Campionario spam 2009 diviso in categorie e percentuali ad occhio.

Arrapati: Cial1s, v1agra & co. Un classico sempre-verde, circa il 50% dello spam. Scopo: vendere prodotti scadenti di origine probabilmente asiatica e con probabile riciclo di carta di credito.

Gamblers: una interessante novità del 2009; il mittente fa finta di avermi aggiunto per sbaglio ad un thread in cui spiega un sistema “vincente” per vincere ai Casino online e che si rivela essere una variante più aggressiva e pericolosa della martingala. Il sistema è presentato in parole semplici e con accluso link ad uno dei tanti mirabolanti siti per testarlo immediatamente. Circa 10% dello spam. Scopo: truffa e riciclo della carta di credito.

Rolex: circa 10%, anche questo un sempre verde.

Malware: clicca qui, clicca là, c’è una foto che non ti devi perdere, ecc. 29% del mio spam.

Craiglisters: classica truffa nigeriana, ho bisogno assolutamente del portatile/macchina fotografica/mulo/scimmia di mare che stai vendendo localmente su Craiglist. Purtroppo verrei di persona ma sono di Washington D.C. e sto in vacanza a Londra e devo fare un regalo a mio figlio/nipote/pronipote/amico delle elementari che vive (indovina un po’?) in Nigeria (*). Ti mando un paypal perché voglio che tu spedisca in fretta e per poi ritrattare dicendo che mi è stata rubata la carta di credito. Già dal primo contatto, quello in cui ti chiedono il prezzo “finale” dell’oggetto o se è ancora disponibile, sono riconoscibili per una ragione fondamentale: usano nomi banali del tipo “John Smith”, “Robert Williams” e “Joy Sweet” (bellissima questa!).

-quack

(*) Giuro, tutto vero.