Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Automobilisti del Nord West

Guidare a Seattle non è come guidare in nessun’altra parte del mondo per quanto riguarda la fauna automobilistica e questo è dovuto essenzialmente a quattro fattori:

  1. il cambio automatico, molto popolare in America. Chi guida il cambio manuale è considerato esemplare da museo (vedasi sottoscritto)
  2. il livello di melting pot: si dice che Seattle sia una delle città più eterogenee di tutti gli Stati Uniti a livello di provenienza geografica dei suoi abitanti; probabilmente quindi anche di tutto il mondo
  3. il livello di geekness: la concentrazione di geek “puri” a Seattle, ovvero di gente incapace di sostituire una ruota di scorta, è una delle più alte del mondo
  4. l’aria generalmente rilassata e cool se confrontata con la frenesia di altre metropoli (Los Angeles, Seattle).

Il risultato è un campionario di manovre e situazioni automobilistiche altrove impensabili. Questi alcuni stereotipi che ho individuato:

Gli accodati: quasi tutte le strade “normali” hanno due corsie per ogni senso di marcia, quelle a più alta percorrenza hanno tratti a tre corsie soprattutto nelle vicinanze dei semafori. In queste condizioni ad un semaforo rosso ci si aspetterebbe che le macchine si distribuiscano equamente tra le due corsie senza svolta obbligatoria. Invece molto spesso capita di vedere una delle due corsie avere code di 10-15 veicoli in più rispetto all’altra per nessun motivo apparente.

I sorpassatori da manuale: per lo stesso motivo di cui sopra relativo al numero di corsie “sorpassare” è una operazione teoricamente molto semplice: si cambia corsia e si prosegue. I sorpassatori da manuale, sempre senza nessun motivo apparente, una volta superato il veicolo “lento” ritornano sulla corsia di prima certe volte senza neanche lasciare molto spazio dietro di loro e tagliando di fatto la strada a coloro che hanno appena superato.

Gli indecisi: gli indecisi cambiano corsia inutilmente e più volte.

Gli indaffarati: guidano ma al tempo stesso mangiano un biscotto inzuppato nel caffelatte alle tre del pomeriggio e tra un biscotto e l’altro leggono l’ultimo romanzo di Danielle Steel. Ne ho beccato una che in un momento di traffico intenso tra una frenata e l’altra spuntava le unghie dei piedi.

Gli imbranati: di solito provengono da piccoli paesini extra continentali molto rurali e sono abituati al traffico di un motoveicolo per kilometro quadro e a dare spesso la precedenza ad animali quadrupedi. Guidano come se fossero indaffarati-indecisi-accodanti ma senza averne nessun’altra peculiarità.

I corollari: sono quelli che guidano una Toyota Corolla. Sarà placebo ma da quando ho cominciato ad ipotizzare la correlazione tra Corolla e modo di guidare vado sempre più convincendomi che siano i più pericolosi automobilisti in circolazione. Può darsi che in altre parti del mondo i corollari siano ottimi automobilisti, ma non a Seattle e Dintorni.

-quack

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (14):
1. pluto
domenica 14 dicembre 2008 alle 3:22 AM - unknown unknown unknown
   

adesso inizio a raccogliere dati sulla guida dei corollari qua a los angeles poi ti faro sapere

   
2. Alessandro
domenica 14 dicembre 2008 alle 10:30 AM - unknown unknown unknown
   

Paperino disse:

>Guidare a Seattle

[...]

> 4. l’aria generalmente rilassata e cool se confrontata con

>la frenesia di altre metropoli (Los Angeles, Seattle).

ma allora Seattle è frenetica o no?

   
3. dovella
domenica 14 dicembre 2008 alle 10:31 AM - unknown unknown unknown
   

Passa a Napoli

   
4. Dario Solera
domenica 14 dicembre 2008 alle 11:38 AM - unknown unknown unknown
   

Qui invece c'è una relazione tra autisti di WV Golf ed il loro quoziente intelletivo/atteggiamento...

   
5. Enrico FOLBlog
domenica 14 dicembre 2008 alle 11:48 AM - unknown unknown unknown
   

@Dovella

Passa a Napoli

Prova ad andare in India....poi Napoli sembrerà Ginevra

   
6. Dovella
domenica 14 dicembre 2008 alle 1:04 PM - unknown unknown unknown
   

Mah?!

Io mi trovo in provincia di Napoli (Gragnano) e ti assicuro che non vado a Napoli centro manco se mi ammazzano.

Le mie città vicine nemmeno scherzano

esempio di monocorsia sfruttate a doppio senso con parcheggia in doppia fila e moto che sorpassano a destra sinistra e centro+ marciapidi.

Quando si abbassano i passaggi a livelli i pedono insieme ai motociclisti alzano le sbarre per attraversare prima del treno.

I semafori ancora oggi per me restano un mistero

Col rosso si passa -Giallo si passa- e verde devi stare attento perchè dall'altro lato qualcuno col rosso passa lo stesso

In rari casi dove il semaforo è rispettato (pericolosità estrema) quando dal rossi si passa al verde la gente sarebbe capace di sbarbare anche il mitico Valentino Rossi o il magico Michael Schumacker.

Quando le strade sono bloccate dal traffico Polizia-Ambulanze-Pompieri & co accendono le sirene (solo per finta senza urgenza ) e cominciano a superare , subito dietro le ambulanze Carabinieri etc. partono auto e moto bloccate dal traffico  seguendo la scia.

Molto sono le scene che mi sono rimaste impresse a Napoli centro come l'uso degli spartitraffico che la gente sfrutta come mini corsia (equilibristi) per le moto (solo che si beccano la sola quando acchiappano i pali della luce)

OT in T.

Una scena che non scorderò mai si abbassano le sbarre del passaggio a livello. tirava un forte vento, un signore con la barba lunga scende dalla macchina (macchina in moto) prende un caffè al volo al Bar e si piazza una sigaretta in bocca e probabilmente non aveva l accendino passa vicino al mio finestrino e disse mifai accendere?

Manco a farlo apposta avevo un accendino difettoso che sparava una fiamma impressionante , questo signore mette le mani ia paravento per accendere la sigarette e non appena ho "cliccato sull accendino" ha preso fuoco la barba del tizio :DDDDDDDDDDD

   
7. Pr3d
domenica 14 dicembre 2008 alle 2:00 PM - unknown unknown unknown
   

India, Egitto ma anche Cina.

C'è davvero da restare allibiti vedendoli guidare...

   
8. Kersal
domenica 14 dicembre 2008 alle 3:18 PM - unknown unknown unknown
   

in egitto la precedenza si da al più coraggioso...e vi giuro che non è uno scherzo! (anche al semaforo...dove verde, rosso o giallo non fa ASSOLUTAMENTE nessuna differenza [almeno a Napoli se il semaforo è rosso rallentano prima di passare...])

   
9. Paperino
domenica 14 dicembre 2008 alle 6:10 PM - unknown unknown unknown
   

@Alessandro:

Seattle è una città "busy" e te ne accorgi osservando il traffico nelle ore di punta nei soliti luoghi (SR-520, I-5 in corrispondenza di downtown, ecc.). Però il seattleano medio in queste condizioni non perde mai la calma: non strombazza mai, è sempre rilassato, ecc. Anche l'inserimento in corsia che altrove richiede skill da pirata della strada, avviene in maniera alternata ed ordinata. Insomma Seattle è una città busy ma non frenetica.

@Kersal:

nel mio paesino di provincia la precedenza se la prende quello con la faccia più bronzea. Se guardi negli occhi il tuo avversario devi cedere il passo.

   
10. Jack
lunedì 15 dicembre 2008 alle 11:04 AM - unknown unknown unknown
   

E' molto meglio che queste cose non me le diciate perchè mi fanno solo girare le scatole. Gente che passa col rosso? Ma siete pazzi?

 

OT: Applicazione Microsoft per iPhone, vedi link

www.techflash.com/.../...ragon_Mobile36113259.html

   
11. Filippo
lunedì 15 dicembre 2008 alle 11:58 AM - unknown unknown unknown
   

In Svizzera guidano come dei pazzi. Il luogo comune, qui, è che gli Italiano abbiano una guida spericolata, ma qui in Svizzera io non mi sento molto al sicuro quando giro in auto.

In autostrada non rispettano MAI la distanza di sicurezza e quando devono cambiare corsia mettono la freccia e... cambiano! Il 90% delle volte tagliando la strada a quello che è, ovviamente, 5 metri dietro.

Su strade normali visto che prima del verde c'è il giallo, sono pronti a scattare prima del verde. Dove non ci sono velox piazzati ai semafori, tendono a passare col giallo tendente al rosso.

Ho visto di persona la seguente scena (io ero a piedi in attesa di attraversare):
Prima macchina che arriva sparata. Da distante vede il semaforo che diventa giallo e inchioda di colpo per non passare. La seconda macchina (no distanza di sicurezza e semaforo in pieno giallo) arriva sparata e tampona la prima. La terza macchina (no distanza di sicurezza e semaforo decisamente rosso da un pezzo) arriva sparata e tampona la seconda che ritampona la prima.
Fortunatamente non si sono fatti male. Io mi sono fatto una grassa risata! 

   
12. 0verture
lunedì 15 dicembre 2008 alle 12:54 PM - unknown unknown unknown
   

Tutto questo spiega perchè il massimo che riescono a concepire in fatto di corse automobilistiche sia la Daytona.

Per carità carina ma di fatto le auto si guidano con due pedali come i go kart (e guai a toccare il freno a mano)

   
13. 0verture
lunedì 15 dicembre 2008 alle 12:55 PM - unknown unknown unknown
   

Prova ad andare in India

Ti basta Nizza. E' come l'India, con i napoletani in vacanza e le strade strette...

   
14. Matteo
venerdì 9 gennaio 2009 alle 11:24 AM - unknown unknown unknown
   

Hei! Io qua in Italia mi sono appena comprato una corolla... com'è che devo guidare per essere un corollario!?!

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)