Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Scientific American sulla privacy

Qualche mese fa avevo comprato un numero di Scientific American che dedicava alla privacy l’argomento di copertina. Non sono più riuscito a trovare la copia cartacea, privacy ma fortunatamente ho visto che gli articoli sono disponibili (quasi?) tutti online a questo indirizzo.

Una frase che mi ha fatto riflettere parecchio, proveniente da un articolo sui social network, è questa:

Public sharing of private lives has led to a rethinking of our current conceptions of privacy. (fonte)

In tema di privacy anche se non c’entra quasi una cippa, oggi ho comprato questo: USB Foot pedal security button. Lo scopo in realtà è quello di semiautomatizzare la scansione dei documenti, visto che il mio scanner è attualmente sprovvisto di pulsante per attivare la scansione. Però se funziona come dovrebbe ne compro un altro per evitare il ficcanasare di qualche collega troppo impiccione.

-quack

Technorati Tags: ,

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (7):
1. zakk
martedì 11 novembre 2008 alle 6:20 PM - unknown unknown unknown
   

Sono l'unico a non preoccuparsi troppo dei social network e della privacy?!? Se su Facebook si possono vedere i miei gusti musicali, la mia data di nascita, il mio orientamento politico e che scuole ho frequentato/frequento non mi sembra la fine del mondo...

Comunque l"USB Foot pedal security button" è una genialata!

   
2. NickelGreen
martedì 11 novembre 2008 alle 7:01 PM - unknown unknown unknown
   

Secondo me il concetto di privacy va un po' rivisto nel senso che l'utente deve rendersi conto del fatto che benchè alla propria privacy ci tenga, in realtà lascia tracce ovunque: mail, date di nascita, scuole frequentate, generalità varie, foto con il nickname (i famosi siti che richiedono la "foto verificata". C'è però chi è, per così dire, "fuori" da questo circuito digitale e che però viene lo stesso rintracciato. In questo caso la privacy ha senso. Nel caso precedente, molto meno.

Non so dove, ma qualcuno aveva inventato una schermata fasulla di XP che mascherasse le attività svolte non lavorative. Chissà se ce n'è una Vista version?

   
3. Paperino
martedì 11 novembre 2008 alle 7:07 PM - unknown unknown unknown
   

@zakk:

a giudicare dal numero di iscritti su FaceBook/MySpace e tutte le informazioni disponibili sui loro profili, direi proprio di no. Non mi chiedo se questo sia giusto/sbagliato, ma trovo la cosa degna di interesse.

@nickelgreen:

ci sono anche i romanzi mascherati da PowerPoint.

   
4. NickelGreen
martedì 11 novembre 2008 alle 8:12 PM - unknown unknown unknown
   

ci sono anche i romanzi mascherati da PowerPoint.

Li voglio immediatasubito!

   
5. Paperino
martedì 11 novembre 2008 alle 11:19 PM - unknown unknown unknown
   

Ecco qui il link. "read at work" un nome un programma.

   
6. Beppe
mercoledì 12 novembre 2008 alle 10:46 AM - unknown unknown unknown
   

Io lo so dove è finita la rivista: l'hai lasciata in Italia

   
7. Paperino
mercoledì 12 novembre 2008 alle 5:54 PM - unknown unknown unknown
   

Ahh grande. Un thread in meno: MyThreads["CercaRivista"].Abort() 

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)