Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Lug Giu Mag Feb Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

No DRM??

Devo ammettere che io non sono un fan di contenuti protetti dal DRM. Infatti il mio shopping si è limitato ad una sola canzone, per provarne più che altro l'ebbrezza... Smile Il motivo che mi spinge a tale antipatia è più che altro il fatto che - un potere restrittivo così grosso - può essere sfruttato male e l'industria dei contenuti ha dato prova in passato di muoversi sempre in questa direzione (mi chiedo: perché non posso vedere alcuni film di Totò - prodotti per region 2 - sul mio lettore DVD senza fare strani magheggi; oppure perché EA si ostini a regionalizzare la versione italiana di Fifa Soccer, e via dicendo). Pur però avendo questo atteggiamento di avversione, non riesco a capire la posizione di chi il DRM lo vorrebbe controllato - o magari vietato - per legge. Si vorrebbe quindi che i contenuti fossero tutti liberi, anche quelli che non ci appartengono: no DRM quindi diventa lo slogan per libertà di crackare, magari solo verso chi ci è antipatico (tempo addietro Real Network fece il reverse engineering di FairPlay per vendere sul loro portale canzoni per IPod e fare così concorrenza ad ITunes, che detiene un monopolio de facto. Ricordo che la quasi totalità dei Mac-fan si schierò contro questo tentativo di "aprire" il DRM - un DRM considerato "buono" perché permissivo, ecc. ecc.)
E allora che fare? Semplice: se un prodotto non ci piace, non compriamolo. Se il CD installa un rootkit, boicottiamolo (e qualcuno in un recente passato ha ammesso che il danno di immagine di un tale boicottaggio è stato molto grande ed ingiusto). Se un cantante si lega ad un'etichetta che ci impedisce di ascoltare le sue canzoni come ci pare a noi (su CD, su MediaCenter, su IPod, su Zen, su computer, ecc. SENZA dover ricomprare più volte lo stesso contenuto!), boicottiamolo. Pretendere (in questo caso di poter sempre crackare i contenuti) secondo me è sempre sbagliato ed è comparabile con il vandalismo. Ci si deve quindi adoperare affinché del DRM non se ne faccia uso sbagliato e non impedire completamente che venga implementato. E su questo, come già detto in precedenza, sono totalmente d'accordo con Linus Torvalds.

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (0):
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)