Torno su un argomento a me carissimo per annunciare urbis et orbis che ho finalmente trovato una soluzione elegante… o per lo meno che vi ci stia convergendo verso a passo decisamente sostenuto.

Il problema: fare un backup offsite di circa 300-400 GB di foto, video e altri file personali.

Soluzione 1: usare uno dei tanti servizi già pronti come ad esempio backblaze che offre per meri 5$ al mese storage infinito (che carini sono i “pod” da 67TB per 7867$). A parte l’antipatia di un costo mensile vs. un drive da qualche tera che dopo due anni è già bell’e ammortizzato, c’è il discorso del boot-strap: ci vorrebbero _MESI_ per avere il primo backup completo online e _SETTIMANE_ intere per scaricare il tutto in caso di disastro.

Soluzione 2: Backup p2p; Crashplan (il più interessante di tutti) non funziona oltre a richiedere un server centralizzato; Cucku è stato chiuso per problemi legati a Skype e ad una noia legale con BackupStream. Quest’ultimo, oltre ad avere la home page hackerata e inspirare bassissima fiducia, richiede l’uso di una porta aperta ben lungi da un “set e forget”.

Il mio backup ideale sarebbe uno scatolotto, più piccolo e meno costoso possibile, da essere portabile (per il bootstrap e il recovery), banale da installare (lo colleghi al router e va) ed affidabile, cioè basato su tecnologie molto stabili.

Da un po’ di tempo stavo giocando con l’idea di usare un server RSync su una macchina in ufficio per sperimentare, ma abbiamo un proxy/firewall che ha pochissima pietà che è in grado di filtrare anche i pacchetti UDP in uscita: se sto parlando arabo, l’idea è presentata in questa pagina nella sezione “ENTER UDP”.

Ad un certo punto mi è venuta voglia di scrivere un reverse tunnel di mio pugno, ma prima di accingermi a farlo ho cercato ovviamente in giro soluzioni già pronte. La mia ignoranza su Unix mi ha finora tenuto nascoste le pieghe di SSH. Poi son finito per caso su questa pagina e mi si è letteralmente aperta una porta sul mondo.

Oggi ho fatto il primo passo testando una connessione Remote-Desktop dal mondo esterno vs. il mio desktop di lavoro: non solo funziona, ma è simpatico l’effetto “Optical Feedback” mozzato che se ne ottiene.

Nella prossima puntata: un backup server da 30$ o poco più.

-quack