Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Feb Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Tipi da Messenger: i cecchini

Ho notato una cosa che sta cominciando a diventare molto comune da quando è uscita la versione 8.1 di MSN Messenger, quella che -per intenderci - permette di loggarsi come "Invisibile" ("Appear Offline" sul mio) e di cominciare una conversazione come se nulla fosse.

Sicuramente immagino che sia una feature gradita a molti. Però il bon-ton vorrebbe che, tranni casi eccezionali, quando si comincia una conversazione si passi in modalità online e si prosegua. Se si abusa di questa feature si rischia di diventare veri e propri cecchini: il povero papero malcapitato appare online e senza neanche avere il tempo di rendersi conto di cosa accade, viene bersagliato da svariate conversazioni di gente che appare offline e persiste nell'esserlo. Devo ammetterlo: in casi estremi, siccome tra i miei contatti in messenger ci sono sia colleghi che parenti e amici, la conversazione offline è una vera manna. Ma visto che da vittima questo mi capita spesso durante la notte[1] e il perpetuatore non fa il deejay, comincio a rendermi conto che questa per alcuni non è una necessità ma un vizietto.

Per i miei cecchini: 'state avvisati', al secondo cartellino giallo scatta l'espulsione. Stick out tongue

OOB: più tardi (alle 2 PM) passo a stringere la mano a Feliciano Intini, grande esperto di sicurezza di MS Italia in visita a Redmond. Chissà che non lo convinca a fare una foto davanti alla porta dell'ufficio di Michael Howard (ecco dove ho copiato una certa idea Smile)

Mi scuso se il post, visti gli ultimi avvenimenti del Virginia Tech, possa ferire la sensibilità di qualcuno. L'avevo preparato da un po', ben prima degli ultimi tristi fatti Sad

-quack

Technorati tags:

[1] Nitpicker's corner: Vivendo in un fuso orario molto diverso da chi di solito mi contatta (-9 ore) quando parlo di notte faccio riferimento al fuso orario del 'cecchino'. 

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (14):
1. realtebo
venerdì 20 aprile 2007 alle 5:45 PM - unknown unknown unknown
   
Ah, solo ora mi sono reso conto che blogghi ... dagli USA direi... da dove di preciso ? giusto per curiosità
   
2. Paperino
venerdì 20 aprile 2007 alle 6:02 PM - unknown unknown unknown
   

Redmond periferia (se così si può dire) Smile

A due isolati dal mio ufficio (peccato ci sia un albero davanti alla finestra, altrimenti mi vedresti fare un cenno con la mano Smile)

   
3. k22
venerdì 20 aprile 2007 alle 7:25 PM - unknown unknown unknown
   
Davvero impressionante Maps Live. Non lo avevo ancora provato ma la copertura aerea della zona da diversi angoli. Impressionante Indifferent Complimenti alla MS Big Smile nn credo di averlo mai detto ultimamente ma davvero complimentoni. Tu che ci lavori sai micca quanto gli è costato Stick out tongue? 'njoy
   
4. Ampere73
venerdì 20 aprile 2007 alle 7:44 PM - unknown unknown unknown
   
sono forse io ? Wink Sad se l'ho fatto, non apposta..... Wink
   
5. Paperino
venerdì 20 aprile 2007 alle 8:08 PM - unknown unknown unknown
   

@k22: ho poca idea dei costi (so vagamente quanto costo io Stick out tongue); ma il risultato mi sembra eccezziunale veramente. Smile

@Ampere73: il cecchino non spara mai involontariamente Smile Se non l'hai fatto apposta, non sei un cecchino. Stick out tongue

   
6. amok
venerdì 20 aprile 2007 alle 8:33 PM - unknown unknown unknown
   
puoi sempre non rispondere :-) D'altra parte se stai online accetti il fatto che i costumi cambiano e siano + bizzarri di quelli del mondo reale. Una volta fu create la nettique, il rispetto di quelle regole e' stato sempre travisato o evitato. E' una questione di bon ton :)
   
7. Paperino
venerdì 20 aprile 2007 alle 9:43 PM - unknown unknown unknown
   

Infatti. E a quanto pare il bon-ton non lo si acquisisce con l'ambiente (a meno di una educazione rigida! Smile)

   
8. crazysinger
sabato 21 aprile 2007 alle 9:00 AM - unknown unknown unknown
   
perché hanno fatto si che con l'opzione invisibile si possa comunque comunicare? bastava lasciare le cose così com'erano e nessuno si sarebbe arrabbiato e non avremmo creato cecchini
   
9. Paperino
sabato 21 aprile 2007 alle 9:02 AM - unknown unknown unknown
   

Perché è comoda. Basta solo non abusarne (hai presente i lassativi? uguale... Smile)

   
10. Dario Solera
sabato 21 aprile 2007 alle 1:10 PM - unknown unknown unknown
   
Spiegate anche a me cosa vuol dire "My other machine is your Linux box"? Cioè, la frase in sé si capisce, ma il significato "intrinseco" no. O almeno non lo capisco io. :( Bello il poster, comunque. Lo voglio anche io. Da appendere di fianco a questo http://blogs.msdn.com/brada/archive/2006/02/06/Fx2Poster.aspx
   
11. Paperino
sabato 21 aprile 2007 alle 5:10 PM - unknown unknown unknown
   

Il significato intrinseco è poco chiaro perché nascosto tra le pieghe della cultura americana. Provo a spiegarlo.

Qui negli USA, attorno alla targa della macchina, ci sono i frame. Di solito c'è la pubblicità di un concessionario, ma molto spesso la gente li sostituisce per qualcosa di più divertente (esempi: http://www.cafepress.com/ihateclownscool/9490 )

Uno dei temi più frequenti è quello di "my other car (o altro)"

Esempi: la macchina di un pilota di aereo recitava "my other car is a Boeing 747".

Di un volgare "my other ride (doppio senso: ride è mezzo di trasporto ma anche 'sc**pata') is your wife".

Ecc.

Nel caso specifico il messaggio è diretto a quelli che di sicurezza non capiscono un c**zo e pensano che - solo per il fatto di usare Linux - sei tranquillo (per i nitpickers in ascolto: la sicurezza non dipende solo dall'OS ma dall'atteggiamento). Il concetto è: il mio PC di scorta è la _TUA_ macchina linux. Smile

Tale affermazione tende purtroppo ad attirare i troll. Ce ne sono alcuni di spassosi sul suo blog, che anche se troll, vale la pena di leggere. C'è un tipo che ha chiesto se Howard legge i libri (con il tono saccente: "sai quei fogli di carta racchiusi tra due copertine"). Se ad Howard gli servi un pallonetto così, lui schiaccia ("lo so cosa sono i libri: solo sulla sicurezza ne ho scritti 6 - ora 7). Tra l'altro si racconta che Howard qualche impresa dimostrativa l'abbia fatta... quindi se lui dice che è così, meglio non stargli intorno con un laptop Smile

Se cerchi eXPired sul suo sito, trovi un post con il poster Smile

   
12. zakk
venerdì 4 maggio 2007 alle 11:19 AM - unknown unknown unknown
   
ma "esperto di sicurezza microsoft" non è un ossimoro?
   
13. Paperino
venerdì 4 maggio 2007 alle 4:13 PM - unknown unknown unknown
   

@zakk

A giudicare dalla bibliografia impressionante a firma di Howard e Le Blanc, direi che sei lontano un anno luce. Smile

   
14. Luigi Bruno
sabato 29 maggio 2010 alle 12:34 AM - IE 8.0 Windows 7
   

Mi permetto di ricordare (e Paperino lo conosce sicuramente) "Writing Secure Code", giusto per citare qualcosa di un "certo rilievo" dalla bibliografia impressionante di Howard e Le Blanc.

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)