh-uan

Restroom. La parola in 9 anni di inglese scolastico non l'avevo mai sentita; vuol dire bagno, soprattutto nell'accezione di bagno in luogo pubblico. A me invece mi hanno insegnato a chiedere «may I go out», «may I go to the bathroom» o ancor meno formalmente «where is the toilet». Restroom mai e credo faccia parte di quelle parole usate solo in America.

Il guaio è che quando sono venuto per la mia prima volta a Redmond quel Maggio di nove anni fa, la frase «do you want to go to the restroom» era la frase più frequente della giornata, in quanto per questione di cortesia ogni "intervistatore" me lo chiedeva sia all'inizio sia alla fine del colloquio. Si aggiunga anche il fatto che l'80% degli intervistatori non è americano e nel loro curioso accento la frase di cui sopra suonava come «do you want to go to the restaurant».

Ora si provi ad immaginare la faccia dell'interpellante quando alla domanda «do you want to go to the restroom» si risponde con:

  • no grazie ho appena fatto colazione
  • mmm non è che mi sembri l'ora giusta (guardando l'orologio)
  • beh io aspetterei verso mezzogiorno
  • si andiamo, comincio ad aver fame

Sono le risposte che ho dato io quel giorno alla cui base c'era appunto l'equivoco restroom-restaurant.

Quando sono entrato nel restroom è bastata una frazione di secondo per capire l'equivoco e spiegarlo ai miei intervistatori.

Vi assicuro che c'è chi ha fatto detto di peggio. Surprise

(to be continued...)

-quack

Technorati tags:

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (1):
1. Filippo
martedì 22 maggio 2007 alle 1:38 AM - unknown unknown unknown
   

Ah ah!!! Grande!! :-D Comprendo in pieno il post! Effettivamente ci sono troppe cose/parole che l'inglese scolastico tralascia... complice anche il fatto che in Italia ci viene insegnato l'inglese Britannico. Una cosa che continua a stupirmi è la quantità enorme di "false friends", non solo quei quattro in croce che ci/mi hanno insegnato a scuola.

E proprio l'altro giorno non sapevo cosa rispondere ad uno che mi ha detto: "You did it eventually!" Tra me e me... "ma eventualmente cosa???" :-D

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)