Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Archivio 2017:

Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

What is your CRASH plan?

Uno dei pensieri che sempre più spesso mi logora è quello del CRASH totale del server. Il sistema di pseudo-raid mi protegge dall’eventuale logorio meccanico di uno degli Hard Disk ma non ho nessuna polizza incendio&furto sul valore affettivo di certe foto o certe riprese video.

Ci sono ottime soluzioni a pagamento per il backup in da cloud ma mi piacciono molto  poco in quanto:

  1. GB e banda hanno costi estremamente irrisori rispetto al pCrashiù economico backup online
  2. l’idea di avere le mie foto in da cloud non mi rallegra ed oltretutto l’eventuale operazione di restore risulterebbe molto dispendiosa in termini di tempo

Ho cercato in vano a lungo un prodotto che funzionasse in maniera distribuita via p2p o similare ed ho trovato solamente un servizio dal nome evocativo di Crashplan. Pensavo ad una soluzione con un harddisk esterno da collegare al mio PC dell’ufficio ma purtroppo l’applicazione ha seri problemi con il firewall aziendale. Per il resto Crashplan permette il backup p2p criptato e sarebbe stato altresì perfetto.

In questi giorni sto invece ripiegando su una soluzione più “artigianale”: installare un servizio RSync sul server casalingo ed un client su una workstation in ufficio che spari i file sull’HD esterno crittografato con TrueCrypt.

Ora sono nella fase, quella della raccolta dei “componenti”. Pubblicherò i dettagli qualora il mio crash plan dovesse entrare in funzione.

-quack

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (11):
1. marco
martedì 27 ottobre 2009 alle 5:18 AM - IE 8.0 Windows 7
   

Io utilizzo un metodo semplice per proteggere i miei dati "essenziali", dato che sono tali utilizzo live sync per mantenerli sincronizati sul mio server, sul desktop e sul portatile, è un sistema comodo e non intrusivo, non è una soluzione di backup classica ovviamente ma se un pc "muore" i dati che volgio sono sempre disponibili sugli altri due, ovviamente poi ho un backup settimanale su hd per una immagine totale del sistema ma la soluzione tramite live sync è al momento eccellente e non mi ha mai dato problemi di sorta con firewall o simili.

   
2. Edward
martedì 27 ottobre 2009 alle 11:23 AM - firefox 3.5.3 Windows 2000
   

Backup quotidiano centralizzato su raid con rsync oppure con Cobian + server ftp e 2° backup periodico su supporti di archivio (cd, dvd, nastri, storage online, ecc.) per coprire il guasto al raid o al server. Il volume crittato con Truecrypt va bene per i dati sensibili, ma non ti sembra di esagerare un po' scrivendoci anche foto, video e simili?

 

Edward

   
3. il nonno
martedì 27 ottobre 2009 alle 12:15 PM - chrome 3.0.195.27 Windows 7
   

Edward, raid 1?

   
4. Edward
martedì 27 ottobre 2009 alle 1:13 PM - firefox 3.5.3 Windows 2000
   

@ il nonno:

Raid 1, 1+0 o 6: lo 0 non e' un vero raid (manca la ridondanza) e la protezione offerta dal 5 non e' sufficiente.

Mi spiego: se, come capita spesso, i dischi usati nel raid sono identici (stesso modello, stesso lotto), allora sono verosimilmente costruiti in modo simile e soggetti ad un usura simile durante la loro vita; dopo il guasto di un disco, gli altri potrebbero cedere durante la (stressante) ricostruzione dell'array: il raid 5 copre un solo guasto ed un secondo disco rotto durante la ricostruzione causa la perdita di tutti i dati, il raid 6 copre 2 guasti (1 gia' successo + 1 possibile durante la ricostruzione) ed e' abbastanza per un moderatamente paranoico come il sottoscritto

Di contro ha senso implementare il raid 6 con almeno 5 o 6 dischi, perche' 2 sono riservati alla ridondanza; per 2 dischi non c'e' scelta: raid 1; per 4 1+0 e 6 se la battono in quasi parita'.

Edward

   
5. il nonno
martedì 27 ottobre 2009 alle 2:20 PM - chrome 3.0.195.27 Windows 7
   

rido perche' e' esattamente quello che sostengo anch'io (dopo doppia esperienza personale negativa con Raid 5).

Adesso per uso personale faccio backup alternativamente su due dischi completamente diversi. Il motivo per cui non uso un raid 1 e' che se per un qualche motivo il sistema e' "infetto" lo potrebbe essere anche il backup e cosi' almeno allargo la finestra temporale di possibilita' di avere un backup "sano".

Con 4 dischi preferisco 0+1 perche' in caso di guasto non perdi tanto tempo a ricostruire gli indici (e dovrebbe avere migliori performance sia in lettura che in scrittura).

   
6. Dovella ™ 【ツ】
martedì 27 ottobre 2009 alle 2:49 PM - chrome 3.0.195.27 Windows 7
   

Il Raid non si porta piu, 

usate il Baygon.

© dovellonsky production (1€ per la riproduzione della battuta in famiglia 5€ ambienti pubblici)

   
7. Gabriele
martedì 27 ottobre 2009 alle 2:56 PM - firefox 3.5.3 Ubuntu 9.04
   

@Paperino

Se il server non fosse Linux-only ti consiglierei backuppc:
http://backuppc.sourceforge.net/faq/BackupPC.html

È una soluzione di backup su disco, molto facile da configurare, che non richiede installazioni lato client (win o linux).

Usa rsync (anche per client win se viene installato) ma anche samba, salva i file in formati aperti (ossia rileggibili anche senza backuppc) e ha una strategia intelligente per salvare i file duplicati (che facendo backup di diverse partizioni di sistema di win sono tanti).

A questo aggiungi la configurazione ed il monitoraggio via web e la possibilità di fare backup di portatili collegati sporadicamente (anche via dhcp) e la possibilità di essere avvisati via email  in caso di mancato backup.

Secondo me è l'ideale per una piccola rete casalinga, dove vuoi che il backup sia fatto "alla zitta" senza doverlo fare manualmente.

   
8. Paperino
martedì 27 ottobre 2009 alle 6:26 PM - firefox 3.5.3 Windows 7
   

@Gabriele:

ci ho dato un'occhiata cercando appunto implementazioni RSync per Windows, che mi sembra il protocollo più efficiente per la sincronizzazione via internet.

Quello che vorrei appunto risolvere è la sincronizzazione di alcune share in remoto in quanto il sistema di backup bare metal di WHS è imbattibile (scopre i duplicati a livello di cluster anzichè di file ed il vantaggio è notevolissimo). Il livello di paranoia per pensare ad un offsite backup è ovviamente alto, ma non è negando il fatto che ci possano essere incidenti spettacolari che si risolve questo tipo di problemi.

Windows Live Sync, per rispondere a Marco, ha un paio di forti limitazioni: una di queste è che ci vuole un utente loggato; ci sono guide in giro ma non c'è niente che mi abbia davvero entusiasmato.

@Edward:

sì la crittografia per qualche foto può sembrare troppo, ma è niente se confrontata con la paranoia di un offsite backup.

   
9. genky
mercoledì 28 ottobre 2009 alle 9:57 AM - IE 8.0 Windows Vista
   

interessante discussione grazie delle informazioni

   
10. mario (wisher)
mercoledì 28 ottobre 2009 alle 9:26 PM - safari 531.9 OS X 10.6.1
   

Cosa suggerisci come sistema di backup che deve funzionare con Windows XP, Windows 7 e Mac OS X?

Io pensavo di usare un disco abbastanza grande collegato ad un PC e messo in rete (O meglio un NAS) in cui creare una partizione per ciascun PC ed utilizzare le utility integrate nei vari sistemi operativi per il backup.

Puo' andare bene o c'e' qualcosa di meglio?

   
11. Paperino
mercoledì 28 ottobre 2009 alle 9:37 PM - firefox 3.5.3 Windows 7
   

Di meglio ci sono i server HP che fanno sia da WHS che da supporto per Time Machine (migliore di Time Capsule per intenderci, non che ci voglia poi molto) e che hanno anche il sistema di ridondanza. Oggi come oggi credo che riesci a trovare un modello "vecchio" per molto poco.

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)