I didn’t use Microsoft machines when I was in my operational phase, because I couldn’t trust them. Not because I knew that there was a particular back door or anything like that, but because I couldn’t be sure
— Snowden said.

Ora immagino che si sia spulciato una ad una tutte le righe di codice della sua distro preferita. E che abbia compilato la sua distro preferita a mano per essere sicuro che i bit che installava erano quelli del codice che ha ispezionato. E che abbia verificato tutte le righe di codice del compilatore e l’abbia compilato a mano, prima di compilare il resto di tutto l’OS. E che magari abbia usato l’ASSEMBLER per farlo. E che abbia controllato tutto il codice del compilatore ASSEMBLER per farlo. E immagino pure che abbia scelto un’architettura safe, perché vatti a fidare di Intel. Roba risaputa sin dal 1984 (coincidenza? non credo!).

Quello che dice Snowden nel paragrafo citato è molto interessante: ad un certo punto bisogna tracciare una linea. Ma la posizione della linea è un concetto astratto e quella scelta è alquanto farlocca. Fossi nell’NSA comincerei ad inserire vulnerabilità nei compilatori usati da quelli che distribuiscono le distro. Un po’ come hanno fatto in maniera non altrettanto raffinata gli achari cinesi.

-quack

UPDATE: Apple a quanto pare è persino più paranoica e non si fida di Hardware Off-The-Shelf.