Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Accaduecentosessantaquattro

Non me la bevo, questa dei “puristi” è pura ipocrisia ed adesso spiego anche perché.

Ricapitolando: Google ha deciso di rimuovere il “supporto” ad H.264 dal loro browser, e già qui ci vorrebbe un “e stipazzi” generale e garantito. Tra i tanti motivi addotti, quello più ipocrita è di volere un browser “puro”, senza contaminazioni commerciali.

Peccato che poi supportino Flash e peggio ancora l’audio MP3, che ha vincoli di licenza estremamente simili a quelli di H.264. Ipocrisia? Forse?

Ma Tarzan lo fa: secondo argomento, visto che Firefox che ha quote sostanziali di mercato e FF non intende supportare l’H.264, ogni sforzo è inutile. E quindi?

Versione pragmatica del problema: ipocrisia a parte, visto il supporto MP3, si potrebbe fare esattamente quello che avviene per l’equivalente audio, ovvero utilizzare direttamente i codec di sistema. Certo una parte di codice diventerebbe platform dependent ma si ricaverebbe il fatto di dover mantenere molto meno codice in partenza. Oltre al fatto che, per quanto si vuole essere “puristi”, al Sistema Operativo ci si deve pur affidare: vuoi per creare/distruggere thread, vuoi per leggere/scrivere file. Allora a voler essere coerenti Mozilla/Google/Opera, prima di far cantare il gallo, dovrebbero scrivere un bel po’ di codice “puro” e magari anche un bootloader, e lo stack TCP/IP ecc.

E Linux? Linux potrebbe essere tagliato fuori, visti certi atteggiamenti “furbini”. Siccome gli utenti Linux rappresentano una percentuale della popolazione in questione estremamente irrilevante, proporrei una tassa per chi compra Windows/OSX allo scopo di finanziare l’acquisto delle dovute licenze per Canonical & Co. Fatti i debiti calcoli l’importo non dovrebbe essere superiore a qualche decina di centesimi; arrotonderei all’unità per eccesso di magnanimità allo scopo di sopprimere questo cricrìo di fondo ancor più fastidioso in quanto ipocrita.

-quack

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (102): [ Pagina 1 di 4  - più vecchi ]
73. floo
mercoledì 2 febbraio 2011 alle 10:08 AM - firefox 4.0 Windows 7
   

Tu dovessi scegliere uno standard per il web quale sceglieresti?

Il più supportato commercialmente. Devo farci anche business con quello standard, non beneficenza. Dunque, allo stato delle cose sarebbe H.264. Ma se fosse WebM quello commercialmente più supportato, non sarebbe un problema, supporterei quello. Dimostrami che il WebM darà garanzie di supporto in futuro da parte dei produttori di PC, televisori, decoder, lettori, console e tutto quant'altro avrà accesso in Rete e allora dirò: "ok, è lo standard de facto".

di chi è la colpa del puttanaio, di Google? Della FSF? Del barbone di Stallman?

Chiaramente di Google. La FSF sta solo facendo il suo gioco. Oppure devo dare la colpa a Apple e Microsoft? Cattive, hanno scelto l'H.264, che male all'Open Source (peccato che qualsiasi browser su GNOME non si ponga problemi a supportare H.264, diverso discorso per KDE e non capisco il perché, problemi con le QT credo)!

Gabriele, da quanto non ti do del fanboy FSF? Mi avevi convinto che non eri un fanboy, ma ho il timore di dover riconsiderare la mia posizione. Anche perché fai come i fanboy FSF: non appena senti odore di Apple o di Microsoft, ti agiti brandendo la spada come se volessero ucciderti; non appena senti odore di Google, stendi il tappeto rosso e inizi ad inchinarti al passaggio.

   
74. il nonno
mercoledì 2 febbraio 2011 alle 11:22 AM - firefox 4.0 Windows 7
   

A me potrebbe anche andare bene la posizione di Gabriele se avesse un briciolo di coerenza. Lui parte dall'assioma che ciò che non è open è un male.

Non lo condivido ma posso rispettare la sua posizione. Ma allora come può accettare Google Search e AdSense che sono chiaramente closed? Come può difendere WebM o Chrome che altro non sono che strumenti per rafforzare i servizi closed di Google? Misteri della fede!

   
75. floo
mercoledì 2 febbraio 2011 alle 11:29 AM - firefox 4.0 Windows 7
   

Concordo con il nonno, è lì il succo del discorso. A me non dà fastidio che WebM sia Open, a me dà fastidio che WebM sia solo uno strumento del finto buonismo di Google per prendere per il culo sia utenti Open che non, creando un nuovo falso standard e tornando ad aver necessità di plug-in se non si usano le soluzioni con WebM. WebM di Google spero finisca come l'XPS di Microsoft: una reinvenzione di qualcosa che esiste già e finisce molto in secondo piano rispetto a quanto già esistente.

   
76. floo
mercoledì 2 febbraio 2011 alle 3:21 PM - firefox 4.0 Windows 7
   

Gabriele, tieni, offre la casa!

blogs.msdn.com/.../greater-interoperability-for...

   
77. floo
mercoledì 2 febbraio 2011 alle 3:34 PM - firefox 4.0 Windows 7
   

Sorry, dimenticavo che usi Chrome su Linux Fa niente, allora

   
78. il nonno
mercoledì 2 febbraio 2011 alle 3:59 PM - firefox 3.6.13 Windows 7
   

blogs.msdn.com/.../greater-interoperability-for...

Grande Claudio

Oggi e' la giornata degli italiani contro Google!

   
79. Paperino
mercoledì 2 febbraio 2011 alle 5:09 PM - chrome 9.0.597.67 Windows 7
   

Oggi offro la pizza a Claudio.

   
80. il nonno
mercoledì 2 febbraio 2011 alle 5:50 PM - firefox 4.0 Windows 7
   

Salutalo

 

   
81. Gabriele
mercoledì 2 febbraio 2011 alle 10:44 PM - firefox 3.6.15 Ubuntu 10.10
   

@nonno

Ma allora come può accettare Google Search e AdSense che sono chiaramente closed?

Esiste un search aperto? Direi di no. Da quando i paladini della posizione dominante e degli standard di fatto si sono convertiti alla concorrenza e al timore della posizione dominante? Da quando è cambiata l'azienda in questione?

Tra l'altro io mi sono espresso più e più volte anche contro i pericoli di Google semi-monopolista, anche in questo thread, basta leggere.

Su adsense, ad esempio, non mi sono mai espresso in favore. È un buon sistema, ma ha troppo pochi concorrenti.

Come può difendere WebM o Chrome che altro non sono che strumenti per rafforzare i servizi closed di Google? Misteri della fede

Sono due cose diverse. WebM è aperto e come tale non rafforza nessuno, visto che lo potranno implementare tutti. L'ho detto mille volte, non mi riesce di farvelo capire.

Chrome è un buon browser, ma più spesso uso Firefox.

[Open = buono per gli utenti] Ecco il dogma religioso...

Semplicemente a me piacciono le 4 libertà fondamentali del software libero, le considero profondamente giuste. Ovviamente esistono pessimi software liberi e ottimi software proprietari, ma se si parla strettamente della licenza dalla parte di chi la subisce (l'utente) preferisco mille volte avere diritti piuttosto che sottostare a imposizioni spesso assurde. È più semplice per me, come utente.

Quindi il mio non è un dogma ma un ragionamento ben preciso.

Se te preferisci le imposizioni delle EULA, sono gusti legittimi.

@floo

Il più supportato commercialmente. Devo farci anche business con quello standard, non beneficenza.

Bene. Happy licensing con MPEG-LA allora.

invece per me la cosa più importante è che sia non-discriminatorio, implementabile liberamente e migliorabile da tutti. Il supporto commerciale conta fino ad un certo punto. Nessuno hai mai chiesto supporto per vedere un video. Un codec aperto tra l'altro favorisce la competizione commerciale, non la deprime.

   
82. floo
mercoledì 2 febbraio 2011 alle 10:45 PM - firefox 4.0 Windows 7
   

Happy licensing con MPEG-LA allora.

Grazie, ciao

   
83. il nonno
giovedì 3 febbraio 2011 alle 4:15 AM - firefox 3.6.13 Windows 7
   

WebM è aperto e come tale non rafforza nessuno, visto che lo potranno implementare tutti

Ancora con sta storia che e' aperto... e' di proprieta' di Google con brevetti di proprieta' di Google se per te questo significa aperto tieniti pure tutte ste belle cose aperte... e non e' uno standard... un dettaglio vero?

   
84. il nonno
giovedì 3 febbraio 2011 alle 4:31 AM - firefox 3.6.13 Windows 7
   

ma se si parla strettamente della licenza dalla parte di chi la subisce (l'utente) preferisco mille volte avere diritti piuttosto che sottostare a imposizioni spesso assurde.

Vorrei sentire un esempio pratico.

   
85. d4n13l3
martedì 8 febbraio 2011 alle 6:57 PM - chrome 11.0.656.0 Ubuntu 10.10
   

Esempio pratico: il Family Pack! Rende assurda la licenza normale

 

   
86. d4n13l3
martedì 8 febbraio 2011 alle 8:21 PM - chrome 11.0.656.0 Ubuntu 10.10
   

Parliamone in termini concreti, cioè soldi:

- webM - gratis. Dietro c'è un colosso che tanto si arricchisce indirettamente attraverso la sua posizione dominante sulla pubblicità, quindi più servizi utili fa, più la gente lo usa, più informazioni riesce a catturare e pubblicità veicolare.

E' male: certo che lo è, era meglio se lo faceva la pincopallo spa.

E' gratis? Si, sia per te che lo usi che per chi lo supporta (MS, aapl, firefox, opera, linx, kde, mosaic...)

Funziona? Non ho le competenze adeguate per giudicare ma direi che è più o meno uguale. Meglio in qualcosa, peggio in qualcosaltro

 

- H264

E' male: ovviamente anche questo era meglio se lo faceva la pincopallo spa. MS e Apple non fanno beneficenza e sono male quanto google, anzi una delle due molto molto di più*

E' gratis: NO. O meglio, si, lo è per l'utente in alcuni casi (Firefox SI, IE NO visto che è parte integrante di un OS a pagamento)

Funziona? Non ho le competenze adeguate per giudicare ma direi che è più o meno uguale. Meglio in qualcosa, peggio in qualcosaltro

 

E ALLORA DOVE STA IL MALE?

Sta nel fatto che gratis o a pagamento è bene se nasce un nuovo competitor. Vedi i passi da gigante di flash da quando c'è una valida alternativa in html5.

Ma è malissimo se gli interessi commerciali di uno (google) o l'altro (consorzio nonsocche fatto da apple e microsoft) vanno a danneggiare la comunità facendo inutili guerre di religione. 

E' semplice: vuoi fare un nuovo standard? Fallo, ma non boicottare quello degli altri mettendo in piazza filosofie che da te (google, gigante della new economy) non possono che sembrare stupidaggini.

Se firefox sceglie di non supportare h264 lo fa perchè vuole risparmiare, e fa bene, ma non ha un interesse diretto. Google SI, quindi qualsiasi cosa dica, non possiamo non credere che agisce in nome dei propri interessi

* non ci crederete ma parlo di Apple.

   
87. Paperino
martedì 8 febbraio 2011 alle 8:56 PM - chrome 9.0.597.84 Windows 7
   

Non mi sembra tu ne stia parlando in termini concreti. Provo a fare un esempio concreto:

quando compri un BlueRay, la codifica video è fatta in H.264
quando compri un camcorder HiDef, la codifica video è fatta in H.264

Questo significa che se io voglio pubblicare del video su internet senza nessun arricchimento (ad es. un pezzo di film o un video fatto in casa) non ho bisogno di nessuna trascodifica.

La trascodifica ha sempre un costo: monetario, temporale e qualitativo. Forse nel 2030 l'equivalente BlueRay verrà distribuito in WebM; forse allora i camcorder HiDef scriveranno WebM. Ovviamente partendo dall'assunto che WebM non avrà altri problemi di tipo non tecnico.

Ottimo, abbiamo nel 2011 una possibile soluzione ai problemi del 2030. Nel frattempo tassiamo oggi tutti quelli che vogliono pubblicare un video online. Mi sembra una genialata, no? 

   
88. d4n13l3
mercoledì 9 febbraio 2011 alle 7:08 PM - chrome 11.0.656.0 Ubuntu 10.10
   

Vero paperino però scusami, 10 anni fa (?!?) quando H264 ha mosso i primi passi, nessuno montava chip in grado di elaborare direttamente il suo formato.

Ti potrei fare l'esempio del codec divx che invece è stato esattamente l'opposto: nessuno lo supportava ma la gente si è messa li con la santa pazienza a decrittografare i dvd e renderli più "leggeri" attraverso divx, xvid e compagnia cantante. DOPO, solo dopo hanno comibciato a fare player, cellulari, macchine fotografiche, frigoriferie e caffettiere in grado di leggere nativamente il sompatico formato craccato dall'mp4.

Se valesse quello che tu dici il primo che arriva è quello che vince sempre, o forse quello con più soldi. Vediamo cosa saprà fare google per competere con questo standard cercando di sponsorizzare il suo formato. Come per altre cose la concorrenza di norma rende tutti i prodotti migliori.

Sbaglio o hai nominato BluRay? La vicenda del disco blu sponsorizzato da sony è l'emblema di come i produttori si scannano per gli standard e 1. chi vince non sempre è il migliore 2. agli utenti non può fregare di meno ne di blu ray, ne di hddvd, ne dei rivali cinesi: il disco ottico è morto e non c'è standard che tenga

   
89. il nonno
mercoledì 9 febbraio 2011 alle 7:15 PM - IE 9.0 Windows 7
   

agli utenti non può fregare di meno ne di blu ray, ne di hddvd, ne dei rivali cinesi: il disco ottico è morto e non c'è standard che tenga

Chi si e' comperato un TV full HD sa benissimo quanto sia inarrivabile la qualita' di un BR rispetto a qualunque schifezza scaricata dalla rete... adesso non e' perche' Steve Jobs dice che il BR e' morto spengo il cervello e mi metto a ripeterlo a pappagallo fino a quando non me ne convinco....

   
90. Giuseppe
mercoledì 9 febbraio 2011 alle 7:46 PM - IE 9.0 Windows 7
   

quoto il nonno.

Ho a casa una PS3 che purtroppo, causa locazione "in culo al mondo" (leggasi campagna calabra) non è connessa ad internet e, causa tv da 36'' CRT relativamente nuova (2003, 2000 euro all'epoca), non posso sfruttarne le potenzialità HD. Recentemente però, causa volontà di aggiornare il firmware alla versione 3.41 (qualcuno ha detto jailbreak? ), l'ho portata in ufficio da papà e l'ho collegata via hdmi-dvi al monitor dell 27'' di papà. ovviamente è andata subito a 1080p e, vi giuro, ho veramente creduto di stare sognando. E' vero che il monitor di mio papà lo avevo visto in azione ma era con Windows 7... non con la ps3 che invece ero abituato a vederla in azione sul 576i del CRT... quindi devo quotare il nonno quando dice che la qualità BR >> QualunqueCosaAttualmenteDisponibile

   
91. Courtaud
mercoledì 9 febbraio 2011 alle 8:49 PM - Opera 11.01 Windows 7
   

Chi si e' comperato un TV full HD sa benissimo quanto sia inarrivabile la qualita' di un BR rispetto a qualunque schifezza scaricata dalla rete...

...come se non li si potesse scaricare dalla rete

   
92. Paperino
mercoledì 9 febbraio 2011 alle 10:16 PM - chrome 9.0.597.84 Windows 7
   

d4n13l3:

dieci anni fa l'alta definizione non esisteva e non aveva senso. Oggi l'H264 è ubiquo e rimpiazzarlo con qualcosa alla pari non ha senso. 

Oggi, 9 Febbraio 2011, l'utente che vuole mettere un video online ha due scelte: H.264 senza sbattimenti oppure WebM con diecimila sbattimenti. Google forza chi vuole supportare il suo browser (e FF e Opera) a sbattersi. In cambio un futuro senza "brevetti" più ecofriendly e magari chissà cosa. Intanto io oggi quando compro un camcorder pago un ammontare irrisorio per il costo della tecnologia. Ecco Google dice che in cambio dei miei sbattimenti oggi, fra dieci anni se deciderò di cambiare camcorder, potrò risparmiare 10$. 

Questo ragionamento non fa per niente presa su di me. Figuriamoci sulla gente comune...

 

   
93. d4n13l3
giovedì 10 febbraio 2011 alle 8:14 AM - chrome 11.0.656.0 Ubuntu 10.10
   

Chi si e' comperato un TV full HD sa benissimo quanto sia inarrivabile la qualita' di un BR rispetto a qualunque schifezza scaricata dalla rete... adesso non e' perche' Steve Jobs dice che il BR e' morto spengo il cervello e mi metto a ripeterlo a pappagallo fino a quando non me ne convinco....

Non parlo di essere inarrivabile, parlo di semplici, puri dati legate alle V-E-N-D-I-T-E. Quanti blu ray ha mediamente una persona dentro casa? Parlo di film ovviamente. Pochi, molto pochi.

Funziona di più Sky HD, e non parlo di qualità ma di praticità nella fruizione.

Poi se vuoi affermare che il blu ray sia un successo commerciale sei liberissimo di farlo.

   
94. d4n13l3
giovedì 10 febbraio 2011 alle 8:15 AM - chrome 11.0.656.0 Ubuntu 10.10
   

...come se non li si potesse scaricare dalla rete 

 

Qualcuno ce li dovrà pure mettere in rete, no?

   
95. d4n13l3
giovedì 10 febbraio 2011 alle 8:17 AM - chrome 11.0.656.0 Ubuntu 10.10
   

d4n13l3:

dieci anni fa l'alta definizione non esisteva e non aveva senso. Oggi l'H264 è ubiquo e rimpiazzarlo con qualcosa alla pari non ha senso. 

Oggi, 9 Febbraio 2011, l'utente che vuole mettere un video online ha due scelte: H.264 senza sbattimenti oppure WebM con diecimila sbattimenti. Google forza chi vuole supportare il suo browser (e FF e Opera) a sbattersi. In cambio un futuro senza "brevetti" più ecofriendly e magari chissà cosa. Intanto io oggi quando compro un camcorder pago un ammontare irrisorio per il costo della tecnologia. Ecco Google dice che in cambio dei miei sbattimenti oggi, fra dieci anni se deciderò di cambiare camcorder, potrò risparmiare 10$. 

Questo ragionamento non fa per niente presa su di me. Figuriamoci sulla gente comune...

 

Sono perfettamente d'accordo! 

Per questo dico "vediamo che succede"

 

   
96. il nonno
giovedì 10 febbraio 2011 alle 8:50 AM - firefox 3.6.13 Windows 7
   

Poi se vuoi affermare che il blu ray sia un successo commerciale sei liberissimo di farlo.

 

agli utenti non può fregare di meno ne di blu ray, ne di hddvd, ne dei rivali cinesi: il disco ottico è morto e non c'è standard che tenga

Deciditi, di cosa vuoi parlare? Del successo commerciale o della soddisfazione degli utenti che possono fruire del full hd?

 

   
97. d4n13l3
giovedì 10 febbraio 2011 alle 12:55 PM - chrome 11.0.656.0 Ubuntu 10.10
   

mi sembra che il concetto delle due frasi sia lo stesso.

Con "agli utenti non può fregare di meno" intendo che non sono interessati al blu ray così come all'hd dvd o ad altri supporti ottici di questo tipo, quindi che non è un successo commerciale.

Mai parlato di Full HD in generale.

   
98. il nonno
giovedì 10 febbraio 2011 alle 12:59 PM - firefox 3.6.13 Windows 7
   

Il full HD voglio proprio vedere come lo ottieni se non passando da tecnologie come il BR... e' nato per quello e persino oggi nel 2011 il sito che piu' di ogni altro vende film in rete (iTunes) non supporta il full HD, cosi' come la Apple TV non e' in grado di riprodurre filmati in full HD per non parlare della qualita' audio che esce da coso....

   
99. d4n13l3
giovedì 10 febbraio 2011 alle 3:17 PM - chrome 11.0.656.0 Ubuntu 10.10
   

il sito che piu' di ogni altro vende film in rete (iTunes) non supporta il full HD, cosi' come la Apple TV non e' in grado di riprodurre filmati in full HD per non parlare della qualita' audio che esce da coso....

Si ma il problema non è la Apple che non vuole supportare il fullHD, ma semplicemente il fatto che non gliene frega niente a nessuno. Tanto ci mettono il loghetto HD anche se fanno un 720p

Mai sentito parlare di Netflix? Ha ben altri numeri rispetto ad iTunes per i video online. Bene, ecco che posizione hanno per il fullHD:

www.michaelsinsight.com/.../netflix-will-not-ha...

Niente domanda...niente offerta!

Vogliamo parlare di blockbuster? Per quello probabilmente ahimè i comunicati stampa non riguardano il fatto di adottare o meno il Blu Ray, ma semplicemente se chiudere i battenti o meno.

Parlo di mercato mainstream non di videofili

   
100. il nonno
giovedì 10 febbraio 2011 alle 3:39 PM - firefox 3.6.13 Windows 7
   

ma semplicemente il fatto che non gliene frega niente a nessuno.

Continui a ripetere a pappagallo le affermazioni di SJ... noia!

   
101. d4n13l3
giovedì 10 febbraio 2011 alle 4:50 PM - chrome 11.0.656.0 Ubuntu 10.10
   

Comunque complimentoni per la tua perspicacia:

sto scrivendo da un portatile con installato ubuntu 10.10, a casa una debian 6 nuova di pacca, ho un lg Optimus One con android 2.3, ho donato soldi a wikipedia non quest'anno ma quello precedente...

si lo ammetto, nel 2005 ho comprato un iPod U2 limited edition da 30 GB ma saranno 2 anni che sta appoggiato a casa sulla sua basetta e lo accende solo mia moglie quando si fa la doccia. Ah si, è vero, lo ammetto, una volta ho visto 5 minuti su youtube la presentazione dell'iPad, che ci posso fare mi ha affascinato. Ma poi ho riletto due volte di fila "Software libero Pensiero libero" di Stallman per fare penitenza.

Mi dispiace per le condizioni di salute di steve jobs ma sinceramente non è che lui sia esattamente il mio idolo o pendo dalle sue labbra:sostanzialmente c'è una differenza tra me e SJ (oltre ai soldi, il potere, l'importanza, il successo nella vita....bazzecole insomma): lui vuole vendere i suoi iCosi; io voglio semplicemente usare dei cosiX simili ai suoi (ma meglio)

   
102. Gioachino
giovedì 10 febbraio 2011 alle 7:29 PM - IE 8.0 Windows 7
   

Ogni tanto qualcuno dovrebbe ripetersi: "Pensiero oggettivo, Pensiero intelligente".

E non c'è open, close, apple, microsoft, google che tengano.

   
[ Pagina 1 di 4  - più vecchi ]
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)