Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Archivio 2017:

Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

XenRecipes #5 - OpenIndiana PV su XCP 1.6

Sono riuscito finalmente a trovare una versione di pygrub/pvgrub che supporti il boot da ZFS. Ovviamente come spesso accade con progetti distribuiti solo come codice sorgente, ho dovuto smadonnare un bel po’ prima di ottenere dei binari funzionanti. Poi giacche’ c’ero, ci ho aggiunto un tocco personale rimuovendo un po’ di messaggi diagnostici sparati alla console.

PvGrub consente di risolvere il problema dell’uovo o della gallina dovuto al fatto che bisogna far partire un kernel da un file-system che solo il kernel può “interpretare”. PvGrub emula un mini-OS che fa il boot e lancia una versione di Grub in grado di interpretare i file-system tra i più disparati.

Ricetta:

  1. scaricare l’ISO di OpenIndiana in /var/opt/xen/iso (creare il folder se già non esiste).
    cd /var/opt/xen/iso && wget [openindiana.iso url]
  2. copiare alcuni il kernel ed il boot_archive in /guests (creare il folder in caso)
    mkdir /iso
    mount -o loop /var/opt/xen/iso/openindiana.iso /iso
    cp /iso/platform/i86xpv/kernel/amd64/unix /guests/unix
    cp /iso/platform/i86pc/amd64/boot_archive /guests/boot_archive
    umount /iso
  3. scaricare mini-os.quiet.gz in /guests
    cd /guests && wget [url pvgrub]
  4. creare la macchina virtuale via XenCenter e assegnare l’ISO ma non avviarla
  5. switchare la macchina virtuale in modalità PV con avvio da CD
    export UUID=[uuid della VM]
    xe vm-param-set uuid=$UUID PV-kernel=/guests/unix
    xe vm-param-set uuid=$UUID PV-ramdisk=/guests/boot_archive
    xe vm-param-set uuid=$UUID PV-args=
    '/platform/i86xpv/kernel/amd64/unix -B console=ttya'
    xe vm-param-set uuid=$UUID HVM-boot-policy=
    xe vm-param-set uuid=$UUID PV-bootloader=
  6. installare Solaris e fare shutdown
  7. switchare il loader a pv-grub
    xe vm-param-set uuid=$UUID PV-kernel=/guests/mini-os.gz
    xe vm-param-set uuid=$UUID PV-ramdisk=
    xe vm-param-set uuid=$UUID PV-args='(hd0,0,a)/boot/grub/menu.lst'
  8. riavviare Solaris, creare gli utenti, le share, ridurre il timeout in grub, ecc.

Questo tipo di setup non richiede ulteriore manutenzione, ovvero non bisogna copiare o forzare l’update del boot_archive o altro.

PV-grub e’ scaricabile qui oppure qui in versione “quiet”.

-quack

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (0):
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)