Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Giu Mag Feb Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

IR Blasting

C’era una volta il TiVò versione 1.0, ma per capire meglio la questione devo spiegare come funziona, in grossa parte del territorio ammerigano, la TV via cavo.

IR Blast

In origine era tutta analogica e praticamente in chiaro. Poi sono arrivati i canali “plus” criptati alla meno peggio (il video era un’immagine in negativo) e ci si comprava un affarino da pochi dollari che faceva la decriptazione.

Poi sono arrivati i canali digitali, quello che in Italia si chiama digitale terrestre. L’unica differenza è che il segnale viene distribuito via cavo anziché via etere, ma pressapoco il resto è uguale. Per guardare la TV c’era bisogno della box (il sintonizzatore) che aveva l’output analogico e non criptato. La TV è diventata praticamente un monitor di bassa qualità “sintonizzata” (e in realtà senza dover sintonizzare più niente) sull’ingresso ausiliario, quello per intenderci usato da VCR e console.

Per cambiare canale bisognava usare il telecomando del sintonizzatore ed ogni provider aveva il suo. Al tempo stesso i canali venivano distribuiti molto spesso in entrambe le versioni: analogiche e digitali.

Il TiVò era un videoregistratore avanzatissimo, capace di sintonizzare i canali analogici come i VCR tradizionali. Ma supportava anche i canali digitali, attraverso la tecnica dell’emulazione del telecomando: quando doveva cambiare canale, tramite un diodo emitter all’IR, simulava la sequenza di impulsi proveniente dal telecomando. Una tecnica abbastanza smart ma con le seguenti limitazioni:

  1. era necessario costruire un database contenente tutte le possibili configurazioni delle sequenze IR usate dai sintonizzatori digitali
  2. bisognava lasciare all’utente la responsabilità che scegliesse l’emulazione corretta affinché il cambio dei canali avvenisse in maniera corretta
  3. last but not least, si era in balia di un meccanismo intrinsecamente senza feedback. Una volta inviato il comando, non c’era nessun modo affidabile per capire se il comando fosse stato ricevuto con successo

Delle tre, l’ultima è una limitazione insormontabile. Sulla rete giravano informazioni su come aumentare l’affidabilità, ma c’era anche l’eco delle urla di chi si ritrovava abbastanza spesso con la registrazione del canale sbagliato. Magari uno spezzone di predicatore americano al posto di CSI:Miami, non proprio uno scambio decente.

I produttori di sintonizzatori, Motorola in primis, decisero di introdurre una porta firewire che fosse bidirezionale. Quando andava male ed il canale era criptato, poteva essere usata almeno per comandare il cambio di canale. Quando andava bene vi ci usciva segnale televisivo in alta qualità digitale.

Nel mondo mediacenter MS cominciarono a fiorire plugin che permettessero l’uso di questo espediente e la vita torno a sorridere. Ma non bastava.

Su pressione di chi come MS pensava si potesse offrire un servizio migliore, cominciarono a spingere i provider ad adottare uno standard “aperto” che permettesse, fatto salve certe condizioni a contorno (HDCP), di usufruire in maniera “nativa” del segnale TV limitando il compito dei provider a quello di fornitori di bit anziché spacciatori di HW di bassissima qualità (uno scatolotto Motorola con il semplice compito di sintonizzare/decriptare occupava un volume molto più grande dei più grandi lettori DVD dell’epoca). Nacque CableCard, ovvero il modello GSM/SIM ma in versione più “paranoica”. Questo accadde più di un lustro fa.

Poi ci sarebbe la questione digitale satellitare, ma più o meno ricalca in maniera parallela quanto detto sopra, semplicemente anticipandone i tempi.

21 Maggio 2013: viene presentata la nuova XBOX. Qualcuno, come me, si aspetteva seriamente la possibilità di un accessorio CableCard; non dico integrato nel sistema in quanto non è uno standard “universale”, ma almeno con lo status di accessorio. Ovvero un sintonizzatore (DT, satellitare o checchessia) che “parli” con la console e svolga i due compiti di cui sopra, sintonizzare e decriptare; magari con uno standard semi-aperto in modo che chiunque, pagando licenza, potesse sviluppare il proprio per il paese di destinazione. Invece no, hanno reinvetato il passthrough (seppur HDMI) e l’IR blasting! Eppure la console avrebbe, con i suoi diversi modi di consumo, tutte le carte in regola per soppiantare l’obsolescente Mediacenter.

Ma come ci si fa a fidare ancora di questi signori?

-quack

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (14):
1. Courtaud
giovedì 23 maggio 2013 alle 9:36 PM - Opera 12.15 Windows 7
   

Fosse tutto qui il bagno di sangue della nuova X-Box...

Mi confermi quanto qui descritto?

#5. You Can't Loan Games to a Friend, and Used Games May Require an Additional Fee

 

The good news is that you don't need the game disc to play an Xbox One game. The bad news is that there would be no way to keep people from just passing around the same disc.  ...To keep you from doing this, every time the disc is put into a new machine, the owner of that account will be required to pay full price before they can play.
... So is that the end of used games as well? Nobody knows -- Microsoft only told Wired that they "have a plan" for used games, but would offer no further details.
But, to make it up to you, they also announced that the Xbox One won't play your existing Xbox 360 games. 

#4. Yes, the System Requires an Internet Connection

The good news is that while you do have to have the Xbox One connected to the Internet, it will only check once a day, so in theory, if your connection goes down, you could still play a single-player game for a bit ... but they said game makers are allowed to require a constant connection on any game they sell.

 

#3. Watching TV Will Require Waving Your Arms and Shouting at Your Screen

Microsoft stated that their goal was to make the Xbox One a "single device to provide all of your entertainment." As such, the console will let you watch live TV (oh, you'll still need your current cable box, too) and use state-of-the-art technology to overlay a never-before-seen feature called a "guide" that lets you see what's playing on each channel.

Which before now science had declared impossible.

To control all of this, every Xbox One will now come with a Kinect, the gadget that lets you control the device with hand motions and voice commands. That's why the game console requires the Kinect to be on (with its camera watching you) at all times.

Now, instead of the incredibly laborious process of pushing your thumb down an eighth of an inch to press a TV remote button, you can use your hand to swipe through menus using a "smacking that ass" motion.
 Or you can simply say "watch Game of Thrones" and it will switch to that show. That is, until somebody else on the sofa says, "Hey, did you watch the Ryan Lochte show last week?" at which point the system will presumably detect the "watch Ryan Lochte" command in the middle of that sentence and change the channel. If you are playing a video game, the system will flip to TV with the simple voice command "go to TV" 

#2. The World Is About to Be Full of Bad Video Game TV Show Adaptations

(ok. basta non guardarle)

#1. You and Your Friends Can Accidentally Watch Each Other Masturbate

As we mentioned, the Kinect will always be on, and it will have a high-definition camera that lets it see everything that is happening in the room in front of it, at all times. The implementation Microsoft seemed most proud of was Skype, which would let people call you and plant their big stupid face right onto your screen while you're trying to watch a movie (the example they used was breaking into your friend's football game to taunt him about it):

So ... you can call people with voice commands, and you will always be on camera. Which means you'd better hope that in the throes of sofa sex you don't shout anything that sounds like "call Grandma."

   
2. Snake
giovedì 23 maggio 2013 alle 10:10 PM - firefox 20.0 OS X 10
   

Allucinante.

   
3. kersal
sabato 25 maggio 2013 alle 12:07 AM - firefox 20.0 Windows 8
   

Dai non è così come ha scritto Courtaud

Andiamo per ordine:

1) il problema dei giochi usati è dei venditori di giochi. La scelta di fare pagare un prezzo per i giochi usati danneggia la Xbox per prima, tuttavia è una richiesta dei producer (EA per prima che ha minacciato di boicottare la ms in caso contrario)

2) Stesso discorso per la connessione permanente antipirateria. EA e Ubisoft già lo fanno su PC

3) Kinetics è un opzione rispetto al pad. Non esiste nessuna fonte che dica che sia obbligatorio!

4) [omissis]

5) è la stessa cosa delle webcam nei PC portatili. Con l'aggravante che la webcam la puoi accendere da remoto. Per attivare Kinectic devi dire "wake up Xbox ONE" (o qualcosa del genere non ricordo) e poi dire "call granma". Mi pare alquanto strano che tu li possa inserire accidentalmente in una frase...

   
4. Emiliano
martedì 28 maggio 2013 alle 3:18 PM - firefox 21.0 Linux
   

Perché prevedo un bagno di sangue? A me sembra la stessa tortuosa filosofia di Windows 8.  Tutto in uno, ma poi alla fine del resto delle cose, svanito l'effetto-novità, nemmeno così duraturo, delle altre feature non me ne frega una cippa e alla fine ci gioco soltanto, con l'aggravante che PS4 sul lato della potenza hardware pare migliore al momento. Il kinect ha già dimostrato di essere un flop colossale, va bene vuoi tentare di riproporlo con migliorie tecniche, ma perché impormelo in bundle con la console? Perché? E se devo prestare il gioco ad un amico, perché devo smazzarmi per trasferire la licenza o, peggio ancora, loggarmi col mio account? A questo punto, tanto valeva abolire il supporto fisico e implementare un servizio alla Steam.  Cosa me ne faccio di un media-center? Io voglio solo giocare! Però ammetto che questo è un mio problema.

   
5. Paperino
martedì 28 maggio 2013 alle 7:07 PM - chrome 27.0.1453.94 Windows 8
   

Tra l'altro qualcuno mi faceva notare: la TV è solo "live", nessuna feature DVR. 

E quindi? Chi utilizzerà tale feature?

Io ho comprato uno switcher HDMI cinese che funziona in base alla priorità. La priorità della XBox è assegnata come più alta di quella della TV, ergo quando accendo la XBox la TV si "sintonizza" automaticamente sull'input giusto (come facevano alcuni televisori in presenza di un segnale sull'input AUX). Costo del dispositivo 12$.

E allora?

 

   
6. floo
martedì 28 maggio 2013 alle 9:20 PM - chrome 27.0.1453.93 OS X 10.8.3
   

Articolo interessante e inquietante di Thurrott sulla Xbox One:

winsupersite.com/.../what-if-xbox-one-another-w...

In sostanza, ricalca il sentimento di molti: rischia di essere un "mappazzone" alla Windows 8. Coi risultati già visti.

Si attende articolo di giustificazioni di Ed Bott in cui ci illustrerà come la Xbox One è beata e ci porterà tutti alla salvezza nel Regno di Ballmer

Scherzi a parte, il prodotto di per sé mi piace e non sarei contento se lo mandassero al macero ancora per una volta per visioni cieche del mercato. Ma già dalla sera di presentazione leggere invocazioni verso Sony non è stato di ottimo auspicio. Dico solo per sommi capi quanto detto nel forum: per ora non deve destare preoccupazione, essendo ancora uno scatolotto castrato, ma se l'Apple TV uscisse dalla fase della pubertà per iniziare a fare sul serio sul piano multimediale allora a Redmond non dovranno temere solo Sony. E se Thurrott avesse ragione nel suo post, la risposta di cui avevo letto da più parti non arriverebbe in tempi brevi.

   
7. Emiliano
martedì 11 giugno 2013 alle 3:44 PM - firefox 21.0 Windows 7
   

Ed ora che Sony ha annunciato nessuna restrizione cervellotica sull'usato, niente accrocchi obbligatori e niente connessione obbligatoria in single player, piattaforma orientata al gaming e prezzo di lancio inferiore, il bagno di sangue è garantito.

   
8. Paperino
martedì 11 giugno 2013 alle 6:37 PM - chrome 27.0.1453.110 Windows 8
   

Oggi ascoltando la radio, stazione locale, microsoft-landia:

Microsoft ha annunciato il prezzo della XBOX. Sarà di $500 e non permetterà di usare giochi usati. Sony ha controannunciato che la nuova Playstation costerà $400 e non avrà limitazioni sui giochi usati.

Chiaramente molto approssimato, staremo a vedere se le case editrici, laddove non abbiano firmato esclusive mono-piattaforma (converranno???), si daranno la zappa sui piedi con la tassa sull'usato (magari come forma di A-B testing?). E chiaramente non tiene conto del fatto che la XBOX non verrà venduta senza sensore (che poi sia un'idiozia, vabbé). Però questo è il messaggio che lo speaker radiofonico ha mandato in broadcast....

Ergo, caro Emiliano, mi dispiace contraddirti, il bagno di sangue non ci sarà. Trattasi di infanticidio.

   
9. Supercazzola
mercoledì 12 giugno 2013 alle 8:39 AM - firefox 23.0 Windows 8
   

C'è anche da dire che la telecamera per la PS4 costerà 59$, è comunque meno costoso.

Che poi il pad della PS mi abbia sempre fatto ca'à è un altro discorso.

   
10. Emiliano
venerdì 21 giugno 2013 alle 3:29 AM - firefox 21.0 Windows 7
   

Ehi Papero... lo so che questo post è vecchio, ma mi sono appassionato alla vicenda. Hai letto le notizie? Dietrofront pazzesco! Tutto come prima, come la mia amata Xbox360

   
11. Paperino
venerdì 21 giugno 2013 alle 6:20 PM - chrome 27.0.1453.110 Windows 8
   

Sì Emiliano, se ne discuteva nel forum.

   
12. Paperino
martedì 30 dicembre 2014 alle 2:09 AM - chrome 39.0.2171.95 OS X 10.10.1
   

Interesting.

Come al solito c'è da chiedersi: sono troppo preveggente io o sono troppo coglioni loro da fare errori che sono estremamente ovvi??

One thing is clear, however: if your product depends on a damn IR blaster to work, it is definitely doomed to fail.

   
13. floo
martedì 30 dicembre 2014 alle 7:26 PM - chrome 39.0.2171.95 OS X 10.10.1
   

Il risultato del "mappazzone" si è visto, ed esattamente come nel caso di Windows le teste sono rotolate Sul fronte TV, temo proprio che la soluzione migliore per MS sia lasciare perdere. Meglio concentrarsi sui media online con Xbox Video/Music.

Il problema è pure nel gaming però, per quanto Spencer fa del suo meglio le carte migliori se le sta ancora giocando Sony, da quel che vedo. Frutto delle pessime scelte iniziali e del marketing che solo di recente sta prendendo coscienza della situazione.

Spero che Windows 10 possa ravvivare la Xbox One, anche per adempiere almeno ad alcune delle promesse originali, come la possibilità di eseguire le app. E potrebbe essere un'idea pure per lo scoglio dei giochi esclusiva PC o PS/PC: in fondo, la Xbox One è un PC Windows, basterebbe solo "fargliene rendere conto" Sebbene questa la vedo un po' più difficile in termini di probabilità, dato che farebbe incazzare gli OEM.

   
14. gioachino
venerdì 2 gennaio 2015 alle 11:47 AM - Firefox Gecko Windows unknown
   

ma qualcuno ha vagamente capito perché la PS4 è così "meglissimo"? Ora che il prezzo è equiparato, quei 3 frame per secondo in più fanno la differenza? Dal punto di vista di quello che offre il software non riesco a vedere il confronto!

 

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)