Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Feb Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Open Source Goodness

Negli ultimi giorni c’è stato un susseguirsi di notizie molto interessanti riguardo all’open-source made in Redmond.

Un sacco di colleghi collaborano e sviluppano prodotti open source sia su CodePlex che su Google Code/Sourceforge e ne cito giusto un paio: SubText, SubSonic, DasBlog.

Silverlight 3 supporterà codec di terze parti nel modello a plugin e qualcuno ha preso la palla al balzo per implementare un codec Ogg/Vorbis.

Last but not least, ASP.Net MVC è stato rilasciato ieri con licenza MS-PL che è compatibile OSI; si aggiunge a tanti altri tool di sviluppo importanti sotto MS-Pl: DLR, IronRuby, Ajax Control Toolkit, Silverlight Toolkit. Come ciliegina sulla torta ASP.Net MVC si può installare tramite il Web Platform Installer 2.0, insieme ad altri prodotti non MS-centrici come WordPress.

Mi sarei aspettato quattro righe scarne sui soliti blog dedicati al l’open source ma finora non ho visto niente; neppure sui blog di chi - alla notizia del rilascio di WPI 1.0 - non seppe resistere ad una metafora di MS strega che offre la mela (WPI) a biancaneve:

The picture above, from the Disney classic “Snow White,” illustrates my point. The apple was delicious. The girl ate it and the poison took her. There is no handsome prince in this story, however.

Note the continuum. Here is an open source tool. Here is something with a Microsoft open source license. Here is something with just a Microsoft license. Before you know it you’re one of us.

And you should be one of us, says Microsoft. We make money. You’re a businessperson, you want to make money too. You don’t want to be a dirty hippie in your parents’ garage all your life, do you?

La teoria che l’Open Source per molti è una scusa molto valida per fare crì-crì raccoglie sempre più conferme. Che tristezza.

P.S. piccolo spazio pubblicità per chi vuole approfondire sullo sviluppo con MVC 1.0: consiglio il libro di Simone Chiaretta disponibile in pre-order su Amazon. Ho conosciuto di persona l’autore che seguo da parecchio sul suo blog e mi sento di poter dare il consiglio anche alla cieca.

-quack

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (44): [ Pagina 1 di 2  - più vecchi ]
15. Enrico FOLBlog
venerdì 3 aprile 2009 alle 7:42 AM - firefox 3.0.8 Windows Vista
   

@Gabriele

Ma se è l'unico sistema operativo che ti spara pubblicità su quanto sia bello e figo mentre si installa

Sempre con lo sguardo rivolto al passato.
Sempre a fare paragoni tra quel che fu in  casa Microsoft e quel che è altrove.

   
16. Enrico FOLBlog
venerdì 3 aprile 2009 alle 7:45 AM - firefox 3.0.8 Windows Vista
   

@gabriele

com'è che ora è cosa bella e di cui andare fieri rilasciare codice con una licenza che spazzerebbe via ogni controversia su licenze e brevetti?

Mi sembra un bel cambio di opinione, o no?

Non capisco: cos'è ora che è Microsoft a fare questi passi, non vanno più bene?
Questo "cambio di opinione" non è quello invocato a gran voce da chi  ha protestato fino ad ora?
Ma, a leggerti, sembra che sia male.
Mi piacerebbe capire cosa si pretenda da Microsoft, oltre che la sua sparizione.

   
17. Nickelgreen
venerdì 3 aprile 2009 alle 8:26 AM - IE 8.0 Windows Vista
   

Condivido in pieno quello che ha scritto Paperino.
Chi si è riempito la bocca per anni in amniera modaiola e idiota (e in chiave anti-microsoft: ognuno faccia pure quel che vuole, purchè sappia cosa fa) con la parola "open source" rimane letteralmente basito nello scoprire che MS produce BADILATE di software open.
Quindi non rimane, nei loro piccoli cervellini comandati dai loro "credo" informatici che sono ben più dubbi dei segreti di Fatima, che arrampicarsi sugli specchi per dire che "qualcuno" non è ancora "abbastanza" perfetto.

Un grosso VAFFA, quindi, a tutta sta gente con Vismara® al posto dei bulbi oculari e col sedere a forma di Pinguino o di Mela (dipende dalle stagioni).

   
18. EnricoC.
venerdì 3 aprile 2009 alle 11:30 AM - chrome 1.0.154.53 Windows 7
   

Vorrei cercare di riportare tutti in tema.

Quello che i sostenitori dell' Open Source amano di GNU/Linux e in generale delle distribuzioni Linux con licenza GPL o GPL-compatibile è che tutto il sistema è Open Source e nella quasi totalità Free Software.

Quindi per cortesia non confondiamo il rilascio di un framework come ASP.NET MVC sotto licensa MS-PL con un intero sistema operativo e i suoi software di base (the GNU project) che sono interamente Open e disponibili per tutti.

Poi vi chiedete perchè le cicale fanno ancora cricrì? Perchè se hanno voglia di imparare possono aprirsi iptables e vedere com'è fatto. Oppure possono vedere come si crea un driver Wireless per il kernel Linux, conoscerne le chiamate ecc..

Su Windows cosa possono fare? Cerchiamo di non uscire fuori dal tema accomunando ASP.NET MVC, una piattaforma di blogging e alcuni Toolkit all intero progetto GNU altrimenti date a vedere che non avete capito che cos'è e cosa significa.

Il "voi" è generale non mi riferisco a qualcuno in particolare. Personamlmente sono comunque contento di vedere MS rilasciare software Open. Anche se mi sento di quotare Gabriele:

Anche io ho un'altra teoria. MS non usa licenze aperte perché ci crede ma perché le serve.

Infatti questa licenza è usata solo nei settori in cui MS non ha un quasi-monopolio, ma dove anzi vuole guadagnare quote di mercato e deve quindi attrarre sviluppatori/creatori di contenuti.

   
19. 0verture
venerdì 3 aprile 2009 alle 11:59 AM - firefox 3.0.8 Windows XP
   

Perchè se hanno voglia

Esatto, SE hanno voglia, ma nella pratica di tutti i giorni su 1000 cicale che parlano a vanvera ogni giorno è tanto trovarne UNA che invece di perdere tempo a scrivere cazzate contro il mondo closed source (brutto, cattivo e demoniaco, non dimentichiamocelo mai) facesse il santissimo piacere di non installare i programmi da binari precompilati, ma se li compilasse in casa DOPO averli controllati personalmente dando quindi un senso di veridicità a tutte le parole che vomitano sul rischio di codici maligni, complotti, controlli non desiderati e balle varie per le quali il mondo closed fa schifo e chi scrive tale codice, un figlio di buona donna.

   
20. Giuseppe
venerdì 3 aprile 2009 alle 1:17 PM - IE 8.0 Windows 7
   

@ 0verture

Posso innalzarti a mia divinità personale?

   
21. 0verture
venerdì 3 aprile 2009 alle 1:52 PM - firefox 3.0.8 Windows XP
   

Posso innalzarti a mia divinità personale?

Thank You. Le offerte in cibo alle 10 in punto. L'oro a mezzogiorno e le vergini in calore nel resto della giornata per il "Santo Rito del Collaudo"

   
22. Edward
venerdì 3 aprile 2009 alle 3:40 PM - firefox 3.0.8 Windows XP
   

@ Blackstorm:

Perchè al tuo amico non mostri questo? E' il motivo per cui il mio task manager mi segna ram occupata sempre oltre la metà. Ironia della sorte, quando a parità di servizi attivi chiudo firefox, la ram mi sta regolarmente sotto il 50%, intorno al 45% (c'è da dire che ho parecchi servizi attivi)...

Attento: non fare confusione.

Process Explorer mostra tre indici per la memoria: Virtual Size, Working Set e Private Bytes.

Virtual Size e' tutta la memoria richiesta dal programma (non solo allocata, ma richiesta): quindi sia quella effettivamente utilizzata che quella allocata per usi futuri e comprende sia la ram fisica che la memoria virtuale assegnata al programma da Windows; Working Set e', invece, solo la ram fisica attualmente usata dal programma (definizione piu' rigorosa: la parte di Virtual Size mappata nella memoria fisica e, quindi, accessibile con nessun Page fault): il famoso "Commit" di Task manager.

Private Bytes, non mostrato nel tuo esempio, e' la parte di memoria relativa all'eseguibile e alle librerie non condivise, quindi alla memoria "privata", di sola pertinenza del programma; parlo di memoria in generale perche' la definizione di Private Bytes cambia fra Vista e XP: sotto XP Private Bytes riporta la parte "privata" di Virtual Size, sotto Vista quella di Working Set e, aparita di applicazione, risulta inferiore a quella riportata da XP.

 

Nel tuo esempio Firefox ha allocato circa 660 MB di Virtual Size e usa poco meno di 200 MB di ram fisica: i 460 MB di differenza sono la memoria a cui Firefox non ha avuto acesso di recente (es pagine aperte qualche minuto fa ma non ancora rimosse dalla cache), spazio di memoria riservato per usi futuri (es per aprire altre tab) e anche memoria richiesta in passato dal codice ed ora non piu' utilizzata (quindi memory leak di codice, estensioni e plugin o cattivo funzionamento del garbage collector).

Dopo 10 ore di utilizzo in genere ho 15-20 tab aperte, Working set compreso fra 150 e 200 MB e Virtual Size raramente eccedente il doppio del WS: fossi in te controllerei le pagine caricate (es pagine di youtube: mantengono i video in memoria , 10-15 MB di WS a pagina). Se non basta, escludi il memory leak delle estensioni creando un nuovo profilo avviando firefox col parametro "-profilemanager": creato il profilo, prova a navigare come al solito e controlla l'occupazione della ram; poi aggiungi un estensione alla volta e ripeti il confronto. Per velocizzare l'operazione puoi installare per prime le estensioni gia' note per essere problematiche.

 

@ Paperino:

Fare i tabbaccai è molto più semplice, dai.

<dissacrante> Parli per esperienza diretta? </dissacrante>

Il problema è che i tabaccai veri si annidano (vedasi baco Debian).

I programmatori (o sedicenti tali) ignoranti commettono sbagli ovunque, purtroppo.

 

@ Overture:

Mai letto cosa pensa il loro geniale Stallman della licenza BSD, di quali sarebbero i gravissimi e devastanti problemi per i quali la sua GPL sarebbe migliore ?

A rigor di logica di chiunque, sarebbe il timore della chiusura di un prodotto, mentre a rigore della sua "logica" il grave problema consiste in un file di crediti con segnalati i nomi degli autori delle singole parti del codice !

Ti riferisci al vecchio testo della licenza BSD che conteneva l'adversiting clause: credo che la pagina di Wikipedia spieghi bene sia i motivi pratici (allegare i nomi di qualsiasi contributore ed ognuno in una licenza separata) sia quelli ideologici (la GPL ammette solo le restrizioni che specifica). In ogni caso la BSD non include piu' la clausola dal 1999, benche' di tanto in tanto sia riesumata in altre licenze.

Quanto alla GPL come verbo sacro sono in disaccordo: condivido gli scopi ma non la clausola sulla perpetuazione della licenza (qualsiasi progetto che include codice con licenza GPL deve essere rilasciato sotto la GPL) e preferisco in questo senso la MPL o anche la LGPL.

 

Edward

   
23. 0verture
venerdì 3 aprile 2009 alle 6:48 PM - firefox 3.0.8 Windows XP
   

Ti riferisci al vecchio testo della licenza BSD che conteneva l'adversiting clause

Ma ti sembra quella la motivazione seria per la quale la BSD potrebbe non piacere come licenza ?

Cioè è come se di fronte ad un'automobile che promette di fare 500 chilometri con un litro invece di verificare che veramente ci riesca, si fa bocciare l'intero progetto perchè non piacciono i cerchioni ed il terminale della marmitta

   
24. Edward
venerdì 3 aprile 2009 alle 7:50 PM - firefox 3.0.8 Windows XP
   

@ Overture:

No: e' come bocciare il progetto di un auto perche' la carrozzeria deve includere lo spazio per le firme di designer, ingegneri, manager, impiegati dell'azienda e operai della catena di montaggio, cioe' tutte le persone che sono entrate a contatto con l'auto in fase di progetto o di realizzazione e vi hanno contribuito in ogni modo (anche il "Vorrei le gomme antiforatura" della segretaria). Tutto va bene se le cose restano in piccola scala (es la firma di Colin Chapman sui motori delle Lotus come l'adversiting della sola UCB), ma diventa ingestibile con decine o centinaia di queste firme.

Per me e' un problema solo pratico, per la FSF e' sia pratico sia legale perche' la clausola e' ritenuta una restrizione aggiuntiva a quelle ammesse dalla GPL. Per tagliare la testa al toro, la BSD originale non e' approvata dall'OSI e quindi, paradossalmente, non e' nemmeno considerata "open source".

Se vuoi puntare proprio il dito verso la FSF, chiediti perche' le versioni 2 e 3 della GPL siano incompatbili fra di loro e richiedano la famosa appendice "[...] o versioni successive" per diventare compatibili

 

Edward

   
25. EnricoC
venerdì 3 aprile 2009 alle 10:01 PM - chrome 1.0.154.53 Windows 7
   

Sempre per continuare in tema Paperino, ecco proprio pollycoke che ne parla nel suo blog:

pollycoke.net/.../microsoft-rilascia-aspnet-mvc...

Quindi come vedi se ne parla eccome, basta che dai tempo alla notizia di diffondersi a dovere

   
26. 0verture
sabato 4 aprile 2009 alle 12:36 AM - firefox 3.0.8 Windows XP
   

Per me e' un problema solo pratico

Guarda che anche nei progetti sotto gpl lo devi mettere il file di crediti quindi ai fini organizzativi va in mrd sempre e comunque e poi in ogni caso non vedo dove sta il problema. Se lavorassimo con i PDP potrei capire che ci sono delle necessità di memoria che non può andare sprecata ma al giorno d'oggi...

Piuttosto credo un'altra cosa: Stallman doveva trovare a tutti i costi un difetto, un qualcosa che non andava negli altri per promuovere la sua licenza e non potendo attaccare direttamente il fattore economico della bsd perchè lui prima di tutti con una licenza analoga (la mit) c'ha fatto i soldi (non è un caso se entrambe sono licenze utilizzare in particolar modo in ambito accademico, di ricerca, dove i partecipanti sono stipendiati) ha dovuto cercare e trovare qualcosa che a suo dire era in grado di sconvolgere il naturale ordine delle cose.

(nel frattempo, i progetti bsd continuano a rimanere un modello di organizzazione vedi i soliti quattro unix bsd, vedi haiku che non si sono mai scissi/forkati mentre quelli gpl sono un continuo disperdersi dietro le boiate)

   
27. Blackstorm
sabato 4 aprile 2009 alle 7:43 AM - firefox 3.0.8 Windows Vista
   

@Edward:

Guarda, se vuoi ti posso anche mettere l'immagine con i private bytes, la situaizone non cambia: il campo private bytes mi dice 200 mega dopo 2 ore e mezzo di utilizzo. E ancora, in tutti e tre i casi, ff risulta al primo posto come occupazione: virtual size, ws, o private bytes che siano.

Dopo 10 ore di utilizzo in genere ho 15-20 tab aperte, Working set compreso fra 150 e 200 MB e Virtual Size raramente eccedente il doppio del WS: fossi in te controllerei le pagine caricate (es pagine di youtube: mantengono i video in memoria , 10-15 MB di WS a pagina).

Non mi sono spiegato: a me non crea problemi, so che ff succhia memoria come un bastardo, ma mi va bene così (ed è anche ragionevole, dal momento che io ho un minimo di 25 tab aperti alla volta - per cui mi sta bene). Il punto è che uno che mi viene a dire "che bello che posso spalare merda su win7 perchè è divertente vedere il task anager sempre sopra il 50%" è un idiota, perchè io sono sopra il 50% di ram regolarmente (con 1 giga che devi fare :)) e la colpa principale è del blasonato firefox... Insomma, il concetto del mio commento era che è facile spalare merda su ciò che non si sa

   
28. Blackstorm
sabato 4 aprile 2009 alle 8:14 AM - firefox 3.0.8 Windows Vista
   

@EnricoC:

Purtroppo pollycoke continua ad essere davvero poco elegante:

dall’altra ecco qualcosa che da certa parte della comunità verrà percepito come un regalo, quando è solo reclutamento di sviluppatori a basso costo.

Com'è che quando sviluppano per linux sono "volontari che contribuiscono alla libertà di informazione e alla condivisione del ocdice col mondo" e quando lavorano a progetti ms sono "sviluppatori a basso costo"?

 

Dio, ocme mi fa incazzare, pollycoke.

   
29. Edward
sabato 4 aprile 2009 alle 1:17 PM - firefox 3.0.8 Windows XP
   

@ Overture:

 

Guarda che anche nei progetti sotto gpl lo devi mettere il file di crediti quindi ai fini organizzativi va in mrd sempre e comunque e poi in ogni caso non vedo dove sta il problema. Se lavorassimo con i PDP potrei capire che ci sono delle necessità di memoria che non può andare sprecata ma al giorno d'oggi...

Non e' questione di memoria o spazio occupato, ma di logistica: se ogni libreria di sistema ha n contributori ed ognuno di loro richiede il credito, dovrai tenerne conto nei crediti finali e dovrai aggiornarli ogni volta. Tutto qui.

 

@ Blackstorm:

Non mi sono spiegato: a me non crea problemi, so che ff succhia memoria come un bastardo, ma mi va bene così (ed è anche ragionevole, dal momento che io ho un minimo di 25 tab aperti alla volta - per cui mi sta bene). [...] Insomma, il concetto del mio commento era che è facile spalare merda su ciò che non si sa

Perspicacia di Edward = -7,35 su 10. Ero assolutamente convinto che creasse problemi

Comunque Private bytes e Working set sono coerenti con i miei valori ma il Virtual size e' enorme: controlla le estensioni per memory leak. Davvero.

 

Edward

   
30. 0verture
sabato 4 aprile 2009 alle 1:29 PM - firefox 3.0.8 Windows XP
   

Com'è che quando sviluppano per linux sono "volontari che contribuiscono alla libertà di informazione e alla condivisione del ocdice col mondo" e quando lavorano a progetti ms sono "sviluppatori a basso costo"?

Per Giuseppe sono un dio e quindi ti elevo a Semi-dio

   
31. 0verture
sabato 4 aprile 2009 alle 1:32 PM - firefox 3.0.8 Windows XP
   

Non e' questione di memoria o spazio occupato, ma di logistica: se ogni libreria di sistema ha n contributori ed ognuno di loro richiede il credito, dovrai tenerne conto nei crediti finali e dovrai aggiornarli ogni volta. Tutto qui.

E secondo te sarebbe tanto difficile da gestire ? A livello tecnico è solo un gran sbattimento mentre il problema è a livello umano, a livello delle persone, le stesse che per futili gelosie fanno scoppiare ogni giorno team di sviluppo ben avviati portandoci alla situazione attuale dove free e gpl tutto vogliono dire meno che affidabilità (rovinando chiaramente la piazza anche a quei pochi che pur lavorando con quella licenza, sono seri e non si comporterebbero in quella maniera)

   
32. Giuseppe
sabato 4 aprile 2009 alle 1:57 PM - IE 8.0 Windows 7
   

@0verture

Ok... le offerte al semidio a che ora le faccio?

   
33. 0verture
sabato 4 aprile 2009 alle 2:12 PM - firefox 3.0.8 Windows XP
   

Tratta col semi dio o mio gran sacerdote

   
34. Edward
sabato 4 aprile 2009 alle 3:01 PM - firefox 3.0.8 Windows XP
   

@ Overture:

E secondo te sarebbe tanto difficile da gestire ?

Dipende dalle dimensioni del progetto e dal numero di programmatori coinvolti: per progetti piccoli con una decina di nomi non vedo problemi, su scala di centinaia o migliaia di attirubuzioni ha il suo peso. Non e' un ostacolo insormontabile ma aggiunge tanta burocrazia in piu'; inoltre, lo ripeto, la BSD originale non e' "open source" a tutti gli effetti per scelta dell'OSI, non di Stallman, e gli Unix *BSD ed i progetti collegati adottano la BSD a due o tre clausole, non quella originale.

A livello tecnico è solo un gran sbattimento mentre il problema è a livello umano, a livello delle persone, le stesse che per futili gelosie fanno scoppiare ogni giorno team di sviluppo ben avviati portandoci alla situazione attuale dove free e gpl tutto vogliono dire meno che affidabilità (rovinando chiaramente la piazza anche a quei pochi che pur lavorando con quella licenza, sono seri e non si comporterebbero in quella maniera)

Se il problema e' il protagonismo dei programmatori o divergenze sugli obiettivi e/o sulla conduzione del progetto, allora vietare i fork nella licenza e' il modo peggiore per tentare di risolverlo, e' utopistico come minimo ed irresponsabile nella totalita' dei casi: i programmatori sono persone e con le persone serve tatto, rispetto, buon senso e l'argomentazione delle proprie posizioni, non gli estremi della dittatura o dell'anarchia. Indipendentemente dalla licenza con cui rilasciano il software.

Per la cronaca la BSD non ha impedito il fork di BSD 4.3 in 386BSD e BSD/386 nel 1991, di 386BSD in NetBSD e FreeBSD nel 1993 e di OpenBSD da NetBSD nel 1995. Trai le tue conclusioni.

 

Edward

   
35. 0verture
sabato 4 aprile 2009 alle 3:34 PM - firefox 3.0.8 Windows XP
   

Dipende dalle dimensioni del progetto e dal numero di programmatori coinvolti: per progetti piccoli con una decina di nomi non vedo problemi, su scala di centinaia o migliaia di attirubuzioni ha il suo peso. Non e' un ostacolo insormontabile ma aggiunge tanta burocrazia in piu';

A giudicare dal numero di clausole che sono presenti nelle varie versioni della gpl non mi pare che la burocrazia li spaventi più di tanto e come ho già riportato diversi post sopra, sembrano costruite con l'intento di dare biada ed appigli a svariate categorie di azzeccagarbugli.

Per la cronaca la BSD non ha impedito il fork di BSD 4.3 in 386BSD e BSD/386 nel 1991, di 386BSD in NetBSD e FreeBSD nel 1993 e di OpenBSD da NetBSD nel 1995. Trai le tue conclusioni.

Che alla fine dei conti se riesci a contare una decina di distribuzioni bsd in più di 10 anni di sviluppo è un miracolo mentre con linux ed i progetti free in genere si sfonda il tetto delle centinaia.

i programmatori sono persone e con le persone serve tatto, rispetto, buon senso e l'argomentazione delle proprie posizioni, non gli estremi della dittatura o dell'anarchia.

Quello che serve è buon senso ed è evidente che su certe sponde è merce al quanto rara.

   
36. Edward
sabato 4 aprile 2009 alle 6:13 PM - firefox 3.0.8 Windows XP
   

@ Overture:

Facciamo il punto della situazione, altrimenti non riesco a seguirti:

- post #3, Paperino: FSF dichiara che la GPL e' incompatibile con la MS-PL;

- #4, tu: alla FSF ci sono malati di mente che capiscono e impongono solo il loro credo;

- #5, io: nessuna insanita', solo conflitti fra le licenze: vorrei conoscere il problema nel dettaglio perche' ho trovato speigazioni contrastanti;

- #11, tu: FSF e' sicuramente nel torto perche' Stallman schifa la BSD per l'adversiting clause; in realta' e' un santone che comanda un'orda di fanatici;

- #12, tu: Stallman e' un approfittatore che ha fatto i soldi finche' ha potuto con il MIT ed ora vuole farli con la FSF e le sue cause legali "facili";

- #22, io: per FSF la GPL e' incompatibile con la BSD originale causa l'adversiting clause. La clausola e' stata rimossa dieci anni fa, ora non e' piu' un problema;

- #23, tu: e' un'obiezione sensata?

- #24, io: se vuoi un mio parere e' una tremenda seccatura e l'obiezione ha un suo senso; per la FSF e' sia una seccatura sia un conflitto con la GPL. Comunque la BSD originale non e' praticamente piu' usata perche' non e' nemmeno considerata open source, quindi il problema e' solo teorico;

- #26, tu: per me non ha senso perche' devi comunque aggiungere la licenza e anche i credits. Stalmann cercava un appiglio contro la BSD per promuovere la GPL e, non potendo toccare il lato commerciale perche' predica bene e razzola male, si e' inventato il problema delle attribuzioni. Inoltre i *BSD e Haiku, progetti che non usano la GPL, sono in salute e non si sono mai scissi mentre in quelli GPL c'e' un fork al giorno;

- #29, io: per me ha senso perche' e' una rottura colossale su grande scala;

- #31, tu: non ha senso: e' una rottura colossale sul piano tecnico e apre la porta a gelosie e fork per ritorsioni personali sul piano umano. L'equazione "free software = inaffidabile" penalizza i pochi progetti seri che adottano la GPL;

- #34, io: per me l'advertising clause e' una scocciatura tollerabile su piccola scala e una rottura colossale su grande scala; inoltre e' ormai un problema teorico perche' la BSD originale non e' considerata open source e nessun progetto importante la adotta piu'; secondo: gelosie e fork sono accadono con qualsiasi licenza perche' dipendono dai rapporti umani fra i programmatori e pensare che la licenza ne sia responsabile o che possa prevenirli e' ingenuo come minimo, menefreghista come massimo. Ultima nota: la stabilita' dei BSD non e' cosi' sicura perche' ci sono stati fork in passato;

- #35, tu: e' una scocciatura quando fa comodo alla FSF perche' la GPL e' un pastone burocratico pieno di appigli legali; i soli 4 fork degli Unix BSD in 10 anni sono un risultato inarrivabile per tutte le distro linux; alla FSF il buon senso scarseggia.

Faccio l'avvocato del diavolo perche' non riesco piu' a seguire il tuo filo logico:

- siamo entrambi in un colossale OT perche' la discussione non risponde alla domanda di Paperino (perche' nessun blog o sito orientato all'Open source ha parlato dei progetti OS Microsoft?);

- entrambi siamo d'accordo che l'adversiting clause sia una rottura colossale dal punto di vista tecnico: questo argomento e' stato ripetuto piu' volte e, se non hai nulla da aggiungere, credo che sia il caso di chiuderlo una volta per tutte;

- non conosco Stallman ne' la sua persona, il suo passato o altro; non ho le fonti per verificare le tue affermazoni quindi posso prendere per buone salvo prova contraria, comunque le trovo OT sia nel contesto del thread (il "nessuno parla dei programmi open source MS") sia nel confronto fra licenze;

- se per te affidabilita' e' non fare fork o, correggendo il tiro, farne pochi, allora ne prendo atto. Non ho ma dato grande peso al numero di fork per valutare un software ed il suo team di sviluppo perche' ho adottato altri parametri: soddisfacimento dei requisiti di progetto, maturita' del codice, prestazioni, retrocompatibilita', progressi fatti e velocita' degli stessi, ... La prossima volta faro' piu' attenzione;

- personificare la FSF e la GPL come il male assoluto mi ricorda troppo l'identificare Bill Gates con Satana o Darth Vader e Microsoft con gli inferi o l'Impero: visioni assolutistiche (di qua i buoni, di la' i cattivi) che, se non adeguatamente motivate, sono vere e proprie ideologie. Mi dissocio da qualsiasi "credo" imposto preferendo un approccio piu' pragmatico;

- se non ti piacciono la FSF e la GPL, evitale: sono rispettivamente una fondazione ed una licenza perfettamente legali e, per questo, inattaccabili. Se usi un programma sotto licenza GPL e non rispetti le clausole (per es., non rilasci i sorgenti) allora la FSF ha tutto il diritto di intraprendere una causa per violazione della licenza; analoghe considerazioni si applicano a tutte le licenze e a tutte le software house.

 

Edward

   
37. NickelGreen
sabato 4 aprile 2009 alle 7:07 PM - IE 8.0 Windows 7
   

Mettiamola così.

Se l'open source riuscirà a prevalere ovunque (software e sistemi operativi) significherà, molto banalmente, che l'economia come la conosciamo è finita. Questo può avvenire per: guerra nucleare globale, pandemie fulminanti, asteroidi grandi come il texas che impattano sul pianeta, calamità naturali estreme. Il resto delle considerazioni, a parer mio, sono solo fuffa.
Chiunque intenda commercializzare una qualsiasi versione di un software (sia esso legato ad hardware o meno) alla fine tenderà ad appropriarsene e a venderlo caro e salato. Almeno che, appunto, l'economia come la conosciamo non si disintegri.

Disquisire sulla liceità o sulla "bontà" di un tipo di licenza o meno mi sembra una pratica pressochè onanistica e ossessivo-compulsiva che non serve assolutamente a nulla (al di là del bearsi di "quanto codice si sa" - o meglio - non si sa). Sta di fatto, comunque, che quello che ha scritto originariamente Paperino nel post è vero. Per gli esegeti del software Open Source (leggi anche "scientology") tutti devono essere uguali, ma qualcuno è più uguale degli altri.
Vedo troppa ideologia, poca attinenza ai fatti e poca conoscenza (da cui ignoranza nel senso che certe cose si decide di "ignorarle") delle notizie dal 1998 ad oggi e vedo anche un'eccesso di puzza sotto il naso mischiato a un po' di ideologia radical-chic da noglobal con il suv del papi.

   
38. 0verture
sabato 4 aprile 2009 alle 7:34 PM - firefox 3.0.8 Windows XP
   

Ma chi personifica cosa... Mi sto semplicemente limitando a dare una visione nettamente più realista e meno filosofeggiata di un movimento che ogni volta che si presenta al mondo lo fa mostrandosi come la panacea di tutti i mali. (prima si stava tanto male, prima c'era la fine del mondo, l'oscurità ma un santissimo giorno è arrivato LUI !)

Ci mancherebbe solo una presentazione alla ken shiro con stallman che si disegna le sette stelle dell'Orsa...

   
39. Edward
sabato 4 aprile 2009 alle 8:42 PM - firefox 3.0.8 Windows XP
   

Ci mancherebbe solo una presentazione alla ken shiro con stallman che si disegna le sette stelle dell'Orsa...

<ironic> A cosa corrispondono gli tsubo? </ironic>

Ok, come non detto. Point taken.

 

Edward

   
40. Blackstorm
domenica 5 aprile 2009 alle 9:37 AM - firefox 3.0.8 Windows Vista
   

@Edward:

In effetti il virtual size sembra essere più grande di quanto mi aspettassi, controllerò sicuramente le estensioni da leak. Grazie per il link alle problematiche

PS: tranquillo per l'incomprensione, capita

@Giuseppe:

A me le offerte le puoi fare a qualsiasi ora, ma la clausola è che quando porti cibo devi aggiungere anche una bottiglia di vino

   
41. Sid
martedì 7 aprile 2009 alle 11:07 AM - firefox 3.0.8 Windows 7
   
   
42. RNiK
mercoledì 8 aprile 2009 alle 12:54 PM - firefox 3.0.8 Windows XP
   

Tutte novità interessanti e Silverlight 3 promette sempre meglio! A tal proposito l'avevi visto questo?

   
43. Paperino
mercoledì 8 aprile 2009 alle 6:49 PM - firefox 3.0.8 Windows 7
   

E che dire di questo? http://silverlightc64.codeplex.com

   
44. Paperino
mercoledì 8 aprile 2009 alle 7:44 PM - firefox 3.0.8 Windows 7
   

@EnricoC:

come spesso accade era meglio il silenzio. Crì crì crì...

   
[ Pagina 1 di 2  - più vecchi ]
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)