Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

A volte ritornano

A più di due anni dall’uscita di Vista gli articoli sul fantomatico DRM di Vista hanno cominciato a diventare molto rari: persino Batman ha saggiamente deciso di dedicarsi ad altro anche se il tono dei suoi post mira sempre a dipingere Windows come il male assoluto.

Almeno questo era quello che pensavo fino a ieri sera, quando su Slashdot è comparso questo post letteralmente vomitevole che segna il ritorno in scena delle cornacchie del DRM: Draconian DRM Revealed in Windows 7

Neanche Adrian Kingsley-Hughes, sempre piuttosto critico verso Vista, ha retto l’impatto e l’ha bollato come Worst. Windows 7. Piece. EVER!

La perla più gustosa è che l’autore dice di avere una copia legittima di Photoshop CS4 ma che infastidito dalla schermata di registrazione ha scaricato una losca DLL via Internet e ha scoperto che su Windows 7 la “modifica” non funziona scompigliando un po’ di ACL su alcune directory; la mia diagnosi: il pir*a ha scaricato un bel trojan ma secondo lui la colpa è di un fantomatico e “Draconiano” DRM.cornacchia

Non mi sorprende che in giro ci sia gente fondamentalmente ignorante e semi-analfabeta(*): ma che Slashdot pubblichi senza riscontro qualsiasi cosa parli male di Windows è davvero sorprendente.

-quack

(*) semi-analfabeta: persona che non sa leggere ma che muore dal desiderio impellente di scrivere.

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (170): [ Pagina 1 di 6  - più vecchi ]
141. Gabriele
mercoledì 25 febbraio 2009 alle 2:07 AM - firefox 3.0.6 Ubuntu 8.10
   

Non è arroganza. Il tutorial funziona solo se hai già un sistema Windows (infatti ci vuole NTFS) cosa che io davo per scontato

Potrei avere NTFS anche sotto Linux in realtà. Ok sarebbe masochistico ma posso. Mi spiace, non ho nessun Windows.

In realtà poi supportare qualcosa non è mai gratuito

E chi ha detto che uno debba supportare! Ma accorgersi se c'è già un boot loader e fare la cortesia di spostarlo senza danneggiarlo non è poi così difficile. Se poi si riesce a fare una piccola voce nel proprio menù da cui lanciare quello vecchio sarebbe il massimo. GRUB lo fa da 10 anni. Anche se chi lo usa è in grado di rimettere quello di Windows. Comunque lo capisco, effettivamente è una questione di soldi. Peccato. Allora diciamo non è arroganza ma un pizzico di cialtroneria

Se può rassicurarti appena posso installo Win7 sul portatile di casa in una VHD

Lol, ma se usi una virtualizzazione che gira solo su Windows... capisco un certo patriottismo, ma ci vorrebbe qualcosa di multipiattaforma... lo so sono incontentabile XD. A me comprare a scatola chiusa non è mai piaciuto...

   
142. paperino
mercoledì 25 febbraio 2009 alle 2:27 AM - chrome 1.0.154.48 Windows 7
   

cialtroneria = scegliere di spendere i soldi per supportare il 99% dell'utenza PC che è quella che ti paga in primis? Al 99% dell'utenza Windows il dual-boot non interessa neanche Win/Win, figuriamoci quello Win/Altro. Il restante 1% è abbastanza accorto per scriversi il proprio GRUB. Se evitare di buttare i soldi dalla finestra vuol dire essere cialtroni, sono fiero di essere cialtrone anche io.

Lol, ma se usi una virtualizzazione che gira solo su Windows...

Qui ti stai sbagliando. Non ho parlato di virtualizzazione, anche se ho detto VHD. Ho detto che Win7 può fare il boot da un file VHD che è diverso da girare virtualizzato; molto simile a WUBI per intenderci. Se hai spazio per piazzare un VHD su NTFS ed hai voglia di giocherellare con il boot loader allora il tutorial fa per te; altrimenti ci sono metodi più tradizionali.

   
143. rocco
giovedì 26 febbraio 2009 alle 12:24 AM - IE 7.0 Windows Vista
   

Paperino, ma sai dire solo di moderare i termini?

Ok, faccio io:

@Overture: sei un *******

   
144. Paperino
giovedì 26 febbraio 2009 alle 1:25 AM - IE 8.0 Windows 7
   

Famo i bravi, sù....

   
145. 0verture
giovedì 26 febbraio 2009 alle 2:50 AM - firefox 3.0.6 Windows XP
   

Paperino, se gli asterischi li hai messi te, ti prego rimetti quello che c'era prima. Certi atteggiamenti fanatici vanno lasciati in bella mostra a memoria per i posteri. Tranquillo che il blog non perde di smalto per l'uscita di un poveraccio che non sa contenersi e conversare civilmente.

   
146. Enrico FOLBlog
giovedì 26 febbraio 2009 alle 9:02 AM - firefox 3.1 Windows Vista
   

@rocco

Ehm...sbaglio o eri tu ad avermi definito un troll?

   
147. rocco
venerdì 27 febbraio 2009 alle 10:57 AM - firefox 3.0.6 Windows XP
   

Tranquillo che il blog non perde di smalto per l'uscita di un poveraccio che non sa contenersi e conversare civilmente.

Ohhh, finalmente un pò di sana autocritica.

   
148. 0verture
venerdì 27 febbraio 2009 alle 11:04 AM - firefox 3.0.6 Windows XP
   

Rocco, guardarti allo specchio prima di aprire il forno, non ti passa proprio per la testa vero ? Lo sai che stai facendo fare una figura di autentica merda alla comunità alla quale dici di appartenere ?

   
149. FDG
venerdì 27 febbraio 2009 alle 6:19 PM - firefox 3.0.6 OS X 10
   

@Paperino

perché allora si tende a demonizzare la Microsoft sempre e comunque

Ma chi demonizza sempre e comunque? Stiamo parlando delle stesse persone? Di che stiamo parlando? Prima mettiamo i puntini sulle "i" e poi ne parliamo.

Questa affermazione poi mi fa sorridere:

Inserita nel contesto giusto, si capisce che non parla di aziende della dimensione di Microsoft ma più semplicemente dell'esperienza personale e di quella che possono vivere la maggior parte degli sviluppatori, quelli non così fortunati da lavorare a Redmont.

@0verture

Non hai detto nulla e le tue farneticazioni non mi interessano. Quando avrai argomenti da esporre ti starò a sentire.

   
150. FDG
venerdì 27 febbraio 2009 alle 6:34 PM - safari 528.16 OS X 10.5.6
   

In molti settori, il software Open Source è diventato (da decenni, non da mesi o da anni), una specie di "risorsa naturale", un ecosistema a cui si può fare riferimento quando si deve costruire qualcosa

Per far capire quanto siano cazzate queste cose, voglio citare un caso pratico: devo costruire un client user-friendly da cui importare wsdl e chiamare web services. Il client potrebbe essere usato come web app col browser (senza installazione) che come applicazione. Potenziale uso: controllo qualità. Altri usi sono ben voluti e si accettano suggerimenti in proposito. Non voglio certamente tenermi tutto per me. Unico capitale a mia disposizione: il mio tempo e quello di coloro che vogliono aiutarmi. Perché? Perché serve a me, ad altri, nella mia azienda, fuori dalla mia azienda...

Strumenti per portare a termine lo sviluppo: una piattaforma (Java/OpenJDK), un ambiente di sviluppo (Eclipse), altri strumenti di sviluppo (subversion, ant, maven, findbugs...) un container (JBossAS) che userò in versione embedded, alcune librerie (jakarta commons, groovy-*, javaassist, jaxb, jaxws, jboss-*, jbossws-*, log4j, smooks, xerces...), un framework per lo sviluppo di interfacce web (GWT), il runtime di un browser (WebKit o Mozilla) e altro che non ricordo.

Ma quanto è popolato questo ecosistema!

Questo per rispondere all'uomo delle cazzate con materia solida. A lui lasciamo l'aria.

   
151. 0verture
venerdì 27 febbraio 2009 alle 7:23 PM - firefox 3.0.6 Windows XP
   

Non hai detto nulla e le tue farneticazioni non mi interessano. Quando avrai argomenti da esporre ti starò a sentire.

 

Vuoi gli argomenti anzi perle di verità ? Eccoti servito ! Se non avessi internet e se a suo tempo (10 e più anni fa) non avessi avuto il vizio di comprarmi riviste di informatica, linux non avrei mai neppure saputo che esisteva !!! Questo ieri come oggi, un decennio dopo.

Grande Successo... o Glande Successo come dicono i cinesi ?

Nel corso degli anni ho avuto a che fare con fior di persone che tanto si vantavano dei soldi che facevano con linux: linux qua, fai i soldi là. assistenze, blablabla, oggi 300 domani 500 euro al giorno (dove tra l'altro ho visto uno di questi geni "lavorare" e mi è venuto il voltastomaco visto che il 75% del tempo lo perdeva a fare il cat di file inutili ma almeno così lo "schermo si muoveva" e nessuno alle sue spalle osava disturbare il grande lavoratore, il genio solitario. Se veramente si diventava "così ricchi" se veramente con linux c'è sempre stato tutto questo lavoro, tra l'altro disposto a pagare così bene che chi passa le giornate a sverminare windows per 30 euro a botta a confronto è un morto di fame, come mai queste notevolissime realtà commerciali, invece di crescere anno dopo anno, misteriosamente e miserevolmente chiudevano, dichiaravano fallimento ?

Riporto ancora una volta l'esperienza di quel mio amico che dovrebbe vendere pc con linux. A suo tempo, abbiamo studiato insieme il volantino da appendere in vetrina e sopra vengono riportati tutti i benefici pratici della cosa perchè la gente gli frega che il sistema non si becchi virus non che stallman accenda un cero eppure nisba: computer con linux venduti ZERO a fronte di un giro di almeno 50/70 persone per almeno 4 giorni e mezzo a settimana, quasi 3 mesi....

Forse il volantino avrebbe dovuto riportare meno verità e tante cazzate filosofiche ? Forse il progetto di fondo prevede l'infinocchiamento del cliente ?

Poi te potrai anche essere contento perchè hai trovato qualche compagno di merende con i quali sviluppare un programma a tempo perso ma non puoi escludere quanto riportato e non puoi neanche esporre dei risultati particolarmente favorevoli.

   
152. Paperino
venerdì 27 febbraio 2009 alle 7:29 PM - firefox 3.0.6 Windows Vista
   

@FDG:

Ma chi demonizza sempre e comunque? Stiamo parlando delle stesse persone? Di che stiamo parlando? Prima mettiamo i puntini sulle "i" e poi ne parliamo.

Avevi postato il link di Alessandro Bottoni, mi sembra che in molte delle sue uscite ci sia tanta demonizzazione (tranne quando parla di Singularity/Midori). Mi raccontavano che ad un Linux Day era quasi impossibile assistere ad un discorso che non intervallasse la parola Microsoft ogni due minuti. Aggiungo che alcuni blogger autorevoli che si dedicano all'open source scrivono 4 post su 5 parlando di Microsoft in luce sempre negativa. Se il mondo open source fosse davvero ortogonale rispetto a quello pacchettizzato questo non succederebbe. Dove sbaglio?

Inserita nel contesto giusto,

Il mio non era un sorriso di derisione ma derivato dall'ironia della discussione.

   
153. 0verture
venerdì 27 febbraio 2009 alle 8:01 PM - firefox 3.0.6 Windows XP
   

alcuni blogger autorevoli

Ma dove ?

Lo hai letto il profilo di questo "autorevolissimo blogger" ?

Professione: Programmatore, Amministratore di sistema, Consulente, Formatore e Technical Writer.

Che tradotto in italiano pratico significa: "di tutto un po'" come si leggono fior di curriculum di gente senza arte ne parte.

Sono l’ex referente Ferrarese di UAAR, l’Unione degli Atei ed Agnostici Razionalisti ( http://www.uaar.it/ )

Per la serie "lavoro così tanto che non mi rimane tempo libero"

Orientamento digitale: Convinto sostenitore dell’Open Source, per ragioni politiche e tecniche.

Alla faccia del programmatore che dire di essere... Un programmatore per logica dovrebbe mettere la questione tecnica davanti a tutto, questo invece ha trovato di meglio...

 

Sinceramente avrei preferito leggere qualcosa del tipo "grazie all'open source, ho aperto una grande realtà imprenditoriale, azienda blablabla, impresa xxx ecc." invece il suo massimo è fare il predicatore pro linux alla festa di paese...

   
154. Paperino
venerdì 27 febbraio 2009 alle 8:48 PM - firefox 3.0.6 Windows Vista
   

@0verture:

non ne faccio mai una questione personale ma se quasi tutte le persone che scrivono di Open Source su P.I., CNet, ZDNet, Ars Technica(*) manifestano un trend che è quello della demonizzazione da cui è partita l'idea del post e la mia domanda ad FDG, io traggo le mie conclusioni. Che poi sugli stessi siti scrivano anche dei veri e propri talebani sia di un campo che dell'altro è anche irrilevante.

Ad esempio sulle stesse pagine di P.I. c'è stato un botta e risposta tra Alessandro e Feliciano e devo dire che la posizione di Alessandro mi è sembrata oggettivamente inconcludente. Da tecnico però gode di alcuni punti bonus di stima in più.

(*) nomi estatti a caso dalla mia memoria SF-RAM a medio termine.

   
155. 0verture
venerdì 27 febbraio 2009 alle 9:07 PM - firefox 3.0.6 Windows XP
   

Da tecnico però gode di alcuni punti bonus di stima in più.

Sinceramente non riesco a vederli. Come ho già riportato prima, se leggo la parola programmatore mi scatta una lucetta dove mi chiedo su cosa ha programmato, per quanti anni, con quali risultati ed eventualmente (visto che si riempie tanto la bocca di open source) su quali progetti. Non leggo niente di tutto questo... A quel punto, una banfa per l'altra, poteva scrivere che ha lavorato per i militari e che deve rispettare degli accordi di segretezza.

Stesso discorso per "l'amministratore di sistema", dove, quando, con cosa, quante postazioni (rete domestica con 3 pc ed un portatile in bluetooth, impresucola con 20 client o la fiat con centinaia di sistemi sparsi in tutta Italia più un vasto numero di vpn con le varie aziende dell'indotto ?)

"Consulente" cioè piazzista ? Da come ce l'ha a morte con microsoft l'impressione è proprio quella di un furbetto che cerca di arrampicarsi sugli specchi pur di vendere la propria "soluzione"

Formatore: anch'io ho dato lezioni a qualcuno su come si usa windows ma non è che vado in giro a definirmi "formatore" però forse il primo passo per guadagnare "autorevolezza" è proprio quello di autocertificarsi come tali quindi dalla prossima volta mi farò chiamare "magister"

Technical Writer: idem con patate, qui tocchiamo proprio le vette della comicità, sulla rete è pieno di gente che scrive guide su come fare tante cose e documentazioni discretamente tecniche ma non hanno la faccia tosta di scrivere nel curriculum un termine tanto pomposo.

   
156. rocco
sabato 28 febbraio 2009 alle 12:34 AM - IE 7.0 Windows Vista
   

Lo sai che stai facendo fare una figura di autentica merda alla comunità alla quale dici di appartenere ?

...solo per aver dato del ****** ad un pirla? In effetti la comunità mi ha fatto sapere che si dissocia...

( paperino, stavolta mi censuro da solo, va bene così? )

Visto che ci siamo, sapientone, qual'è il numero di macchine amministrate superato il quale conferisci il titolo di sistemista? Secondo quali parametri? Dove li hai scritti questi parametri, al bagno? Qui nella "comunità" pendiamo tutti dalle tue labbra. Illuminaci

   
157. 0verture
sabato 28 febbraio 2009 alle 2:23 AM - firefox 3.0.6 Windows XP
   

...solo per aver dato del ****** ad un pirla? In effetti la comunità mi ha fatto sapere che si dissocia...

Continua, bravo, sei un genio. Se non te ne sei accorto, qua a differenza dalla topaia dalla quale sei uscito, si cercano ancora di trovare delle motivazioni che abbiano un minimo di concretezza sul perchè la tua comunità si comporta in certi modi ma a vedere il tuo comportamento, mi sa che dovremmo abbassarci al vostro livello e darvi a tutti dei c....., ma purtroppo per poi, non ci abbassiamo a quel livello.

Visto che ci siamo, sapientone, qual'è il numero di macchine amministrate superato il quale conferisci il titolo di sistemista? Secondo quali parametri? Dove li hai scritti questi parametri, al bagno? Qui nella "comunità" pendiamo tutti dalle tue labbra. Illuminaci

I numeri li deve fare chi ha l'ardire di fregiarsi di certi titoli ma evidentemente te fai parte di quella categoria di elementi dannosi che rovinano il mercato, spacciandosi per quello che non sono perchè nella loro vita sono riusciti a condividere una stampante tra due pc, coloro che si spacciano per programmatori perchè sono riusciti a scrivere con le loro forze hello world in basic (il passaggio al C implica l'aggiunta della dicitura "esperto" al programmatore di prima).

Te e quelli della tua risma non volete che si possano stabilire dei numeri perchè finireste immediatamente senza lavoro, non rientrando neppure di striscio all'interno della fascia minima in questione.

Adesso da bravo, segui l'esempio di quel guru di bottoni e apri il tuo blog che più che farti seguire e apprezzare da gente del tuo stesso basso livello non puoi fare altro.

   
158. FDG
sabato 28 febbraio 2009 alle 11:03 AM - safari 528.16 OS X 10.5.6
   

@Overture

mi è venuto il voltastomaco visto che il 75% del tempo lo perdeva a fare il cat di file inutili ma almeno così lo "schermo si muoveva" e nessuno alle sue spalle osava disturbare il grande lavoratore, il genio solitario

Questo è il genere di persone che si spacciano per quello che non sono e naturalmente seguono le mode. Prima cliccavano a destra e sinistra per perder tempo (quelli per cui venivano usati termini come amministratori punta e clicca, tanto per capirci), adesso scrivono cat. Ma che c'entrano con l'Open Source? Sono un invariante del problema. I venditori di fumo c'erano prima, ci sono ora e ci saranno domani, purtroppo.

Insomma, hai preso fischi per fiaschi. Stai parlando di problemi differenti.

Poi te potrai anche essere contento perchè hai trovato qualche compagno di merende con i quali sviluppare un programma a tempo perso...

Non si tratta di sviluppo a tempo perso, visto che poi deve essere usato in produzione. Per capirci, mi pagano per fare questo. Siamo noi che abbiamo scelto per soddisfare le esigenze dei nostri clienti la strategia della condivisione (non ho la responsabilità di queste decisioni, per quanto contribuisca a prenderle e non sarei in questo posto se non le condividessi affatto) perché a nostro avviso è la più conveniente: condividi i rischi, i costi, il problema è analizzato da più punti di vista e alla fine hai un prodotto che sicuramente è meglio di quello che avresti realizzato da solo (chiaramente non si parla del prodotto nel complesso, che è tagliato su misura al cliente, ma dei singoli componenti). E in più contribuisci a popolare l'ecosistema del software Open. Alla lunga questo ecosistema diventa un ricco patrimonio comune a cui tutti possono attingere.

A me queste sembrano verità lapalissiane e non riesco a comprendere quale sorta di chiusura mentale non le faccia comprendere.

Nota: io ho postato il link all'articolo di Bottoni solo perché avendolo letto e avendo rilevato che quanto dice coincide con la mia esperienza, non potevo non condividerlo. Se Bottoni fa il tecnico a tempo perso, per me è un fatto marginale. Le stesse cose le avrei potute scrivere io che mi occupo d'informatica al 100%.

   
159. 0verture
sabato 28 febbraio 2009 alle 3:03 PM - firefox 3.0.6 Windows XP
   

Questo è il genere di persone che si spacciano per quello che non sono e naturalmente seguono le mode. Prima cliccavano a destra e sinistra per perder tempo (quelli per cui venivano usati termini come amministratori punta e clicca, tanto per capirci), adesso scrivono cat. Ma che c'entrano con l'Open Source?

C'entrano perchè per guadagnare clienti (polli) si riempiono la bocca di paroloni e concetti che sulla carta sono tanto simpatici, quanto diventano antipaci per il modo con il quale vengono applicati.

Io ed Enrico, abbiamo già fatto diversi esempi in merito di prdootti "open source" e "free" che dietro l'etichetta della diffusione della cultura e l'accesso al codice fregano la gente creando artificiose difficoltà che alla fine potranno essere risolte solo (guarda caso) da un tecnico che in quel momento è tutto meno che per la diffusione della cultura.

Per quanto possa capire che le tasse vanno pagate puntuali, questo modo di fare lo chiamo truffa !

Stai parlando di problemi differenti.

Io sto parlando di problemi concreti che quando vengono identificati dalla gente, chiudono la faccenda lapidariamente con un "open surcc mai più", "linux merda" (indicando con linux tutto il pianeta open).

La gente intelligente si frega una volta soltanto, ma anche con quella stupida/ignorante non ci si può permettere di calcare la mano come ho visto e vedo spesso fare in questo mondo.

Non si tratta di sviluppo a tempo perso, visto che poi deve essere usato in produzione. Per capirci, mi pagano per fare questo. Siamo noi che abbiamo scelto per soddisfare le esigenze dei nostri clienti la strategia della condivisione

Ma da dove credi che arrivano i soldi con i quali ti pagano ? Per adesso arrivano da questi fantomatici clienti "diretti" (quelli che hanno ordinato il progetto) ma un giorno che il progetto nei loro confronti sarà chiuso e sarà "open" a tutti, te vorrai ancora essere pagato, sei un dipendente assunto e vorrai il tuo stipendio. Da dove pensi arriveranno i soldi ?

Sarà esattamente come per la maggior parte dei progetti open: il programma si potrà scaricare e usare liberamente e l'azienda dove lavori offrirà assistenza.

Cosa succederà a quel punto ? Che se il programma si rivelerà troppo semplice da gestire NESSUNO alzerà la cornetta, nessuno chiamerà per avere assistenza e l'azienda non prenderà soldi dei quali una parte andrà a te.

Idem con patate per le personalizzazioni: se il programma si dimostrerà troppo potente o troppo semplice da modificare, di nuovo non sarà la tua azienda a prendere la commessa e di nuovo niente soldi.

Quel giorno il management prenderà una severa decisione e dimostrerà quanto ha capito dello spirito dell'open source e soprattutto di quello open trap: ordinerà a te ed ai tuoi colleghi di incasinare le cose, di rendere il tutto estremamente ingestibile ma fascinosamente potentissimo così che la gente che lo vorrà utilizzare sarà obbligata a chiedere aiuto.

Quel giorno come per la piattaforma di e-learning di Enrico, aprirete dei forum dove guarda caso gli unici topic che risponderete saranno quelli estremamente banali, mentre per gli altri ci sarà il servizio extra (o in alternativa vi adatterete alla cosa chiudendo quelli buoni e lasciando quelli inutili).

Non sarai d'accordo ? Dirai no, perchè ti sembrerà di tradire qualcuno o qualcosa in cui credi ? Fa pure, ma alla fine del mese la vorrai la busta paga o opterai per metterti a vendere magliette con il logo del programma (che fantastico business quello, non ho mai visto un cane avere il coraggio di andare in giro neppure con la maglietta di ubuntu) ?

A me queste sembrano verità lapalissiane e non riesco a comprendere quale sorta di chiusura mentale non le faccia comprendere.

Quando ci passerai sul serio capirai quello che ho scritto. Non sei il primo e non sarai l'ultimo a bruciarti con questa storiella.

Nota: io ho postato il link all'articolo di Bottoni solo perché avendolo letto e avendo rilevato che quanto dice coincide con la mia esperienza, non potevo non condividerlo.

Stesso discorso per me rispetto a Enrico ed il Papero eppure ti posso assicurare che non passo le mie giornate a cercare blog di gente che la pensa come me, qui sono capitato per caso e guarda caso ho trovato gente che la pensa esattamente come me, sarà un caso...

   
160. rocco
domenica 1 marzo 2009 alle 1:09 AM - IE 7.0 Windows Vista
   

Overture, parlando seriamente, non è che ti sei fumato il comodino? Guarda che fa male...

   
161. FDG
lunedì 2 marzo 2009 alle 3:22 PM - safari 528.16 OS X 10.5.6
   

@Overture

C'entrano perchè per guadagnare clienti (polli) si riempiono la bocca di paroloni e concetti che sulla carta sono tanto simpatici, quanto diventano antipaci per il modo con il quale vengono applicati.

Certo, solo che ti sfugge il concetto che i paroloni sono *, dove * lo puoi sostituire con la moda del momento. Quindi, prima Windows, NT, bla bla bla, ora Linux, lamp. Ma i cazzari esistono, sono sempre esistiti ed esisteranno.

arrivano da questi fantomatici clienti "diretti" (quelli che hanno ordinato il progetto) ma un giorno che il progetto nei loro confronti sarà chiuso e sarà "open" a tutti...
Allora, tu non hai capito un cazzo del problema. Mi dispiace, ma se così fuori da questo mondo per poter capire di che si sta parlando.NOI GUADAGNAMO DALLO SVILUPPO. IL NOSTRO SVILUPPO È CUSTOM. PER FARE QUESTO SVILUPPO NON CI REINVENTIAMO LA RUOTA OGNI VOLTA. SE REALIZZIAMO UNO STRUMENTO AD HOC, UN COMPONENTE, UNA LIBRERIA, UN FRAMEWORK, UNO STRUMENTO, UNA APPLICAZIONE DI SUPPORTO, QUALSIASI COSA SIA UTILE A SODDISFARE LE ESIGENZE DI UN CLIENTE, QUESTO LO FACCIAMO SE POSSIBILE OPEN PERCHÈ NOI NON POTREMMO FARLO COMPLETO. IL COSTO SAREBBE ECCESSIVO PER QUELLO CHE SERVE A NOI E COMUNQUE NON POSSIAMO INVESTIRCI PERCHÈ NON FACCIAMO SCATOLETTE. È CHIARO?Usiamo la metafora sperando che tu sia in grado di capire.Costruiamo una macchina a partire dai pezzi più semplici: alcune parti sono fuse apposta per questa macchina. Altre parti, bulloni, viti, travi e così via, sono generiche. Quelle parti generiche o le acquistiamo da un venditore di parti generiche o ci consorziamo con altri per farcele secondo esigenze che in prima istanza sono particolari (non troppo) ma che alla lunga diventano comuni.Adesso ti prego, spegni la bocca e accendi il cervello. Perché altrimenti mi dovrò chiedere se ci sei o ci fai.@roccoÈ tonto forte. Non vuole capire... o fa finta di non capire.

   
162. FDG
lunedì 2 marzo 2009 alle 3:23 PM - safari 528.16 OS X 10.5.6
   

Pazienza, lo stile è andato a puttane. Spero si capisca.

   
163. il nonno
lunedì 2 marzo 2009 alle 3:35 PM - IE 8.0 Windows Vista
   

Il modello di sviluppo Open e' solo "un modello", non "il modello".

In certi casi sicuramente e' vantaggioso (poi bisogna vedere per chi e per quanto tempo), ma pensare che sia l'unico modello vantaggioso e' insostenibile.

   
164. FDG
lunedì 2 marzo 2009 alle 3:37 PM - firefox 3.0.6 OS X 10
   

Una conseguenza del nostro modo di sviluppare è che ogni sottoprodotto riciclabile diventa parte del "toolchest". E questo toolchest diventa col tempo sempre più esteso. Il risultato è che alla fine quando facciamo qualcosa di nuovo possiamo attingere al toolchest, questa scatola del lego con tanti pezzi, per recuperare soluzioni. Il fatto che siano open permette ai diversi mattoncini di crescere con un investimento ridotto da parte della nostra azienda. Certo, questo dipende dall'interesse che ogni singolo mattoncino suscita. Se è un mattoncino molto particolare, probabilmente non crescerà. Un mattoncino generico al contrario ha più possibilità di crescere.

Esempio pratico: GWT ha un catalogo di widget abbastanza risicato. Io ho sviluppato un widget che consente la creazione di tabelle gerarchiche con più livelli di nidificazione, colonne riordinabili e supporto per strutture dati di diversi tipi. A me serve per un lavoro interno. Questo widget è già entrato a far parte della libreria di widget di Wise, uno dei progetti che seguiamo. Perché? Perché io ho fatto un certo lavoro e so che non basta. Il widget ha dei problemi e vorrei poterli correggere. Per il lavoro interno va bene così com'è. Ma se volessi poterlo usare in altri contesti potrei scontrarmi con i suoi limiti. In più ho altre idee che vorrei condividere con altri sviluppatori. Anzi, forse più che mettere il widget in un progetto come Wise, sarebbe meglio spostarlo in un progetto più ampio, come potrebbe essere ad esempio gwt mosaic. Oppure, apro un progetto ad-hoc per questi ed altri widget. Devo ancora valutare i pro e i contro delle diverse scelte e quindi decidere cosa fare.

Perché faccio questo? Perché uno dei limiti che ha purtroppo GWT, un framework su cui stiamo investendo, è che mancano componenti d'interfaccia. Quindi dare del codice vuol dire arricchire la piattaforma. Tenercelo stretto non vuol dire un cazzo. Vuol dire tenersi del codice chiuso, limitato. Una cosa di cui non ce ne faremmo un tubo. Non è che il nostro lavoro è vendere widget GWT in scatola. Noi li usiamo! Però se siamo costretti a farcene uno e questo sembra essere un widget generico, che può essere utile in altri contesti, meglio pubblicare il codice!

È un discorso ragionevole o no?

   
165. FDG
lunedì 2 marzo 2009 alle 3:38 PM - firefox 3.0.6 OS X 10
   

@il nonno

Il modello di sviluppo Open e' solo "un modello", non "il modello".

Guarda, sono daccordo. Per quanto io ne sia un sostenitore, non mi aspetto che questo modello sia universale.

Ciao

   
166. Paperino
lunedì 2 marzo 2009 alle 6:18 PM - firefox 3.0.6 Windows Vista
   

Guarda, sono daccordo. Per quanto io ne sia un sostenitore, non mi aspetto che questo modello sia universale.

Superdaccordo. Il problema è quando i due modelli (pacchettizzato/OpenSource) avrebbe senso miscellarli. MS ci sta provando, vedasi inclusione di jQuery in VS ma come al solito l'operazione è stata accolta con eloquente dietrologia. Mah.

   
167. FDG
lunedì 2 marzo 2009 alle 6:33 PM - safari 528.16 OS X 10.5.6
   

@Paperino

Capisco perfettamente. Alla fine contano i comportamenti, non i soggetti coinvolti.

   
168. 0verture
lunedì 2 marzo 2009 alle 8:11 PM - firefox 3.0.6 Windows XP
   

Allora, tu non hai capito un cazzo del problema.

Invece io ho capito molto più là, sei te quello che non ha capito una benemerita sega della questione.

Ti riassumerò tutto in una domanda molto semplice a prova di imbecille (vero o presunto): TE SEI DAVVERO CONVINTO CHE AVRAI SEMPRE LA FILA DI GENTE FUORI DALLA PORTA CHE TI CHIEDERA' DI SVILUPPARE QUALCOSA ?

C'è già passata molta gente da quella strada. Tutti erano convinti che le vacche magre non ci sarebbero mai state, che non avrebbe potuto che andare bene e migliorare sempre di più, invece fior fiore di compagnie totalmente basate sul modello open hanno fatto kaput, gente capace che aveva cominciato con l'idea di aprire qualcosa in proprio in maniera totalmente open ha finito per spedire i curriculum a grandi multinazionali eventualmente col sedere a terra (vedi sun che ha assunto diversa gente impegnata in debian) e che del mondo open prendevano solo quello che gli faceva più comodo (apple).

Piccola domanda in appendice alla prima: se veramente c'era e c'è tutto questo eldorado, come si spiegano tutte le cose che io e molti altri abbiamo visto in tutti questi anni ? I vari open trap ? Erano tutti figli di mignotta e cazzari ? Puoi mettere la mano sul fuoco che nessuno di questi a suo tempo non ci ha provato in maniera un tantino diversa e meno "truffaldina" ?

Io non pretendo di capire tutto ma mi limito a tirare una somma dei fatti (dopo 10 anni che assisto a certi disastri penso di potermi permettere di farlo, altro che "sono troppo fuori") e se i "tuoi" fatti sono tanto diversi dai miei mi sa che a non capire un cazzo c'è qualcun altro...

   
169. rocco
martedì 3 marzo 2009 alle 12:08 AM - IE 7.0 Windows Vista
   

@FDG: niente, non c'è speranza.

Non è tonto forte perchè non vuole capire, è che non ci arriva proprio. Ergo, che lo si tratti un pò meglio: ha bisogno di aiuto. Tanto aiuto.

In qualche altro post scritto-non-ricordo-dove raccontava la sua incapacità a far girare debian testuale (sua definizione) niente-popo-di-meno-che su un p133 con 128 Mb ram. Non gli ho chiesto se magari aveva premuto "on" proprio perchè da quel post ho capito che ha dei seri problemi. Quindi, ti prego, calma e dolcezza...

   
170. FDG
mercoledì 4 marzo 2009 alle 10:29 AM - safari 528.16 OS X 10.5.6
   

@rocco

Che ti devo dire, ogni tanto qualche testa di legno capita.

   
[ Pagina 1 di 6  - più vecchi ]
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)