Info:

twitter

Ultimi commenti: Comment feed

Tags:

Sponsor:

Archivio 2018:

Gen

Archivio 2017:

Dic Nov Ott Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2016:

Dic Nov Ott Ago Mag Mar Feb Gen

Archivio 2015:

Nov Ott Set Mar Gen

Archivio 2014:

Dic Nov Ott Set Lug Giu Mag Apr Gen

Archivio 2013:

Dic Nov Set Ago Lug Giu Mag Apr Feb Gen

Archivio 2012:

Dic Nov Ott Set Ago Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2011:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2010:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2009:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2008:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2007:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

Archivio 2006:

Dic Nov Ott Set Ago Lug Giu Mag Apr Mar Feb Gen

La bicicletta e la spider

Ritorno ad una metafora a me cara per chiarire alcuni punti del fenomeno “ibridi” imbarcando qualche altro fatto.

Sia la bicicletta che la spider sono mezzi di locomozione: spostano gente da un posto all’altro. Dal punto di vista teorico sono perciò interscambiabili. Dal punto di vista pratico svolgono compiti diversi seppure con la stessa finalità. In bicicletta nessuno si sognerebbe di fare il pendolare da 200km giornalieri. In auto nessuno si sognerebbe di buttarsi a rotta di collo giù per una montagna.

Il tablet è una bicicletta: uno svago, un mezzo di consumo soprattutto passivo, per guardare un film, leggere un fumetto o un foto-romanzo. Il PC, nell’accezione etimologica, è uno strumento di lavoro, un modo per raggiungere fini in maniera più veloce. Fino a qualche tempo fa era consuetudine usare il PC anche per fruizione passiva, adesso che finalmente sono arrivate le biciclette la gente compra quello che meglio si adatta alle proprie esigenze.

In Microsoft hanno provato a sviluppare il concetto di ibrido, un’idea sulla carta vincente. In virtù anche del peccato originale di Microsoft: secondo alcuni di loro la gente vuole solo i loro prodotti, per cui basta metterci un po’ di stucco, attaccare un manubrio e dei pedali ad un’utilitaria ed il gioco è fatto. Il risultato:

ibrido

Questo vezzo ha radici antiche. Le prime versioni di Windows (fino a XP per intenderci) erano delle GUI che giravano sopra il DOS; persino Windows 95 doveva fare miracoli per mantenere la baracca funzionante. Perché il mantra era: tutti hanno bisogno di DOS, la GUI è solo una facciata.

Sono passati quasi 30 anni ed il mantra si ripete: tutti hanno bisogno di Windows, il touch è solo una facciata. Con qualche modifica perversa.

Tornando alla bicicletta: un tablet/telefono nelle mie aspettative (e quelle di tanta gente comune) deve essere prima di tutto un elettrodomestico. Acceso/Spento, qualche funzione complicata (anche le lavatrici sono programmabili!), ma grosso modo pochi sbattimenti di balle. Microsoft gli elettrodomestici non riesce proprio ad immaginarli: per MS un elettrodomestico è un PC con un’interfaccia da elettrodomestico. Esempi: Windows Home Server, Windows Media Center (per ammissione di un developer del team), ecc. Questo non significa che siano scadenti, ma sicuramente sotto il punto della manutenzione le cose non sono ottimali rispetto a prodotti della concorrenza (Tivò, Time Capsule, ecc.). Con il Tivò ad esempio non mi era mai capitato di perdere una “funzionalità” a causa di un update (anche se la possibilità c’è), con MCE un giorno di punto in bianco alcuni filmati Netflix si inceppavano nella riproduzione al punto da richiedere CTRL+ALT+DEL –> Task Manager –> Kill Process(es).

Da un tablet non mi aspetto un aggiornamento con riavvio ogni paio di settimane (che poi visto come è lucchettata la piattaforma ARM non sarebbe neanche necessario). Un PC travestito invece ha bisogno di aggiornarsi ogni settimana.

Quindi gli ibridi non funzionano? Non sarei così categorico, ma quello che non funziona è l’accoppiata tra ibrido e experience consistency uber all fortemente voluta da JLG (non saprei se la cosa però partisse da SS). Significa far finta che TUTTI i PC abbiano il touch. Far finta che tutte le macchine abbiano pedali e che pedalare sia sempre la scelta più giusta in tutte le condizioni.

Alla stessa maniera, pensare di poter usare Excel o Explorer senza problemi senza un mouse è pura e propria idiozia.

Infine l’apice dell’idiozia è scoprire che – a dispetto della concorrenza – la piattaforma telefono (volendo una mini-bicicletta) è incompatibile dal punto di vista delle applicazioni con quella tablet. Il perché una applicazione scritta per touch da 10” debba essere più compatibile con uno schermo non touch da 24” che uno touch da 4” resta abbondantemente un mistero.

Questo però non vuol dire che ci sia gente che abbia piacere ad andare in giro con la macchina dei Flinstones.

-quack

Potrebbero interessarti anche:
Commenti (18):
1. Filippo
mercoledì 21 novembre 2012 alle 9:09 PM - safari 7534.48.3 unknown
   

Fino a qualche tempo fa era consuetudine usare il PC anche per fruizione passiva, adesso che finalmente sono arrivate le biciclette la gente compra quello che meglio si adatta alle proprie esigenze.

Mi leggi nel pensiero. Anche per lavoro (certi lavori) a volte basta un tablet. Non parliamo poi di quando si deve solo usare internet/posta/facebook o cazzeggiare...

   
2. floo
mercoledì 21 novembre 2012 alle 10:34 PM - chrome 23.0.1271.64 OS X 10.8.2
   

Perché non lo fai anche in inglese, Papero? Magari così arriva la replica di Ed Bott che ci indicherà come la spider a pedali sia il futuro

   
3. EnricoC.
mercoledì 21 novembre 2012 alle 10:52 PM - chrome 23.0.1271.64 Windows 7
   

92 minuti di applausi. Standing ovation.

   
4. il nonno
mercoledì 21 novembre 2012 alle 11:42 PM - chrome 18.0.1025.166 Android 4.2
   

altri 90 minuti di applausi... attendendo la replica di dovella che più o meno dirà: non capisci niente!

   
5. Snake
mercoledì 21 novembre 2012 alle 11:48 PM - firefox 17.0 Windows 7
   

@il nonno:

altri 90 minuti di applausi... attendendo la replica di dovella che più o meno dirà: non capisci niente!

O magari "se prima non provi la macchina dei Flinstones per una settimana, non puoi parlare!"

   
6. TroUblE
giovedì 22 novembre 2012 alle 4:33 AM - Opera 12.10 Windows 8
   

Mi trovo di convergere, idealmente parlando, sul fatto che Windows sia "qualcosa con qualcosa su che va di moda" perchè alla fine di questo stiamo parlando; e mi trovi d'accordo anche sul fatto che alcune applicazioni non hanno la giusta interfaccia grafica, e te prendi in esempio WMC ed Excel, ma ci torno dopo.
In linea di massima mi ritrovo nelle scelte di Microsoft, cercando di unificare tutti i prodotti sotto la medesima veste grafica e fissando dei paletti per gli sviluppatori, visto che gli stessi sviluppatori sui sistemi Apple sembra che le loro applicazioni debbano sfilar per Valentino, mentre su Windows si "prendono la libertà" di fare tutt'altro, roba che a volte veramente mi vien da pensare che le scrivano letteralmente con le dita dei piedi
Ritornando all'idea dell'ibrido, direi che citando Einstein "è tutto relativo", infatti al giorno d'oggi uno smartphone è un piccolo PC, il tablet è uno smartphone "oversize" che vuol fare il PC ed a volte telefona pure. Ma senza dilungarmi troppo dico che ultimamente vedo sempre più spesso le persone abbandonare il proprio PC in favore del Tablet, tanto parliamoci chiaro, il 90% dell'utenza consumer cosa ci fa col PC? Perde tempo su internet, Facebook, qualche email, giochini vari e poco più.. tutte cose che riescono più semplici attraverso il monitor touch di un tablet, sopratutto quando gli utenti in questione hanno decine di programmi che si avviano da soli allo start, pubblicità, virus et similia.. cosa c'è di più bello di usare un tablet in modo spensierato? Ecco che il tablet ruba letteralmente il posto al PC, se poi si integra al massimo con il proprio smartphone ancora meglio. Non è un infatti un caso che nel 2013 i tablet supereranno le vendite dei Notebook, quindi meglio anticipare i tempi e dare alla gente ciò che vuole, i.e. un sistema usabile al massimo, ovunque e "rigorosamente" touch, che tra poco anche nei bagni ci sarà un display touch per il "download" xD
Ritornando all'interfaccia di programmi "desktop" per "tablet" dò ragione a chi dice che non sono il massimo da usare con un touch e che (ad oggi) non possono replicare la produttività legata ad un mouse e una tastiera, ma per come la vedo io, se si è in "mobilità" avere una versione FULL di Office per modificare i propri file non è così male, e nel caso ci si collega mouse e tastiera per fare le cose "come si deve".
Ricapitolando chi prende per esempio un "Surface" può usarlo come un canonico tablet, e dentro casa può posizionarlo sulla scrivania dietro ad un mouse e una tastiera (magari una type cover) ed usarlo al posto del PC (sempre per l'uso descritto ad inizio commento). Poi un giorno smartphone, tablet e PC saranno sostituiti da un unico device, ma questo è un altro discorso

ps: so che a volte non riesco a spiegarmi al meglio, ma questa è la mia idea, seppur un pò lunghetta xD

pps: un saluto al grande Dovella che non mancherà di dire la sua, e aspetto con ansia il suo commento!

   
7. bondocks
giovedì 22 novembre 2012 alle 7:27 AM - IE 9.0 Windows 7
   

Ma i due alla guida sono i due steve?

Aggiungo i tempi supplementari ai 92 minuti di EnricoC.

Speriamo in un piccolo rinsavimento...

   
8. Courtaud
giovedì 22 novembre 2012 alle 9:26 AM - Opera 12.10 Android 2.3.6
   

"T'è vorsu la bicicleta? Adess pedala!"

Stiamo pagando, noi prima di MS, l'innamoramento per lo stile Apple mobile, ossia per la semplificazione intesa come dumbing down e amputazione di funzioni, per la spettacolarizzazione senza sostanza ma con la precedenza su tutto e la limitazione feroce delle libertà di scelta dell'utente. E me li ricordo benissimo quelli che sostenevano che con lo schermetto dei tabletti manovrati coi ditoni e con le app e le nuvole si poteva lavorare be-nis-si-mo. Scritto qui su questo forum nemmeno tanto tempo fa.

Anche parecchio - e GODO che vi bruci - il sostanziale, profondo disprezzo per l'utente comune - il cliente pagante, cari e care - che tanto ha solo bisogno di leggere la mail e cazzeggiare su facebook e guardare un po' di siti quindi perché dargli più del minimo strettamente indispensabile e perché lasciargli la libertà di decidere cosa fare con i device che compra pagando un botto?

Bene, finalmente MS vi sta ascoltando, cari e care. Siete nel mondo che vi volevate, ma naturalmente per gli altri.

Vi piace?

   
9. FOLBlog
giovedì 22 novembre 2012 alle 12:45 PM - chrome 23.0.1300.0 Windows 7
   

Ottima riflessione che con me sfonda porte aperte.
Continuo però a vedere vantaggi ad avere un ibrido (almeno in certi campi), a patto che sia abbastanza smart da rilevare il contesto nel quale viene utilizzato, le periferiche di input a disposizione e perciò proporre la modalità di interazione più adatta.
Ancor meglio sarebbe la realizzazione di un'interfaccia che consenta l'interazione indifferente con ditoni, urla, pennini, penne, mouse, tastiere fisiche e/o virtuali e mosse di karate rilevabili dalla fotocamera.
Almeno per quanto riguarda tablet e PC (viste le dimensioni dello schermo).

L'idea del PadPhone Asus potrebbe indicare un modo di realizzare questi ibridi: l'unità centrale sarebbe quella che uno si porta sempre dietro; inserita in un'apposita docking station (anche virtuale con connessione wireless a corto raggio) consente un'interazione simile a quella a cui ci hanno abituato i PC e la visione su schermo di polliciaggio superiore; staccata dalla docking station (allontanata dal raggio di azione della docking station virtuale) è utilizzabile come un tablet, con caratteristiche da tablet (schermo ridotto, peso contenuto, alta trasportabilità). In situazioni di emergenza (e questo è uno dei vantaggi che riconosco alla soluzione ibrida) sarebbe comunque possibile utilizzare (auspicabilmente con una minima riduzione del confort) gli stessi programmi utilizzati nell'ambiente desktop anche sul tablet, questo grazie all'interfaccia smart. 

Uno dei vantaggi della soluzione ibrida potrebbe essere quella di non costringere l'utente ad acquistare più unità centrali (una è lo smartphone, una è il tablet, l'altra il computer): se ne acquista una, potente quanto basta ber soddisfare le esigenze più dispendiose in termini di capacità di calcolo e la si usa ovunque.

In questo caso, per utilizzare la medesima metafora utilizzata da Paperino, sarmmo di fronte ad un'automobile-transformer che avrebbe un motore minuscolo e la capacità di trasformarsi in bici a pedali, delataplano a motore, motoscafo, a comando.

 

   
10. Emiliano
giovedì 22 novembre 2012 alle 1:08 PM - firefox 17.0 Linux
   

@il nonno: Ahah! Dovella direbbe: "aspettavo la macchina dei Flintstones da anni, Microsoft ha aperto la via"

   
11. dovellatabRT
giovedì 22 novembre 2012 alle 11:18 PM - IE 10.0 Windows 8
   

mi spiace ma non e cosi. Questo ibrido funziona meglio degli altri , bisogna solo avere l'apertura mentale che queste ruote quadrate hanno dei binari diversi, e siccome è il primo approccio reale in questa direzione , grazie a questo esperimento sarà perfezionato il nuovo standard.

Man mano che moriranno le vecchie app ed aggiorneranno le nuove app a questi nuovi standard , sturto aveà un senso compiuto.

 

   
12. Dovellonsky
sabato 24 novembre 2012 alle 10:00 AM - chrome 23.0.1271.64 Windows XP
   
   
13. Courtaud
sabato 24 novembre 2012 alle 11:01 AM - Opera 12.11 Windows 7
   

Ahahahah, no.

   
14. il nonno
domenica 25 novembre 2012 alle 7:36 PM - IE 9.0 Windows 7
   

http://www.riagenic.com/archives/1000

hey oste, com'e' il vino?

 

   
15. Paperino
lunedì 26 novembre 2012 alle 6:31 AM - safari 534.30 Android 4.0.4
   

L'articolo è da ammirare per tantissimi motivi. Appena ho un attimo di respiro ci facciamo due risate?

   
16. Paperino
giovedì 29 novembre 2012 alle 6:47 PM - chrome 18.0.1025.166 Android 4.0.4
   

Windows 8 tablet sales have been almost non-existent, with unit sales representing less than 1 percent of all Windows 8 device sales to date," according to NPD's press release.

A quanto pare la macchina dei Flinstone non è questo grande successo che dovella e co. speravano

   
17. floriano
domenica 2 dicembre 2012 alle 6:18 PM - Opera 12.11 Linux
   

per fortuna di microsoft su windows 8:
* esiste la retrocompatibilità
* è comunque veloce
* male che vada con qualche estensione si recuperano delle funzionalità perse
* è preinstallato su quasi tutto i pc e quindi non ci sono problemi di vendita (anche per mancanza di concorrenti)
* windows 7 è ancora in commercio
* apple ha prezzi superiori con un suo mondo fatto di recinti
* linux è troppo variegato e fanno la guerra tra loro anche per delle schiocchezze come le librerie (quelli delle gtk sono proprio permalosi)
* android è troppo orientato al touch per impensierire microsoft sui pc (oltre che a esser un bug continuo)
* chome os è un barzelletta in html e neanche lo considero

con queste considerazioni possono permettersi di rischiare senza troppe perdite, sia nel mondo pc per la sua enorme diffusione che nel mondo mobile dove contano poco e nulla e quindi non cambia granchè...

   
18. Kersal
sabato 8 dicembre 2012 alle 9:44 AM - firefox 17.0 Windows 7
   

Ciao Papero,

io ho un Asus Slate B121 da un anno ormai. E' un tablet "per professionisti"... windows 7, I5, 4 Gb di ram, HD da 60Gb solid disk. Insomma è un PC in miniatura. Ovviamente lo schermo è touch sia resisistivo (con penna e sensore di pressione) che capacitivo (max 2 dita). Io faccio l'ingegnere e vado in giro per cantieri e ti assicuro che avere un PC così flessibile per le mani è fantastico.

Senza considerare che ci attacchi il mouse e la tastiera (in bundle te ne danno una ergonomica bluetooth) diventa un PC con schermo da 10".

Recentemente ho installato Win8 e, come un poco mi aspettavo, l'esperienza è migliorata in maniera esponenziale. La nuova tastiera e la nuova interfaccia sono geniali per l'uso "touch", tanto è vero che non ho più sentito il bisogno di agganciare mouse e tastiera.

   
Lascia un commento:
Commento: (clicca su questo link per gli smiley supportati; regole di ingaggio per i commenti)
(opzionale, per il Gravatar)