Come ripromessomi, rieccomi qui a prendere nota di come tappare un buco di cui ero consapevole ma che finora ho ignorato visto i rischi relativamente bassi.

Poi è arrivato KeRanger. Gli “espertoni” dicono che non dobbiamo preoccuparci, tanto al massimo sono stati infettati 6500 Mac, e loro – solo per questione fortuita – non erano tra gli sfigati: che peccato!

In realtà dovremmo cominciare a farlo perché là fuori c’è qualcuno intenzionato a colpire la fascia di utenti smaliziata: è un po’ strano, perché colpire utonti di solito è economicamente molto più fattibile, ma è successo. Cioè: a scaricare Transmission dal sito di Transmission e lanciarlo sul Mac avrei potuto anche essere io. Il passo successivo, quello di controllare l’hash dei file per ogni applicazione da installare, è roba da Snowden.

Aspetti negativi: gli antivirus per questo tipo di attacchi basati sulla tempestività SONO INUTILI.

Come mitigare:

  1. installare ed usare qualcosa come QUBE OS, ma anche questo è roba da Snowden.
  2. backup: funziona solo se il backup supporta la history dei file, funzionalità abbastanza comune (lo fa CrashPlan e il backup server di Windows Home Server). Perché se il backup mantiene solo l’ultima copia, potrebbe essere quella già criptata

Un altro aspetto collegato è il fatto che ormai da sempre tutti i miei contenuti, documenti/multimedia/ecc., sono depositati su un server NAS centralizzato, e questi sono accessibili con le stesse credenziali che uso quotidianamente. Da questa riflessione sviluppatasi nel forum è venuto fuori che avere permessi di scrittura su un NAS usando le stesse credenziali è altrettanto pericoloso: un’applicazione malevola potrebbe cancellare tutte le mie foto, criptarle o distruggerle in qualsiasi altra maniera irreparabile. Per questo tipo di evenienza, che copre anche il guasto hardware degli hard-disk, c’è la copertura di CrashPlan online, ma dover scaricare TB di dati non è il massimo della convenienza.

Ieri sono arrivato alla conclusione che avere un unico set di credenziali con permessi di scrittura è nocivo, sbagliato e va risolto: prima meglio che poi. E ieri ho risolto: rimossi i permessi di scrittura a tutti gli utenti interattivi di casa, ovvero gli umani, e assegnati permessi di scrittura solo ad amministratori e bot protetti da password diverse. C’era solo un piccolo problema da superare: Windows non permette di usare due credenziali diverse quando si accede a due share diverse di uno stesso server.

In poche parole, non si può usare Topolino per accedere a \\SERVER\topolino ed usare Paperino per accedere a \\SERVER\paperino. Ora se solo fosse possibile avere due “nomi” per lo stesso “SERVER”, visto che le credenziali sono legate al nome del server, si sarebbe a cavallo.

Questo per fortuna è possibile in un paio di modi:

  • se sul server si usa SAMBA, intesa come l’implementazione Linux/Unix del protocollo SMB, allora è semplicissimo. Basta aggiungere una riga in cima al file di configurazione (smb.conf). Esempio:
    netbios aliases = SERVER TOPOLINO PAPERINO
    Una volta riavviato il servizio nmbd, si può raggiungere il server usando uno qualsiasi dei nomi indicati. Per Windows sembreranno server diversi, quanto basta per assicurarsi la possibilità di usare appunto credenziali diverse.
  • se si tratta di un server Windows o altra roba e se il server Windows ha un indirizzo IP statico, allora basta aggiungere la coppia “indirizzo_IP aliasserver” al file in \WINDOWS\SYSTEM32\etc\drivers\hosts e risolvere la questione (sfortunatamente sul lato client)
  • in ogni altro caso, il consiglio è di passare ad Ubuntu Server 16.04: supporta ZFS nativamente e a tanta bell’altra roba (dieci anni fa, altri tempi)

A questo punto si tratta solo di creare le share con diversi permessi ed il gioco è fatto.

Data la centralizzazione del controllo, il primo metodo è preferibile al secondo, ma in ogni caso dal punto di vista operazionale sono identici.

Alla fine della giornata, se anche facessi girare il malware usando le mie credenziali, il danno sarebbe comunque limitato alla macchina su cui gira. Se anche questa è regolarmente backuppata possiamo veramente “smettere di preoccuparci”.

-quack