Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Feb Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Supertools: drive snapshot e WinPE

Qualche volta, come durante questo weekend, ho avuto bisogno di fare qualche esperimento di tipo distruttivo sulla partizione principale di un Hard Disk: in queste occasioni si desidererebbe tanto avere a che fare con una Virtual Machine (VM) dove basta copiare un file .VHD per avere il backup perfetto. In mancanza di ciò, viene in aiuto un tool chiamato drive snapshot.

Drive snapshot per Windows permette di fare backup di intere partizioni o addirittura dischi fisici (più partizioni con lo schema di partizione attachato) in un unico target file; per partizioni FAT e NTFS è anche in grado di determinare - e opzionalmente scartare dal backup - lo spazio di disco non usato. A differenza di alcuni software similari, drive snapshot è in grado di fare il backup in maniera live usando qualche trucco veramente geniale. A parte questo il tool ha una certa affidabilità di base essendo uno dei pochi ad essere in grado di funzionare perfettamente anche in una VM.

Drive snapshot è shareware e si può usare gratuitamente per un numero di giorni imprecisato (ma sono di solito abbastanza per scopi di weekend-experiment). Nel mio test è stato in grado di fare il backup su drive esterno USB2 di 16GB di "dati" in 20 minuti (altrettanti per il restore). Questo weekend inoltre ho testato per la prima volta nella mia vita su un drive vero anche le capacità di fare il restore dell'immagine creata.

Il restore si può fare in diverse maniere: usando un disco di boot DOS incluso e scaricabile dal sito stesso in grado di supportare diversi configurazioni, inclusi server di rete. Io invece ho usato un'altra alternativa, che è quella di usare drive snapshot via WinPE: giunto alla versione 2.0 si può scaricare via BDD (fonte; BDD sta per Business Desktop Deployment che è scaricabile a questo indirizzo) .

WinPE - sorprendentemente poco conosciuto - è l'equivalente di Windows Vista "Live" bootabile da CD pensato per scopi diagnostici e di recovery, nel caso qualche driver abbia crisi di identità. Di WinPE oltre ad avere una immagine .ISO archiviata da qualche parte da buon paranoico ho almeno un paio di CD per ogni "location": un paio a casa, un paio in ufficio, ecc. Anche perché, una volta prestati, hanno la facile tendenza a scomparire. Smile

Happy backup!

-quack

Technorati tags: ,

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (0):
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)