Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Kabul ovvero una piccola dissertazione sulla funzione jetlag

Dall'esperienza di ormai diverse vacanze spese in Italia, mi son convinto che la funzione jetlag esiste e che si puo' sintetizzare con l'equazione:

FUC = f(FUP, FUD, TD, fB(p))

Dove:

FUC e' il fuso orario corrente (quello che descrive il comportamento della persona soggetta al jetlag)

FUP e' il fuso orario di partenza (nel mio caso PST, ovvero -8)

FUD e' il fuso orario di destinazione (ovvero +1)

TD e' il time delta, cioe' il lasso di tempo passato dall'arrivo al fuso di destinazione

fB(p) e' la funzione behavior, cioe' come ci si comporta a destinazione. In generale in qualsiasi altro periodo normale, la funzione behavior non e' altro che la funzione identita' (f(x)=x). Ma a durante le vacanze di Natale somiglia molto piu' a f(x) = x * sin(x).

Tutto questo per dire che - fatti i calcoli - il fuso orario corrente risulta +4.30 (ovvero 3 ore e 30 minuti in piu' rispetto all'Italia), praticamente Kabul.

-quack

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (0):
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)