Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

La sensibilitá che nuoce

Son due giorni che mi sbatto per debuggare l'implementazione di una cache per un webservice presto rilasciato al pubblico. Il mio problema era questo: c'erano alcune chiavi, che davvero non volevano saperne di essere cachate. La cosa piú pazzesca era un preciso numero (il 22% circa) di queste chiavi generate pseudocasualmente.

L'inghippo: il client é case insensitive, il DB é case insensitive, la cache é case sensitive.

Ho imparato la lezione (é stata dura perché si trattava di debuggare in condizioni inumane) con dolore. Ora sono in spasmodica attesa che la query qui sotto termini (trattasi solo di qualche milione di records):

update PnPDevice_Status set pnpID = upper(pnpID) 

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (0):
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)