Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Buon compleanno 2600

30 anni fa nasceva l'Atari 2600, che con i suoi 128 byte di memoria fa comparire un lacrimone enorme di nostalgia a quelli della mia generazione.2600

Io non ne ho mai avuto uno, ma averlo non era importante quanto avere la possibilità di giocarci - rigorosamente dopo aver finito i compiti - a casa di qualche amico come quello del terzo piano.

La cosa favolosa è che non c'era bisogno di decine e decine di titoli, anzi si finiva per passare il tempo solo su un paio di SlotRacers2giochi. O meglio: game programs come li chiamava l'Atari (con tanto di marchio registrato). Tra i classici dei pomeriggi del terzo piano c'erano Space Invaders e Defender, fino a quando al mio amico hanno  prestato "il gioco".

Il gioco è "Slot Racers" ricevuto in prestito perenne perché giocabile solo in modalità due giocatori. Con 128 byte non c'era nessuna speranza di creare una AI adeguata e ci credo!

Si trattava di guidare una macchina dotata di cannone (?) all'interno di un labirinto cercando di colpire l'avversario in una gara spietata all'ultimo colpo. Nel gioco c'erano un paio di chicche uniche a cominciare dal modo di guidare il trabiccolo con controllo "relativo": per far girare il veicolo di 90 gradi verso destra -slot_racers1 sia che sullo schermo fosse "destra", sia che sullo schermo fosse "sinistra" perché si andava nel verso opposto - bisognava inclinare il joystick (la leva!) a destra. L'altra chicca consisteva nel fatto che una volta sparato il proiettile continuavao a girare ad infinito seguendo il percorso del labirinto (c'erano pure diversi labirinti a rendere le cose più complicate, ma quello base era decisamente il migliore) fino a quando non veniva raccolto dalla macchina o colpiva la macchina avversaria. Per gli "esperti" era possibile settare una modalità in cui la macchina non poteva sparare altri colpi fino a quando il colpo precedente non andava a segno o veniva raccolto indietro. E se dopo venticinque e passa anni ricordo tutti questi Joustdettagli il motivo è legato alle sterminate ore passate a giocare a Slot Racers. 

Il gioco nella sua semplicità e bellezza è davvero indescrivibile con le parole: incredibile quanto ci siamo appassionati a quei blocchi di pixel quadrettati.

Il post non sarebbe completo di ricordi se non facessi menzione "all'altro gioco", l'ultimo che abbiamo giocato sulla 2600 prima di passare ad altri lidi. Joust!  Se qualcuno venisse colto da nostalgia, può rifarsi con Stella, un emulatore open source della mitica console per tutti i gusti.

Tenete solo a mente che per divertirsi a slot racers c'è bisogno di 2 giocatori, nella speranza che prima o poi qualcuno implementi un network mode.

-Enjoy!

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (1):
1. Blackstorm
venerdì 12 ottobre 2007 alle 9:34 AM - unknown unknown unknown
   

Che bello. Io non ho mai avuto nemmeno la possibilita' di giocarci con l'A2600. In compenso citerei i pixellosi IK+ e Bruce Lee come giochi perditempo del C64...

Appena avro' connessioni decenti scarichero' anche stella... cari bei vecchi tempi.

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)