Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Giu Mag Feb Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Migrazioni - i problemi

Un grande saggio un giorno disse che migrare dati da una qualsiasi stazione di partenza ad una qualsiasi stazione di destinazione è sempre un'operazione che lascia ferite difficilmente rimarginabili. Nello specifico, migrare un blog, è un'impresa che definire ardua significa minimizzare per la presenza di tanti ingredienti. Circoscrivendo il tutto allo stack ASP/ASP.Net sMigrazionei potrebbe sintetizzare in

  1. La fine del XCOPY deployment
    Fino a qualche anno fa ASP imperava ed i siti a "basso traffico" usavano il mitico Access Jet Engine come backend. Questo permetteva di "installare" un sito web semplicemente copiando dei file via FTP. Purtroppo il mitico Jet Engine è stato mandato in pensione e pare una versione a 64bit non ne vedrà mai la luce
  2. 64bit e medium trust
    Alcuni host supportano solo 64bit e la quasi totalità di chi offre hosting per ASP.Net forza l'uso della medium trust (e fanno bene!).

Per ovviare a tutto ciò ovviamente si può scegliere di sostituire Access con qualcosa altro oppure passare ad una piattaforma che fa uso di un backend vero e proprio: il secondo tipo di soluzione però non permette di spostare facilmente i contenuti da un host all'altro.

Infine la classica ciliegina sulla torta: purtroppo le piattaforme di blogging ancora non sono "standardizzate" al punto da permettere una migrazione indolore da una piattaforma ad un'altra. Un paio di formati sono stati proposti (BlogML o Wordpress XML) ma ahimé non funzionano bene o sono incompleti. Laddove lo fossero ci si metterebbe di mezzo il formato dell'URL: ogni piattaforma ha il suo tipo di URL e una migrazione trasformerebbe i permalink in odiosi tempalink.

Nel frattempo ho trovato tantissime informazioni interessanti che sto valutando: i risultati spero di pubblicarli in un prossimo post intitolato "Migrazioni - le soluzioni" Smile

-quack

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (2):
1. ViK
venerdì 14 dicembre 2007 alle 9:45 AM - unknown unknown unknown
   

Insomma, stai per cambiare piattaforma di blogging? Come mai?

   
2. Paperino
venerdì 14 dicembre 2007 alle 5:41 PM - unknown unknown unknown
   

"sto per cambiare" è un parolone. In realtà ho avuto un attimo di panico quando un paio di settimane fa il mio ISP ha avuto problemi e mi sono sentito "intrappolato". Essere pronti ad una migrazione vuol dire avere il migliore dei sistemi di backup.

Per quanto riguarda la piattaforma di blogging: questa che uso non lo è. Il blog è una piccola feature di tutto il CMS che è diventato ingestibile. Ogni upgrade mi causa dolori di stomaco atroci quando pezzi di blog smettono di funzionare. La stessa azienda ha deciso di tirare fuori un CMS con un design più piccolo e semplice.

Comunque finora la piattaforma ideale non l'ho trovata. Queste secondo me le caratteristiche che ne decreterebbero il successo:

* basata su ASP.Net

* layer di accesso ai dati più piccolo possibile (deformazione professionale)

* estensibilità delle skin

Quella che funziona meglio è worpress.com versione hostata che ti toglie definitivamente il grattacapo degli upgrade. Ma non soddisfa neanche una delle tre feature che mi interessano

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)