Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Archivio 2017:

Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Nesting up

È notizia recente che Nest abbia deciso di aprire le vendite anche in Italia: il caso ha voluto che, grazie alle solite promozioni natalizie ed un incentivo dell’equivalente locale Enel, abbia ordinato un termostato proprio la settimana scorsa, che ho poi prontamente installato. Versione 2 ricondizionata, basta e avanza per le esigenze di casa. Ovviamente solo dopo aver controllato la compatibilità, che per il modello 2 e seguenti è praticamente totale, con l’impianto di casa. Ero anche molto seccato del fatto che non sono mai riuscito a far funzionare correttamente quello pre-esistente: nessun modo per fare un override tombale della temperatura che, passato un determinato intervallo, torna ad essere quella decisa a caso dal produttore del vecchio termostato.

Controllare la compatibilità è stato abbastanza facile, smontato il frontalino del vecchio termostato con due viti mi son ritrovato di fronte a questo:

IMG_6218

Praticamente tre fili: neutro, ventola e riscaldamento. Cosa buffa è che la parte più difficile di tutta l’operazione, che avrebbe potuto fare anche mio nonno, è risultata la carpenteria: non è stato proprio semplice attaccare la base di supporto al muro di cartongesso tipicamente americano ma ce l’ho fatta in pochi minuti e senza bisogno di tool elettrici.

È seguita una brevissima fase di configurazione, creazione di un account e adesso è possibile controllare la temperatura di casa da remoto. Può sembrare un eccesso ma in realtà la cosa ha risvolti molto pratici. In più è il termostato che impara le nostre abitudini e non io che imparo come usare il termostato e ciò mi sembra la direzione giusta da intraprendere.

Morale della favola: una operazione che avrei dovuto e voluto fare tempo fa, ma il backlog degli aggiusti casalinghi era abbastanza lungo. L’offerta però a questo giro non si poteva davvero rifiutare:

IMG_6243

-quack

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (12):
1. Riccardo
giovedì 19 gennaio 2017 alle 3:16 PM - chrome 55.0.2883.87 Windows 10
   

Io per gestire la caldaia mi sono affidato a BeSMART di Beretta, con app Android e iOS. Io avendo telefoni "dell'altro tipo" mi sono fatto l'applicazione a mano sniffando i servizi REST disponibile per gli altri. Ora devo solo trovare la voglia di dargli un aspetto gradevole, per ora l'app è essenziale ma funzionante.

   
2. Paperino
giovedì 19 gennaio 2017 alle 8:48 PM - chrome 55.0.2883.87 Linux
   

Good luck!

   
3. Doxaliber
lunedì 6 febbraio 2017 alle 1:36 PM - chrome 55.0.2883.87 Windows unknown
   

Oltre a besmart c'è anche netamo. Tu Paperino perché hai scelto Nest? Vantaggi, svantaggi?

   
4. Paperino
lunedì 6 febbraio 2017 alle 6:07 PM - chrome 55.0.2883.95 OS X 10.12.2
   

Essenzialmente il prezzo (alla fine $75 per un modello 2) e l'ecosistema. Con Amazon Echo ad esempio è possibile comandare un Nest. Non ho un Amazon Echo o similari, ma l'idea è quella...

   
5. Paperino
lunedì 6 febbraio 2017 alle 6:45 PM - chrome 55.0.2883.95 OS X 10.12.2
   

Aggiungo che un amico mi aveva consigliato un prodotto della concorrenza che aveva termometri aggiuntivi. Ma la nostra caldaia ha un solo output per il calore (calore on/off, ventola on/off), quindi avere termometri aggiuntivi non è una feature appealing per noi visto che non possiamo distribuire il calore a piacimento se non chiudendo le porte di ventilazione a manina...

   
6. Doxaliber
martedì 7 febbraio 2017 alle 12:51 PM - chrome 55.0.2883.87 Windows unknown
   

Essenzialmente il prezzo (alla fine $75 per un modello 2) e l'ecosistema. 

Su amazon.it c'è solo la terza generazione e costa 249 euro, una bella differenza. 

   
7. Doxaliber
mercoledì 15 febbraio 2017 alle 9:43 AM - chrome 56.0.2924.87 Windows unknown
   

Ho scoperto che se acquisti un termostato intelligente hai diritto all'agevolazione fiscale del 65%, lo sapevate?

 

 

 

   
8. bondocks
mercoledì 15 febbraio 2017 alle 9:56 AM - chrome 56.0.2924.87 Windows 10
   

@Doxaliber:

Ho scoperto che se acquisti un termostato intelligente hai diritto all'agevolazione fiscale del 65%, lo sapevate?

Che ti saranno restituiti comodamente in 10 anni...ok meglio di niente ma mi sembra una presa per il xulo

   
9. Doxaliber
mercoledì 15 febbraio 2017 alle 10:03 AM - chrome 56.0.2924.87 Windows unknown
   

@bondocks:

Che ti saranno restituiti comodamente in 10 anni...ok meglio di niente ma mi sembra una presa per il xulo

Be', se comunque lo devi cambiare non è affatto una pessima cosa. Considera che un netamo su amazon costa 150 Euro, non una cifra folle.

www.amazon.it/.../ref=sr_1_4

   
10. bondocks
mercoledì 15 febbraio 2017 alle 10:12 AM - chrome 56.0.2924.87 Windows 10
   

Certo, concordo. Intendevo che restituirti 100 euro in 10 anni mi sembra una presa per il xulo

   
11. Paperino
mercoledì 15 febbraio 2017 alle 6:59 PM - chrome 56.0.2924.87 Linux
   

Ma a che serve un'agevolazione fiscale da centinaia di euro restituita in 10 anni? Non ne capisco davvero il senso!

   
12. Snake
mercoledì 15 febbraio 2017 alle 11:49 PM - chrome 57.0.2987.37 OS X 10.11.6
   

@bondocks:

Che ti saranno restituiti comodamente in 10 anni...ok meglio di niente ma mi sembra una presa per il xulo

Il fatto è che sono agevolazioni fiscali generiche (detrazioni irpef) per gli interventi di riqualificazione energetica dell'appartamento (in termini di miglioramento della classe energetica), che quindi non tengono conto del limite "minimo" della spesa, dato che il tetto massimo può arrivare a 30.000 o 60.000 euro a seconda della tipologia di intervento.

Poi si, chiederli per 100€ di spesa è folle, dato che ne "sprechi" di più in tempo e soldi necessari a produrre gli incarti

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)