Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Feb Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

They are alive

Desktop: Alive1

Server: Alive2

logono

Alla fine Venerdì ho tirato un morso al proiettile, espressione americana equivalente all'italiana "'ingoiare il rospo" ma forse più gustosa, e mi sono definitivamente deciso ad assemblare le seguenti configurazioni:

Upgrade del desktop
Core 2 Quad Q6600 (con virtualizzazione!) e terzo GB di RAM. Ora con 4 macchine virtuali ciascuna col suo core e i sui 512MB di RAM potrei giocare a Catan da solo. Big Smile Prossimo upgrade fra 2 anni.

Windows Home Server
Pentium D 820
1 GB RAM
HD Seagate Sata 320GB
HD Seagate EIDE 400GB
Barebone MSI Hetis 900

Tutto è filato quasi liscio: avrei pensato che sostituendo scheda madre, processore, memoria e tutto l'hardware correlato Vista non sarebbe riuscito neanche a fare il boot in modalità non-provvisoria. Ma non solo il sistema si è avviato ma ha configurato tutto il configurabile in pochi minuti e senza nessun intervento esterno a parte il cambio di risoluzione. L'unico piccolo batticuore c'è stato quando ad un certo punto il desktop non riusciva ad ibernarsi ma il mistero è stato risolto da Beppe ad ulteriore conferma che se l'ibernazione non funziona la colpa è solo dell'OS che in questo caso non riusciva a leggere un file di configurazione; ora l'unico intoppo rimasto è la ventola del server: rumorosa per via di un cuscinetto rotto al punto da doverla sostituire e CPU che gira a temperature un po' sospette (~57°C). Se mi scappa un po' di pazienza provo a spalmare un altro po' di pasta termica, ma che rottura visto per questi lavorini di precisione non ci sono per niente portato. E pensare che 40° mi sembravano all'inizio un po' troppi. Comunque, il server è stato complicato da assemblare per via del form factor del case, ma molto facile da configurare. I permessi sui folder di default sono semplicissimi come pure la folder replication attivabile per ogni singolo folder: l'ho subito attivata per foto, video e musica. Nei prossimi giorni si tratterà di fare il backup tombale dei PC in casa, vendere un po' di hardware avanzato, migrare i file condivisi dai vari PC sul server e cominciare a dormire sonni tranquilli; they are alive e windows home server è il mio gadget dell'anno. E TGIsS.

-quack

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (8):
1. Blackstorm
domenica 16 dicembre 2007 alle 5:03 PM - unknown unknown unknown
   

Yo!

Donald Duck on Core2Quad @3GiB RAM - now virtualized!

   
2. micky
domenica 16 dicembre 2007 alle 7:12 PM - unknown unknown unknown
   

Ehi Papero....

che dici riesco a installare windows home server su un P4 con 1gb di ram? con la storia di dormire sonni tranquilli ora mi fai avere gli incubi a me che i 4hd non beckappati... Mi sa che assumo beppe a darmi una mano a configurarlo....

ciao buone feste da milano

Micky (mercer)

   
3. Paperino
domenica 16 dicembre 2007 alle 8:21 PM - unknown unknown unknown
   

Da:

apcmag.com/.../windows_home_server_system_requirements_and_sdk

Microsoft cites the minimum hardware requirements for Windows Home Server as a 1GHz Pentium III (although a Pentium 4, AMD x64 or newer CPU is recommended) with 512MB of RAM. It's not an overly optimistic spec: even on our meagre machine (a 1.2GHz Pentium III with 512MB of RAM and a Seagate 160GB hard drive) Windows Home Server was surprisingly responsive and stable.

   
4. ViK
lunedì 17 dicembre 2007 alle 11:07 AM - unknown unknown unknown
   

"Upgrade del desktop

Core 2 Quad Q6600 (con virtualizzazione!) e terzo GB di RAM. Ora con 4 macchine virtuali ciascuna col suo core e i sui 512MB di RAM potrei giocare a Catan da solo"

Però... bella macchina! Anch'io voglio giocare a Catan da solo (anche se non ho la minima idea di cosa sia!).

   
5. EnricoG
lunedì 17 dicembre 2007 alle 1:27 PM - unknown unknown unknown
   

Paperino, volevo solo avvisarti che ho appena decriptato la password del tuo home server: "topolina".

:D

   
6. wtf
martedì 18 dicembre 2007 alle 3:13 PM - unknown unknown unknown
   

57 °C ?????

Forse è meglio usare una sonda e controllare che la temperatura sia rilevata in modo errato.

Altrimenti un processore che lavora tutto il tempo a 57 °C non sta benissimo e sicuramente non durerà molto.

Se ho trovato quello giusto, cioè questo

processorfinder.intel.com/details.aspx

a 64 ° C si riavvia per evitare danni all'hardware.

Ciao.

   
7. Scrooge McDuck
martedì 18 dicembre 2007 alle 4:13 PM - unknown unknown unknown
   

>a 64 ° C si riavvia per evitare danni all'hardware.

No, quella è la temperatura rilevata al centro dell'IHS che Intel consiglia di non superare.

Altra cosa è invece la temperatura riportata dal bios che è rilevata da un diodo all'interno della cpu e che è per forza di cose superiore.

Con 57° direi che va ampiamente sul sicuro.

   
8. Paperino
martedì 18 dicembre 2007 alle 6:34 PM - unknown unknown unknown
   

Ho notato che i 57°C si raggiungono durante operazioni "stressanti" ma normalmente è sotto i 50°. Sono in contatto con quelli di MSI e newegg per avere comunque una ventola di rimpiazzo: con un cuscinetto rotto dubito duri più di qualche settimana.

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)