Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Lug Giu Mag Feb Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Upside down

Il mio geek preferito, Stallman, disse:

If the DRM is implemented in the operating system, this could result in distribution of works that can't be played at all on a free operating system such as GNU/Linux.'

Oggi giorno, nei paesi dove Netflix è disponibile, questo dovrebbe risultare palesemente falso. Netflix è disponibile su Windows e OSX perché MS non ha intenzione di rilasciare Silverlight – dichiarato ufficialmente moribondo – per Linux.

Netflix ha pure chiaramente detto che, se l’HTML5 supportasse il DRM, non avrebbero problemi a far girare la loro app in HTML5. Questo significa che se il DRM fosse parte dello standard, ci sarebbero più contenuti disponibili per Linux.

Al contrario: oggi siccome l’unica via per il DRM è il software propretario è possibile distribuire contenuti che non possono essere riprodotti su sistemi “liberi”; che è appunto il contrario di quello che Stallman dice.

Vista l’evidente falsità logica di quello che dice, rimane la domanda sul perché. Solo talebanesimo?

-quack

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (10):
1. antonello
venerdì 3 maggio 2013 alle 11:10 AM - chrome 26.0.1410.63 Linux
   

Accidentalmente ti scrivo usando proprio linux, ma questo non vuole dire che abbia sottomano sia Windows che OSX(il tutto in maniera perfettamente legale, se qualcuno possa domandarselo). Sono quindi perciò molto indipendente nel mio giudizio, te lo posso assicurare.

Il punto principale della questione è che il DRM proprio non dovrebbe esistere! I pirati tanto riescono comunque ad avere quel che vogliono, bisogna imparare a fornire agli utenti servizi che i pirati non possono offrire. Ed offrirli bene e a tutti.

Per quanto riguarda Silverlight, be' è un progetto morto. Chiunque decida di usarlo, ora, è abbastanza privo di lungimiranza. Chi già lo sta usando dovrebbe iniziare a capire che esistono altre strade. Jobs, che mi sta/stava alquanto antipatico, ci aveva azzeccato riguardo Flash, sia mai che riusciamo a liberarci sia di Flash, che di Silverlight che delle applet java.

   
2. Gurzo2007
venerdì 3 maggio 2013 alle 12:45 PM - chrome 26.0.1410.64 Windows 7
   

Jobs ci aveva azzeccato nel portare acqua al suo mulino recintato...non è che avesse scoperto chissà che cosa eh...

Stallman ormai farfuglia su alcune tematiche

   
3. Paperino
venerdì 3 maggio 2013 alle 6:14 PM - chrome 26.0.1410.64 Windows 8
   

Il punto principale della questione è che il DRM proprio non dovrebbe esistere! I pirati tanto riescono comunque ad avere quel che vogliono

Questo è sbagliato per due motivi. Uno dal punto di vista logico: se anche fosse vero che i pirati fanno quel che vogliono, non vedo il motivo per dire "non proviamoci neanche". È come dire non chiudete le porte, tanto i ladri comunque ve le scassinano. L'altro punto è pratico: non è vero che questi pirati riescono a fare proprio tutto quello che vogliono. Ad esempio a far girare codice non firmato sulla XBOX 360 ancora non ci sono riusciti (una piccola vittoria della security by obscurity: nessuno, tranne pochi adepti, sa come funziona e la maggior parte dell'handshaking avviene ormai dentro il processore). A violare lo streaming DRM di Silverlight non mi sembra che ci siano ancora riusciti: non che sia impossibile, ma che sia dannatamente difficile possiamo pure ammetterlo.

bisogna imparare a fornire agli utenti servizi che i pirati non possono offrire.

Ti assicuro che Netflix e Hulu sono ottimi servizi che i pirati non possono offrire (per ora).

Ed offrirli bene e a tutti.

E questo è il punto centrale. A me interessa poco che i contenuti di Netflix siano protetti da DRM. Se voglio possedere una copia "fisica" o quasi di un film lo compro su DVD o lo scarico via rete (che poi è la stessa cosa in quanto di solito le copie sulla rete originano in copie fisiche). Netflix mi pone una condizione che non ho nessun problema ad accettare e ti assicuro neanche filosoficamente nonostante ci abbia pensato a lungo. C'è però chi predica che tale condizione sia inaccettabile (opinabile!) e che il fatto che Netflix non sia disponibile su Linux Desktop (lo è su Android!?) sia una conseguenza dell'inacettabilità di questa condizione: questo è palesemente falso.

   
4. Paperino
venerdì 3 maggio 2013 alle 6:15 PM - chrome 26.0.1410.64 Windows 8
   

Per quanto riguarda Silverlight, be' è un progetto morto.

Sicuramente non ci saranno nuove feature, ma per ora ce ne sono quanto basta. Quindi bisogna stare attenti a definire "morto". Anche il DOS è morto, eppure ci sono tante applicazioni che girano meravigliosamente in una finestra terminale...

   
5. zakk
martedì 7 maggio 2013 alle 4:00 PM - safari 536.28.10 OS X 10.8.3
   

Ad esempio a far girare codice non firmato sulla XBOX 360 ancora non ci sono riusciti

Ecco questo, secondo me, è un esempio di DRM che non dovrebbe esistere. Sono d'accordissimo col fatto che i produttori di film tentino di impedire la copia illegale, è un loro diritto. D'altra parte credo sia un mio diritto essere in grado di far girare il codice che voglio sui device che compro. E per contrastare la pirateria dovrebbero inventarsi qualcos'altro, non vendermi un device __castrato__.

 

   
6. Paperino
martedì 7 maggio 2013 alle 6:14 PM - chrome 26.0.1410.64 Windows 8
   

Su questo saremo in perenne disaccordo. La XBOX 360 viene venduta come console, quello fa e pure bene...

   
7. Giuseppe
mercoledì 8 maggio 2013 alle 1:53 AM - IE 10.0 Windows 7
   

@Paperino

Sono d'accordissimo con te ma attenzione a non sfociare nel ridicolo quando la console non è più un *tuo* device ma solo un device concesso in "licenza" come lo è diventata la PS3 da un po' di tempo. In altre parole se te vuoi andare online accetti il fatto che online la PS3 non è tua ma è di Sony e Sony può fare più o meno quello che vuole. Capisco che è un modo per impedire che le PS3 con CFW si avvicinino al PSN ma metodi così drastici mi sembrano da gestapo.

Sono sempre stato un utente PlayStation ma da un po' di tempo a questa parte sto diventando filo-microsoft anche per le console.

   
8. Daniele
giovedì 9 maggio 2013 alle 9:51 AM - firefox 19.0 Windows 7
   

Jobs non azzeccato un bel niente... l'ha imposto, che è diverso.

   
9. Daniele
giovedì 9 maggio 2013 alle 9:52 AM - firefox 19.0 Windows 7
   

*non ha

   
10. Paperino
giovedì 9 maggio 2013 alle 8:57 PM - chrome 26.0.1410.64 Windows 8
   

Ma io ancora non ci vedo nessuna costrizione... 

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)