Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Feb Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Meeting metafisici

Sarà il periodo quasi estivo, ma i meeting a cui attendo cominciano ad avere un sapore un po' troppo metafisico.

Con tale definizione mi riferisco ai meeting di lavoro cheMetafisico non hanno quasi nessun legame concreto con la realtà ed in cui si finisce per parlare di processo fine a se stesso. Proposte da teatro dell'assurdo fanno capolino ma la cosa che mi strabilia e al tempo stesso mi annoia è il fatto che tali proposte finiscono per essere ampiamente discusse e sviscerate.

A volte mi viene la tentazione di pensare che sia _io_ ad essere quello fuori dal contatto con la realtà e che le argomentazioni metafisiche siano una realtà che mi rifiuto di vedere, finendo regolarmente per addormentarmi e fare scena muta. Poi mi confronto con qualche altro collega, che non ha partecipato al meeting, e scopro di avere in fondo ragione.

Il problema grosso è evitare di farsi etichettare come dormiglioni ed è per questo importante, durante i meeting metafisici, pensare a qualcosa di intelligente da dire o da chiedere anche se in fin dei conti non ne vale assolutamente la pena.

E non che non sia già successo: alla domanda sul perché il developer (io) che avrebbe dovuto implementare il diffgram non fosse stato invitato ai meeting di discussione del formato, tutt'altro che metafisici!, mi son beccato la seguente risposta: «ma è uno di quei meeting in cui di solito ti addormenti...». Roba che ho dovuto fare davvero tanto per ristabilire un po' di credibilità. Cose da metà-fisica!

-quack

Technorati Tags:

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (6):
1. wtf
venerdì 29 giugno 2007 alle 3:07 PM - unknown unknown unknown
   

Complimenti a chi organizza i meeting!

OT: ti piace programmare strutture dati che lavornao sull'XML?

Io ne capisco l'importanza ma purtroppo trovo tutto software e librerie o banali o complicate per nulla.

Le librerie java con xerces sono forse le uniche che si salvano.

Com'è il C# con xml?

Ciao.

   
2. Paperino
venerdì 29 giugno 2007 alle 5:23 PM - unknown unknown unknown
   

Certe volte la colpa non è neanche di chi organizza, ma dell'attitudine ai processi di chi vi partecipa.

Per quanto riguarda l'OT: l'XML non è una mia passione ma mi ci trovo a mio agio vista l'esperienza passata, la mia passione sono le API di accesso ai Dati (DataSet, ObjectSpaces, WinFS, ecc.); forse sono uno dei pochi che si è dovuto studiare per lavoro seppur sommariamente le specifiche XSD, mentre erano ancora in draft: come cambiavano velocemente!

L'XML è supportato quasi nativamente in .Net - quindi non solo C# - con la libreria di classi in System.Xml. Ci sono due modi per gestire l'XML: DOM via XmlDocument che poi è una API standard e la gerarchia XmlReader/XmlWriter per la modalità streaming. Quest'ultime propongono una API migliore di SAX in quanto basata su un pull model anziché push model (SAX): in parole povere sono molto più semplici da usare e portano a scrivere codice migliore. Trovi maggiorni informazioni qui: msdn2.microsoft.com/.../system.xml(VS.71).aspx

-quack

   
3. wtf
sabato 30 giugno 2007 alle 2:03 PM - unknown unknown unknown
   

Grazie, adesso mi guardo subito l'xmlreader/writer, si sa mai che mi torni la gioi di programmare accesso ai dati xml, invece di viverla sempre come una tragedia.

P.S. completamente OT ma hai visto qui?

undeadly.org/cgi

speriamo che l'antispam dei commenti non mi macini vivo per aver messo un link...

   
4. Paperino
sabato 30 giugno 2007 alle 6:32 PM - unknown unknown unknown
   

Ho letto ma mi sembra il classico caso di ingigantimento della notizia. Tutto il SW è bacato, compreso il microcodice Intel e da tempo immemore (chi non ricorda il baco della divisione del Pentium?): il punto sta nella descrizione sommaria del baco che usa espressioni come "in alcuni casi" senza specificare quanto raramente i "casi" si verificano. Se fosse così brutta come la raccontano quelli che ci stanno marciando sopra il mio PC si dovrebbe riavviare ogni 5 minuti, ma sappiamo tutti che non è così.

   
5. wtf
domenica 1 luglio 2007 alle 4:15 PM - unknown unknown unknown
   

Ma se nel fdvi bug era bacato il microcodice, perchè sostituivano tutto il processore?

Perchè non rilasciare un aggiornamento?

Non c'era un sistema di update del microcodice come ora?

   
6. Paperino
domenica 1 luglio 2007 alle 6:37 PM - unknown unknown unknown
   

No, allora non c'era. Non è un'introduzione recente (mi pare di aver capito almeno 3-4 anni) ma sicuramente non era roba da 15 anni fa (come vola il tempo).

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)